La verità su padre Crespi

La storia di Padre Crespi è una delle più enigmatiche mai raccontate: una civiltà sconosciuta, incredibili manufatti, un’enorme quantità di simboli scritti su lastre d’oro appartenenti a una lingua sconosciuta e strane rappresentazioni che collegano l’America precolombiana con gli antichi Sumeri.

La cronaca degli eventi, e il modo in cui sono stati trattati, secondo molti, rivela una cospirazione per nascondere la verità sulla storia dell’umanità.

Padre Crespi collection

Padre Carlos Crespi Croci era un monaco salesiano nato in Italia nel 1891. Ha studiato antropologia all’Università di Milano, prima di diventare sacerdote. Nel 1923 fu assegnato alla piccola città andina di Cuenca in Ecuador per lavorare tra gli indigeni. Fu lì che dedicò 59 anni della sua vita al lavoro di beneficenza fino alla sua morte nel 1982.

Padre Crespi è noto per una moltitudine di talenti – che è stato educatore, antropologo, botanico, artista, esploratore, cineasta e musicista – così come per i suoi intensi sforzi umanitari in Ecuador, in cui ha fondato un orfanotrofio con mezzi educativi, con il assistenza ai poveri, dava cibo e denaro e si prendeva molto cura della gente.

Mentre camminava per la città di Cuenca, è chiaro che Crespi ha conquistato il cuore della gente – oggi una statua di lui che aiuta un bambino rimane nella piazza davanti alla chiesa di María Auxiliadora, e la popolazione locale abbastanza vecchia da averlo conosciuto condividere storie sui suoi intensi sforzi caritatevoli. Il Consiglio comunale di Cuenca lavora da anni con il Vaticano per far riconoscere padre Crespi come santo.

fotografia di Padre Crespi
Fotografia di padre Crespi con alcuni bambini del luogo. Museo Universitario Politecnico Salesiano

Fotografia di padre Crespi con alcuni bambini del luogo. Museo Universitario Politecnico Salesiano

Tuttavia, non è stato solo il popolo di Cuenca che ha aiutato. Padre Crespi aveva anche un profondo interesse personale per le numerose tribù indigene in tutto l’Ecuador e ha cercato di conoscere la loro cultura e tradizioni, oltre a offrire aiuto quando possibile.

Le persone parlano della loro dedizione a una vita di povertà volontaria, a volte dormendo sul pavimento di piccole capanne appartenenti a popolazioni indigene, con un’unica coperta.

La clip qui sotto è stata girata da Padre Crespi nel 1927 ed è il primo film sulla vita e la cultura della comunità Shuar.

Fu grazie alla dedizione di padre Crespi che la gente iniziò a portargli manufatti come offerte di gratitudine. Questi manufatti provenivano da tutti gli angoli del paese e oltre, ed erano rappresentativi delle opere di quasi tutte le culture indigene dell’Ecuador.

Altri oggetti, tra cui numerose lastre di metallo intagliato, furono ritenuti intagli o repliche odierne di manufatti antichi, anche se Crespi mostrò sempre grande apprezzamento a prescindere dal valore della donazione. Non volendo famiglie impoverite, dando loro dei soldi, Crespi iniziò a pagare alcune persone per gli oggetti che gli portavano, spiega Philip Coppens:

Quando i poveri gli portavano queste targhe o altri manufatti, la gente del posto sapeva che li raccoglieva, si assicurava che fossero ricompensati per i loro sforzi. Sapeva che molte famiglie locali erano povere, ma quell’orgoglio impediva loro di chiedere denaro, a meno che non fosse in pagamento di qualcosa. E quindi, sempre più lastre di metallo sono state trovate sulla loro strada, Crespí era sicuro, erano falsi”.

Nel corso del tempo, padre Crespi acquisì più di 50.000 oggetti, molti dei quali furono custoditi nel cortile della chiesa di Maria Auxiliadora fino a quando il Vaticano non gli diede il permesso di avviare un museo per ospitare la collezione.

Sfortunatamente, molti dei manufatti furono distrutti in un incendio nel 1962. Dopo la morte di Padre Crespi, i manufatti rimanenti furono rimossi e di essi rimasero poche tracce. Diverse affermazioni sono sorte su cosa sia successo ai manufatti sopravvissuti all’incendio: alcuni dicono che siano stati conservati nell’archivio di Maria Ausiliatrice, altri dicono che siano stati venduti a collezionisti privati, o che siano stati inviati in Vaticano.

artefatti ritrovati

Mentre migliaia di manufatti erano normali e potevano essere chiaramente classificati in base alla loro età e alla cultura indigena a cui appartengono, rimase un piccolo sottoinsieme di oggetti che provocò intense polemiche.

Alcuni dei manufatti sono in stile babilonese, altri sembrano essere stati scolpiti in oro con strani motivi e simboli che non ricordano gli oggetti di nessuna cultura sudamericana. Alcune delle tavole d’oro sembrano mostrare un qualche tipo di scrittura antica, anche se, per quanto ne sappiamo, nessuna di esse è stata identificata e non è stata nemmeno tradotta.

Richard Wingate, un esploratore e scrittore con sede in Florida, visitò Padre Crespi tra la metà e la fine degli anni ’70 e fece fotografare la vasta collezione di manufatti. Egli ha detto:

In un capannone polveroso e angusto nel portico laterale della Iglesia de María Auxiliadora a Cuenca, in Ecuador, si trova il tesoro archeologico più prezioso della terra. Là dentro è immagazzinato il valore abbagliante dell’oro di oltre un milione di dollari, e molto argento, ma il valore della moneta di questo tesoro dimenticato non è il suo valore capitale.

Ci sono antichi manufatti identificati come assiri, egiziani, cinesi, africani e così perfetti nella lavorazione e nella bellezza che qualsiasi direttore di museo li considererebbe acquisizioni di prima classe.

Poiché questo tesoro è la più strana collezione di oggetti archeologici antichi esistente, il suo valore risiede nelle domande storiche che solleva e alle quali richiede risposte. Tuttavia, è sconosciuto agli storici e volutamente trascurato nelle riviste di archeologia ortodossa” . [ Compilato da Glen W Chapman, 1998 ].

Di seguito è possibile vedere un video che mostra Padre Crespi con i manufatti più controversi. Lo stesso Crespi afferma che questi manufatti non provenivano dall’Ecuador, ma da Babilonia.

Nel 1973, un ex astronauta svizzero Erich von Däniken pubblicò il suo sensazionale libro “L’oro degli dei, affermando che Juan Moricz, un aristocratico uomo d’affari argentino-ungherese, scoprì una serie di tunnel nelle grotte di Tayos dell’Ecuador che contenevano una ” Biblioteca di metallo ” e numerosi oggetti d’oro e che questi oggetti furono consegnati a Crespi, che fa parte della sua controversa collezione.

Inoltre, Däniken ha affermato che i manufatti erano stati creati da una civiltà perduta con l’aiuto di esseri extraterrestri. Divenne famoso padre Crespi e la storia dei suoi manufatti.

Secondo Moricz e Däniken, la cosiddetta Biblioteca di metallo consisteva di migliaia di libri realizzati con pagine di metallo, ciascuna pagina incisa su un lato con simboli, disegni geometrici e iscrizioni.

Quindi… cosa è successo a questi misteriosi libri e pagine di metallo ed erano autentici? Ti invitiamo a scoprire di più su questa emozionante storia!

Padre Crespi con un artefatto metallico

 

VEDI ANCHE▶ Un misterioso “oggetto circolare” trovato in Antartide da Google Maps

A cura di Ufoalieni.it

277Shares