Lemuria: il Continente scomparso, esisteva davvero?

Quando si parla di civiltà perdute si torna in primis ad Atlantide, poiché è in generale il continente perduto più conosciuto. Ma non era l’unico, in quanto si parla anche di un continente che appare davvero come esisteva, per mezzo di ipotesi scientifiche. Si tratta di Lemuria, il continente scomparso nella notte dei tempi.

Lemuria continente
Lemuria, il continente perduto

Il continente perduto, Lemuria

Lemuria è il nome di un ipotetico continente, battezzato nel XIX secolo (1864) da scienziati francesi, teorizzato principalmente dal geologo inglese Philip Sclater per spiegare il fatto che esistessero lemuri, o parenti stretti, sia in India che nel Sud Africa.

Si presume che molte grandi civiltà e terre siano scomparse, alcune toccando la linea del mito e della leggenda. Uno dei casi più famosi, ad esempio, è la città di Atlantide, grande per i suoi progressi tecnologici. Tuttavia, anche le aree terrestri più vecchie e sterili potrebbero essere scomparse.

Lemuria potrebbe avere un’estensione dall’India ai territori meridionali. Si presume che si sia separato nell’era mesozoica a causa dei movimenti della terra. Tuttavia, alcuni geologi sostengono che un tale continente non sia mai esistito perché non ci sono prove che si avvicinino a tale affermazione.

Lemuria
Lemuria

Teorie sulla sua scomparsa

Ci sono diverse teorie che spiegano come questo enorme continente sia completamente scomparso. Alcuni sostengono che Lemuria potrebbe essere scomparsa a causa della fusione polare (Un fenomeno che è stato accelerato dall’impatto umano). Si stima che il livello del mare si è innalzato fino a 100 metri 15 mila anni fa. Questo aumento potrebbe essere maggiore nei tempi precedenti.

Un’altra teoria che potrebbe trovare spazio qui è l’affondamento dei sedimenti. Questo, accompagnato da terre basse e fragili, aiuta a corroborare questa teoria, ma per ora non c’è modo di verificarla.

Perché non fai ricerche più approfondite?

Questo rappresenterebbe una vera sfida, studiare i fondali marini profondi è molto complesso. Dobbiamo tenere conto che la ricerca è praticamente cieca, perché negli anni l’erosione marina, terremoti e vulcani potrebbero aver modificato e distrutto i resti di Lemuria.

Potremmo iniziare con il fatto che poche persone o entità e organizzazioni sono interessate a finanziare missioni investigative. Può essere per incredulità o per la quantità di denaro richiesta.

A cura di Ufoalieni.it

Loading...
loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!