Telefono di 1.200 anni, incredibile invenzione dell’antica civiltà Chimu

Un telefono di 1.200 anni, una meraviglia di antica invenzione, sorprende quasi tutti coloro che ne sentono parlare.

Secondo quanto riferito, il delicato artefatto di comunicazione trovato tra le rovine di Chan Chan, in Perù, è noto come il primo esempio di tecnologia telefonica nell’emisfero occidentale.

chimu
Un uomo vestito da élite Chimu o sacerdote tra le rovine di Chan Chan, Perù.

Questo manufatto apparentemente fuori luogo è la prova dell’impressionante innovazione del popolo chimu costiero nella valle del Río Moche, nel nord del Perù. Ramiro Matos, curatore del National Museum of the American Indian (NMAI) ha dichiarato allo Smithsonian: “Questo è unico. Solo uno è mai stato scoperto. Viene dalla coscienza di una società indigena senza lingua scritta”.

Come è stato realizzato il telefono Chimu?

Il primo “telefono” sembra essere un rudimentale dispositivo di trasmissione del parlato, molto simile al “telefono dell’amante” che è noto da centinaia di anni, ma che è diventato popolare nel XIX secolo. Il telefono del vecchio amante era di solito composto da barattoli di latta collegati con uno spago, usati per parlare avanti e indietro; e soprattutto visto come una novità. Tuttavia l’antico dispositivo Chimu, descritto come uno strumento, è composto da due cime di zucca legate con un pezzo di corda.

Le zucche, lunghe ciascuna 3,5 pollici (8,9 centimetri) sono ricoperte di resina e fungono da trasmettitori e ricevitori di suoni. Intorno a ciascuna delle basi della zucca c’è una membrana di pelle tesa. La linea di 75 piedi (22,8 metri) che collega le due estremità è fatta di spago di cotone.

La semplicità del dispositivo nasconde le sue implicazioni archeologiche.

telefono antico
L’enigmatico antico dispositivo di comunicazione. Credito: Museo nazionale Smithsonian degli indiani d’America

Il mistero del prezioso telefono antico

Secondo quanto riferito, questo manufatto unico nel suo genere precede le prime ricerche sui telefoni del 1833 (iniziate con dispositivi a stringa non elettrici) di oltre mille anni.

Il dispositivo a forma di zucca e corda è troppo fragile per essere testato fisicamente, ma i ricercatori possono ricostruire come potrebbe aver funzionato lo strumento. Quello su cui devono continuare a speculare, tuttavia, è come i Chimu usassero questo antico telefono: qual era il suo scopo?

Poiché è noto che i Chimu erano una società dall’alto verso il basso, è ovvio che solo l’élite o la classe sacerdotale sarebbe stata in possesso di uno strumento così prezioso, afferma Matos. Il prezioso telefono, con la capacità apparentemente magica di incanalare le voci attraverso lo spazio per essere ascoltate direttamente nell’orecchio del ricevitore, era “uno strumento progettato per un livello di comunicazione dirigenziale”, secondo Matos.

Potrebbero esserci state molte applicazioni per questo vecchio telefono, come la comunicazione tra novizi o assistenti e le loro élite di rango superiore attraverso camere o anticamere. Non sarebbe stato necessario alcun contatto faccia a faccia, preservando lo status e garantendo la sicurezza.

Come molte altre antiche meraviglie, anche il telefono Chimu potrebbe essere stato un dispositivo per sbalordire i fedeli. Le voci disincarnate emesse da un oggetto tenuto in mano potrebbero aver scioccato e convinto le persone dell’importanza e della posizione della classe superiore o dei sacerdoti.

Oppure, ci sono alcuni che considerano l’oggetto zucca e spago semplicemente un giocattolo per bambini. Se tali novità non sono i nostri moderni oggetti sacri, perché devono essere creduti oggetti religiosi o strumenti sacerdotali per gli umani del passato?

Il manufatto era in possesso del barone Walram V. Von Schoeler, un aristocratico prussiano, descritto in modo meno lusinghiero come un “oscuro avventuriero tipo Indiana Jones”. Ha partecipato a molti scavi in ​​Perù negli anni ’30 e potrebbe aver scavato lui stesso il manufatto dalle rovine di Chan Chan.

Ha distribuito la sua collezione tra vari musei e il manufatto alla fine è finito nel deposito del National Museum of the American Indian nel Maryland, negli Stati Uniti, dove è trattato delicatamente e conservato in un ambiente a temperatura controllata come uno dei più grandi del museo tesori.

Segni di un popolo abile e inventivo

Matos, un antropologo e archeologo specializzato nello studio delle Ande centrali, ha spiegato: “I Chimu erano un popolo abile e inventivo“, che era un’impressionante società di ingegneria. Ciò può essere dimostrato dai loro sistemi idraulici di irrigazione dei canali e dai loro elaborati e dettagliati lavori in metallo e manufatti.

Scultura Chan Chan
Scultura e architettura Chan Chan.
costruzioni capitale Chimu
Le incredibili costruzioni della capitale Chimu, Chan Chan.

I Chimu erano il popolo del Regno di Chimor, e la loro bellissima capitale era Chan Chan (tradotto come Sun Sun), un vasto complesso di mattoni di fango — il più grande sito di mattoni del mondo — ed era la più grande città del Pre- Sudamerica colombiano.

Chan Chan era di quasi 20 chilometri quadrati (7,7 miglia quadrate) ed era abitata da 100.000 residenti durante la sua altezza intorno al 1200 d.C. L’intera città era fatta di fango modellato e essiccato al sole, ed era riccamente decorata con sculture, rilievi e incisioni murali su quasi ogni superficie.

La cultura Chimu sorse intorno al 900 d.C., ma alla fine fu conquistata dagli Inca intorno al 1470 d.C.

Il telefono Chimu e molte altre incredibili tecnologie antiche ci ricordano che le culture antiche erano capaci di meravigliose invenzioni, idee e creazioni molto prima che le nostre società moderne “sofisticate” le inventassero (a volte per la seconda volta).

VEDI ANCHE▶ Osiriani: la “civiltà avanzata” vissuta in Egitto prima dei faraoni

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Gascoigne, Bamber. “History of Communication: Better than shouting” HistoryWorld. From 2001, ongoing. [Online] Disponibile qui.

Baldwin, Neil. 2013. “There’s a 1,200-year-old Phone in the Smithsonian Collections”. Smithsonian. [Online] Disponibile qui.

Dhwty, 2014. “Chan Chan – The Largest Mud-Brick City in the World”. Ancient Origins [Online] Disponibile qui.

Smithsonian Institution. 2014. “Meeting of the Board of Regents” PDF [Online] Disponibile qui.

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ufo e Alieni

Pin It on Pinterest

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina