La NASA annuncerà un’importante scoperta sulla Luna

La NASA annuncerà un’importante scoperta sulla Luna. E sebbene l’agenzia non abbia fornito ulteriori dettagli, ci sono diversi indizi che potrebbero rivelare di cosa si tratta. Di seguito anticipiamo cosa sono e l’eventuale annuncio.

L’annuncio è atteso per le ore 18:00 italiane del 26 ottobre 2020.

L’unico dato che abbiamo ora per la deduzione è che la scoperta è stata fatta con l’Osservatorio Stratosferico per l’Astronomia Infrarossi (SOFIA) e che “contribuisce all’esplorazione spaziale e alla futura colonizzazione del nostro satellite”.

È il più grande osservatorio aereo del mondo ed è in realtà un Boeing 747SP della NASA modificato per trasportare un telescopio riflettente di 2,5 metri costruito dall’agenzia spaziale tedesca DLR. A differenza dei telescopi sulla superficie terrestre, SOFIA vola ad un’altitudine compresa tra 11 e 13 chilometri, nella stratosfera del nostro pianeta.

Lì, l’osservatorio può librarsi sopra il 99 percento dell’atmosfera bloccando le lunghezze d’onda dell’infrarosso, consentendo di studiare l’universo dell’infrarosso (tra le lunghezze di 0,3 e 1600).

Gli strumenti di SOFIA hanno precedentemente rilevato l’ossigeno nell’atmosfera marziana e le molecole di idruro di ghiaccio nella nebulosa planetaria NGC 7027, finora non rilevate nel mondo naturale. Le sue numerose misurazioni a infrarossi hanno anche contribuito a far luce sulle collisioni esoplanetarie e sul cuore della nostra e di altre galassie.

sofia acqua sulla luna
Sopra: centro della Via Lattea nell’infrarosso. In basso: SOFIA Boeing 747SP.

Questa volta l’osservatorio ha rivolto lo sguardo a qualcosa di più vicino a casa. “La nuova scoperta è in linea con gli studi sulla Luna destinati a facilitare la futura colonizzazione nell’ambito del programma Artemis“, ha detto l’agenzia in una nota.

I relatori alla conferenza stampa informativa includono lo scienziato della missione SOFIA Naseem Rangwala dell’Ames Research Center e Jacob Bleacher, capo della direzione della NASA per l’esplorazione umana e le operazioni di missione.

Tre degli scienziati nominati – Paul Hertz, Jacob Bleacher e Naseem Rangwala – sono membri senior del team in varie operazioni della NASA relative alla ricerca. Insieme rappresentano la divisione di astrofisica della Direzione per l’esplorazione umana e le operazioni di missione.

Ma c’è una quarta persona nell’elenco degli oratori che potrebbe essere quella che ci dice di più sull’argomento. Abbiamo parlato di Casey Honniball, ricercatrice presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

Loading...

Acqua sulla Luna?

Come riporta il blog della NASA Watch, il dottor Honniball ha condotto ricerche approfondite su come potremmo trovare l’acqua sulla Luna.

La sua tesi di dottorato è disponibile online, ed è intitolata “Telerilevamento a infrarossi di componenti volatili sulla Terra e sulla Luna“, include un rapporto in cui lei e il suo team hanno “sviluppato un nuovo approccio per rilevare la molecola d’acqua” sul nostro satellite, con una tecnica che si basa sull’astronomia a infrarossi.

Nello scritto si precisa che il metodo è stato testato con la missione SOFIA, poiché tali osservazioni sono possibili solo da un telescopio per aria.

Utilizzando i dati di SOFIA, abbiamo riportato il primo rilevamento diretto della molecola d’acqua sulla superficie illuminata della Luna“, riassume Honniball.

Ad agosto, il medico è stato anche l’autore principale di un altro articolo:  Telescopic Observations of Lunar Hydration: Variations and Abundance, pubblicato sulla rivista specializzata Geophysical Researc: Planets.

Come suggerisce il titolo, esplora in dettaglio le possibilità dell’acqua sulla Luna e come potrebbe comportarsi. Tenendo conto di tutto ciò, l’elenco dei nomi alla conferenza stampa della NASA suggerisce che l’annuncio ha qualcosa a che fare con il rilevamento di ACQUA SULLA LUNA.

E anche se in precedenza ci sono state prove per questo, non è ancora considerato definitivo e i ricercatori sanno relativamente poco su come questa acqua potrebbe comportarsi o essere trovata.

 Casey Honniball
Dottor Casey Honniball.

Come indicato dall’agenzia spaziale, la scoperta dell’acqua sulla Luna sarebbe di grande interesse per il programma Artemis, ovvero il ritorno dell’umanità sulla superficie lunare e l’instaurazione di una presenza permanente lì che consente un’esplorazione più profonda del sistema solare, come Marte.

L’acqua sarebbe un elemento fondamentale per tali missioni, agendo come un modo per idratare gli astronauti e per il carburante per inviarli su altri pianeti o tornare sulla Terra.

VEDI ANCHE▶Probabile impatto di un asteroide con la Terra il 2 novembre

A cura di Ufoalieni.it


NASA MOON NEWS: CLUES EMERGE ABOUT ‘EXCITING’ NEW ANNOUNCEMENT
https://www.independent.co.uk

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest