Gli scienziati trovano montagne e pianure a 660 chilometri sotto la superficie terrestre - Ufo e Alieni

Gli scienziati trovano montagne e pianure a 660 chilometri sotto la superficie terrestre

A scuola, pensiamo che la Terra sia divisa in tre strati, che sono la corteccia, il mantello e il nucleo, che a sua volta è diviso in un nucleo interno ed esterno.

Uno schema di base e accurato, ma che tuttavia lascia fuori altri strati più sottili che gli scienziati stanno ora iniziando a identificare nel profondo interno del nostro pianeta.

Un team di geologi ha rilevato uno strato precedentemente sconosciuto nel mezzo del manto terrestre, le cui caratteristiche ricordano quelle della superficie del pianeta.

Montagne e pianure sotto la superficie terrestre

Montagne e pianure sotto la superficie della terra

Un nuovo studio pubblicato su Science, creato dai geofisici Jessica Irving e Wenbo Wu della Princeton University, in collaborazione con Sidao Ni dell’Istituto di geodesia e geofisica della Cina, descrive come i ricercatori hanno utilizzato i dati delle onde sismiche di un grande terremoto in Bolivia per localizzare, a una profondità di 660 chilometri, una nuova regione all’interno della Terra, che li ha lasciati senza parole: presenta una catena montuosa e pianure molto simili a quelle sulla superficie del nostro pianeta.

E per essere in grado di scrutare in profondità nel pianeta, i ricercatori hanno dovuto utilizzare le onde più potenti che esistono sul nostro pianeta, le onde sismiche generate da enormi terremoti.

Vuoi un grande terremoto per far tremare l’intero pianeta“, ha detto Irving, un assistente professore di geoscienze.

Per questo particolare studio, i dati chiave sono stati ottenuti da onde sismiche catturate dopo un terremoto di magnitudo 8,2, il secondo più potente mai registrato, che ha scosso la Bolivia nel 1994.

Terremoti così grandi non arrivano molto spesso“, ha detto Irving.

Siamo fortunati ora che abbiamo così tanti sismometri in più rispetto a 20 anni fa. La sismologia è un campo diverso rispetto a 20 anni fa, tra strumenti e risorse computazionali. ”

Ma i dati da soli non sono nulla se non sai come farne uso.

Ecco perché gli scienziati hanno utilizzato il gruppo di supercomputer Tiger dell’Università di Princeton per simulare il complesso comportamento delle onde sismiche sparse nelle profondità della Terra.

La tecnologia applicata per questa analisi dipende quasi interamente da una singola proprietà delle onde: la sua capacità di piegarsi e rimbalzare.

Visita il nostro store?

Così, allo stesso modo, le onde luminose possono rimbalzare (riflettersi) in uno specchio o piegarsi (rifrangere) quando attraversano un prisma, le onde sismiche viaggiano direttamente attraverso rocce omogenee ma vengono riflesse o rifratte quando trovano limiti o rugosità.

Sappiamo che quasi tutti gli oggetti hanno rugosità superficiale e quindi diffondono la luce“, ha detto Wu, l’autore principale del nuovo documento, che ha appena completato il suo dottorato di geoscienza Ph.D. ed è ora un ricercatore postdottorato presso il California Institute of Technology.

Ecco perché possiamo vedere questi oggetti: le onde di dispersione portano le informazioni sulla ruvidità della superficie. In questo studio, abbiamo studiato le onde sismiche sparse che viaggiano all’interno della Terra per limitare la rugosità del confine di 660 km della Terra.

Gli scienziati erano rimasti sbalorditi dalla ruvidezza del confine. Come spiegano, è più ruvido dello strato superficiale su cui viviamo.

“In altre parole, la topografia più forte delle Montagne Rocciose o degli Appalachi esiste al confine di 660 km”, ha spiegato Wu.

Mentre il nuovo studio descrive indubbiamente una delle scoperte più sensazionali fatte sotto i nostri piedi, il loro modello statistico non offre molte informazioni che potrebbero consentire determinazioni precise dell’altezza. Ciò nonostante, gli scienziati dicono che c’è una possibilità che alcune di queste montagne sotterranee siano più grandi di qualsiasi cosa abbiamo visto sulla superficie del pianeta.

Dicono che la ruvidità non era equamente distribuita. Secondo gli scienziati, proprio come la superficie della crosta ha piani oceanici lisci e montagne imponenti, il confine di 660 km sotto i nostri piedi presenta zone ruvide e chiazze levigate.

Approfondimenti su Princeton University: Massive 1994 Bolivian earthquake reveals mountains 660 kilometers below our feet

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.