Manoscritti "su UFO e alieni" ritrovati in Vaticano | Ufo e Alieni
Sab. Apr 13th, 2024

Il Vaticano ha sempre rappresentato un mistero per molte persone, ma c’è una teoria secondo cui nasconde informazioni sugli alieni. Ebbene sì, sembra proprio che il Vaticano abbia avuto accesso a importanti manoscritti sull’esistenza degli UFO e degli alieni, e uno scienziato russo di nome Genrikh Mavrikiyevich Ludvig ne è stato il primo a scoprirlo.

Manoscritti vaticani segreti sugli alieni

scienziato russo manoscritti vaticano

Nel 2011, la storia di Ludvig venne raccontata da Vladimir Kuch Ariants su “Professor Ludvig’s Worlds”, un famoso giornale russo. L’articolo, intitolato “I mondi del Professor Ludvig”, dipinse un ritratto insolito dell’uomo: calvo, obeso, con una fronte larga e una barba scandinava.

Ludvig dovette affrontare molte difficoltà con il regime stalinista e, a causa dell’accusa di spionaggio a favore del Vaticano da parte dell’agenzia federale sovietica, finì nei campi di concentramento nel 1938. La sua vicenda è stata raccontata in modo originale e coinvolgente, suscitando grande interesse tra i lettori.

Il giornalista ha evocato la prima conferenza dello scienziato nel lontano 1960, un evento che all’inizio ha destato grande interesse ma che poi si è rivelato confuso per molti, con un mix di linguistica antica e medievale, storia dell’architettura, simbolismo vegetale, varietà di labirinti e fenomeni enigmatici.

Nonostante l’autore fosse un allievo di Ludvig e avesse condotto numerose ricerche sulla sua figura, ancora oggi rimane un enigma, persino considerato un mistico. Dopo averlo conosciuto, il giornalista ha visto il mondo con occhi diversi, come se la sua vita fosse cambiata radicalmente.

Le dichiarazioni dello scienziato hanno avuto origine dalla consultazione degli archivi segreti del Vaticano, un tesoro nascosto composto da ben 53.000 librerie, 35.000 volumi di cataloghi e documenti di 12 secoli. Gli archivi rappresentano una sorta di leggenda storica, con documenti che vengono resi pubblici solo dopo almeno 75 anni dalla loro stesura.

L’accesso di Ludvig alla biblioteca vaticana

biblioteca vaticana

Durante gli anni ’20, il professor Ludvig riuscì a entrare in possesso di un accesso alla biblioteca del Vaticano, dove ebbe la possibilità di leggere antichi manoscritti che avrebbero potuto rivoluzionare il corso della storia umana. Egli sostenne di aver scoperto numerosi testi riguardanti antichi codici, l’alchimia e altro ancora, tra cui anche UFO e presunte visite aliene alla Terra avvenute in tempi remoti.

Secondo le sue rivelazioni, Ludvig trovò conferma dell’influenza extraterrestre in diverse civiltà antiche, come gli egiziani o i Maya. Fu così che il professor Ludvig si dedicò allo studio approfondito della civiltà Maya.

Ludvig ha decifrato simboli rivelatisi raffigurazioni di astronavi e tute spaziali. Inoltre, ha rinvenuto documenti storici che attestano l’impiego di armi nucleari in tempi antichi, e ha mostrato immagini delle mura della fortezza babilonese che si erano liquefatte a una temperatura di oltre 1,5 metri di altezza.

L’esperto era profondamente affascinato dalla civiltà sumera, della quale possedeva un’ottima conoscenza. Non si conosce con certezza l’origine dei Sumeri, ma a metà del IV millennio a.C. si assistette a un’improvvisa e sorprendente evoluzione.

Controversie correlate

documenti ufo e alieni

Il professor Ludvig non era un uomo comune, bensì un vero e proprio genio poliedrico. Durante la seconda guerra mondiale, infatti, non si limitò a un unico ruolo, ma si distinse come architetto, ingegnere progettista e inventore. Tra il 1941 e il 1943, il professor Ludvig sviluppò ben 17 invenzioni militari, ottenendo riconoscimenti e apprezzamenti da parte di teorici e ricercatori.

Passando invece ad un evento più recente, nel 2016 Wikileaks ha rilasciato migliaia di e-mail relative al presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton, John Podesta. Tali e-mail, che hanno fatto scalpore in tutto il mondo, contenevano informazioni riservate condivise proprio con Podesta riguardanti gli UFO e gli alieni. Un’indagine che ha fatto discutere e che ha contribuito ad alimentare il dibattito sulle possibili forme di vita extraterrestre presenti nell’universo.

Nel 2015, un messaggio ricevuto da Podesta ha suscitato l’interesse riguardo alle armi spaziali e il loro impatto sugli extraterrestri. L’invio proveniva da Edgar Mitchell e rivelava che il Vaticano era al corrente dell’esistenza degli alieni. L’astronauta ha scritto:

Durante la prossima riunione, ci sarà anche la mia collega cattolica Terri Mansfield che ci aggiornerà sulla conoscenza degli extraterrestri da parte del Vaticano. Inoltre, un altro nostro collega sta lavorando a un nuovo trattato spaziale, in collaborazione con Russia e Cina. Tuttavia, considerando l’attuale situazione di conflitto in Ucraina, ritengo che dovremmo cercare alternative per promuovere la pace nello spazio e sulla Terra“.

Queste parole sono state sufficienti per scatenare l’immaginazione e il dibattito tra gli appassionati di ufologia e geopolitica. Cosa sa veramente il Vaticano sull’esistenza degli alieni? Quali sono le vere intenzioni dei governi coinvolti nella creazione di armi spaziali?

Nonostante i dubbi sulla sua credibilità, la domanda rimane: avrebbe davvero avuto accesso ai preziosi manoscritti vaticani Ludvig? © Riproduzione riservata

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina