La mummia egizia incinta scoperta dagli scienziati

Un feto mummificato identificato nell’utero coriaceo di un’antica mummia egizia incinta è stato conservato per più di 2000 anni. Ora, gli scienziati hanno descritto i processi insoliti che hanno portato alla sua conservazione.

Il Warsaw Mummy Project è stato lanciato nel 2015 da un team di bioarcheologi dell’Università di Varsavia. Il loro sito web afferma che mirano a “esaminare a fondo le mummie umane e animali dell’antico Egitto al Museo Nazionale di Varsavia“.

La mummia egizia con feto mummificato

Nell’aprile 2021, la BBC ha annunciato che un team di ricercatori del progetto Varsavia ha pubblicato un articolo sul Journal of Archaeological Science rivelando il primo caso documentato di un’antica mummia egizia incinta e del suo feto mummificato.

La mummia di 2000 anni, attualmente in mostra al Museo Nazionale di Varsavia, fu inizialmente ritenuta essere i resti di Hor-Djehuti, un sommo sacerdote di Amon dai tempi di Ahmose I che visse all’inizio del XVIII secolo Dinastia (dal 1539 al 1292 a.C.).

Tuttavia, nel 2016, il progetto di Varsavia ha annunciato che la mummia era in realtà quella di una donna incinta imbalsamata che era tra la 26a e la 30a settimana di gravidanza quando è morta ed è stata mummificata!

Scansioni a raggi X dell’antica mummia incinta egizia e del suo feto mummificato. A sinistra, il sarcofago che conteneva la mummia. ( Warsaw Mummy Project /Journal of Archaeological Science)

Il feto mummificato: una prima mondiale per i tessuti molli dell’antico Egitto

Nell’aprile 2021 ci siamo occupati della pubblicazione del primo studio dello scienziato sulla mummia incinta. A quel tempo, il dottor Wojciech Ejsmond, autore principale dell’Accademia polacca delle scienze, ha detto a The Sun che mentre nella tomba di Tutankhamon sono state trovate mummie di bambini, questa è stata la prima volta che una donna incinta è stata preservata con dei tessuti molli.

Ad aprile, il dottor Ejsmond ha affermato che “sono necessarie ulteriori ricerche“. Ora, la stessa squadra è tornata in prima pagina dopo aver svolto la suddetta ricerca sul feto mummificato e dicono che i misteri della mummia incinta esistono solo a causa di un insolito processo chimico che ha portato il feto a essere “decapato” e intrappolato nel tempo.

Il team ha condotto varie scansioni della mummia incinta e del suo feto mummificato. ( Warsaw Mummy Project )

Feto mummificato sopravvissuto grazie alla polvere di Natron dopo la morte

Il professor Ożarek-Szilke è co-direttore del Warsaw Mummy Project. In un nuovo articolo pubblicato sul Journal of Archaeological Science, il bioarcheologo ha spiegato che per asciugare il cadavere della donna incinta gli imbalsamatori la ricoprivano di natron, un composto naturale di sali di sodio che era ampiamente usato nella preistoria in Egitto, Medio Oriente e Grecia.

La polvere era usata principalmente come bicarbonato di sodio in cucina, medicina e agricoltura, ma aveva anche applicazioni nella fabbricazione del vetro e nella mummificazione.

Il Natron agisce come un disinfettante naturale e un agente essiccante, ed era l’ingrediente principale utilizzato nell’antico processo di mummificazione egizio. Dopo aver rimosso gli organi e riempito le cavità interne con natron secco, i tessuti del corpo sono stati preservati.

Quindi, il cadavere è stato riempito con fango secco del Nilo, segatura, licheni e panni asciutti per renderlo più flessibile nell’aldilà. Gli scienziati hanno scritto nel nuovo studio che quando il natron è stato sparso sulla donna incinta “ha causato la manifestazione di acido formico e altri composti” all’interno dell’utero della donna, creando le condizioni perfette per preservare il feto.

scansione mummia 2
Le scansioni della mummia incinta hanno rivelato un feto mummificato, come si vede in queste scansioni addominali dei suoi resti. (Warsaw Mummy Project/Journal of Archaeological Science)
Grazie agli alti livelli di PH, si è verificata la mineralizzazione

I giardinieri sanno fin troppo bene, così come i medici, che i livelli acidi e alcalini (pH) in natura determinano il successo di tutta la crescita organica.

Il PH è una misura della quantità relativa di idrogeno libero e ioni ossidrile nell’acqua: con gli ioni idrogeno più liberi si ottiene una maggiore acidità. Durante la vita, un pH alto (acido) nel sangue è chiamato alcalosi, mentre un pH basso è chiamato acidosi, ed entrambi possono portare a gravi complicazioni renali.

Nel caso della donna incinta mummificata l’acidità aumentata serviva a preservare il feto.

A causa di diversi processi chimici legati alla decomposizione, affermano gli scienziati, il livello di pH all’interno del corpo della donna si è spostato da un ambiente alcalino a uno più acido.

Il nuovo documento spiega che questi acidi hanno fatto seccare i minerali intrappolati all’interno delle minuscole ossa fetali e nel tempo si sono “mineralizzati” o “messi in salamoia”.

Il dottor Ożarek-Szilke ha spiegato che le scansioni dell’antico feto mummificato egizio mostrano il “teschio mineralizzato” del feto, che si è sviluppato più velocemente. Anche le mani e i piedi appaiono sulle scansioni, ma queste non si sono mai formate con le ossa, ma hanno lasciato solo tessuti secchi.

A cura di Ufoalieni.it


Resources 

Notizia Fonte

Immagine in alto: scansione del feto mummificato scoperto all’interno della mummia incinta. Fonte: Warsaw Mummy Project

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...
1.9K+Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina