Le misteriose pietre Dropa di 12.000 anni, prove di un antico contatto alieno?

Le misteriose pietre Dropa: più di 80 anni fa, gli archeologi cinesi scoprirono un sistema di grotte con scheletri agghiaccianti con teste allungate, una mappa cosmica e più di 700 strani dischi …

La misteriosa scoperta sarebbe stata fatta nel 1930, quando Chi Pu Tei, un professore di archeologia all’Università di Pechino e i suoi studenti erano in spedizione per esplorare una serie di grotte nelle inaccessibili montagne di Bayan Kara Ula, vicino al Tibet, che erano presumibilmente scolpite artificialmente in un sistema di tunnel sotterranei.

Secondo questi eventi, si dice che il professore Chi Pu Tei e i suoi studenti trovarono tombe con scheletri di 1,38 m di altezza sepolti al loro interno. Gli scheletri avrebbero avuto teste anormalmente grandi e corpi piccoli, sottili e fragili. Oltre ai resti scheletrici, il professore e i suoi studenti scoprirono innumerevoli altri oggetti.

È stato suggerito che questi resti scheletrici sarebbero potuti appartenere a una specie sconosciuta di un gorilla di montagna, ma il professor non fu d’accordo e rispose: “Chi ha mai sentito parlare di scimmie che si seppelliscono l’un l’altra?”

Non c’erano epitaffi nelle tombe, ma invece trovarono più di 700 dischi di pietra (” Pietre Dropa “) con 8 cm di diametro al loro centro.

Sulle pareti sono stati trovati intagli del sole nascente, della luna, delle stelle, della terra, delle montagne e delle linee tratteggiate che collegavano la terra con il cielo.

Si dice che i dischi e le pitture rupestri risalgano a circa 12.000 anni. La loro ubicazione oggi rimane un mistero.

Tutto ciò ha sollevato un grande enigma: chi erano questi esseri misteriosi? Quali erano i dischi enigmatici, e dove portavano le mappe stellari scolpite sulle pareti della grotta?

Dischi Dropa

dischi dropa

Ogni disco di pietra, secondo quanto riferito, sarebbe stato inscritto con due sottili scanalature che si sviluppano a spirale dal bordo al foro centrale.

Si ritiene che gli enigmatici dischi Dropa e altri oggetti scoperti durante la spedizione siano stati tenuti all’Università di Pechino per 20 anni.

Furono inutili tutti i tentativi di decifrare le scritture sui dischi Dropa.

Tuttavia, i dischi furono esaminati dal Dr. Tsum Um Nui, a Pechino intorno al 1958, il quale concluse che ogni solco consisteva in un insieme di piccoli geroglifici di origine sconosciuta.

Le linee erano così piccole che fu necessaria una lente d’ingrandimento per vederle chiaramente. Molti geroglifici erano logorati dall’erosione.

Quando il Dr. Tsum decifrò presumibilmente i simboli, rivelò come gli antichi scritti raccontassero la storia di un incontro ultraterreno di cui un antico incidente di una nave aliena sulla Terra circa 12.000 anni fa.

Secondo Tsum Um Nui, una delle righe geroglifiche recitava:

“I Dropas scesero dalle nuvole nel loro aereo. I nostri uomini, donne e bambini si nascosero nelle caverne dieci volte prima dell’alba. Quando finalmente hanno capito la lingua dei segni dei Dropas, hanno capito che i nuovi arrivati ​​avevano intenzioni pacifiche.”

Un’altra sezione recita il “rammarico” degli abitanti della montagna (tribù Ham) perché gli alieni avevano schiantato la loro nave e non potevano costruirne un’altra per tornare sul loro pianeta.

Il Dr. Tsum avrebbe pubblicato la sua scoperta nel 1962.

Tuttavia, sarebbe stato deriso a tal punto che lasciò la Cina in esilio trasferendosi in Giappone, dove sarebbe poi morto. Si dice che l’Accademia preistorica di Pechino non gli avrebbe mai permesso di pubblicare o discutere di nuovo la sua scoperta.

Inoltre, a causa del fatto che “Tsum Um Nui” non è un vero nome cinese, alcuni critici suggeriscono che l’uomo non è mai esistito. Altri sostengono che Tsum Um Nui è un nome giapponese adattato alla lingua cinese. Oltre alle sue teorie sui Dropa, non ci sono ulteriori prove che sia mai esistito.

Nel 1974, Ernst Wegerer, un ingegnere austriaco, fotografò due dischi che corrispondevano alle descrizioni delle pietre Dropa. Era in visita guidata al Museo Bampo di Xian, quando vide i dischi di pietra.

foto delle pietre dropa
Una delle “polaroid” di Wegener su due delle pietre Dropa.

Egli disse di aver osservato un buco al centro di ogni disco e geroglifici in solchi, in parte sbriciolati, come una spirale. Si dice che quando chiese informazioni sui dischi, il direttore non fu in grado di rispondere, ma gli permise di prenderne uno in mano e fotografarlo.

Wegener affermò che nelle sue foto i geroglifici non potevano essere visti bene a causa del flash della fotocamera e si erano anche deteriorati. Nel 1994, i dischi e il direttore sparirono dal museo.

I critici hanno in gran parte respinto la storia dei dischi Dropa, sostenendo che si trattava di un misto di inganno e leggenda metropolitana.

Ad esempio, lo scrittore David Richie afferma che queste storie incuriosirono Gordon Chreighton, membro della Royal Society of Anthropology e della Royal Society of Geography.

Nell’inchiesta, Chreighton considerò le accuse sul Dropa “infondate” e dettagliarono le sue scoperte in un articolo per la Flying Saucer Review.

Non è facile trovare prove credibili per dimostrare che le pietre Dropa esistano o siano esistite in passato.

I difensori della storia sostengono che è il risultato di un disgregamento sociale causato dalla rivoluzione culturale cinese e un insabbiamento cospirato dalle autorità di quel paese.

Tuttavia, questo va oltre la Cina; poiché coloro che si oppongono alla storia del Dropa, sostengono che è un inganno di Erich von Däniken.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.