L’astronauta Musgrave afferma di aver visto extraterrestri nell’orbita terrestre

Franklin Story Musgrave è un medico ed ex astronauta americano, veterano di sei missioni spaziali tra il 1983 e il 1996, l’ultima delle quali all’età di 61 anni, l’unico astronauta a pilotare tutte e cinque le navette spaziali mai costruite e l’ultimo astronauta dell’era Apollo a partire servizio.

Musgrave si è unito al Corpo dei Marines degli Stati Uniti all’età di diciotto anni nel 1953 dopo aver frequentato due scuole superiori nel Massachusetts, il suo stato d’origine.

Nei Marines, ha lavorato come elettricista aeronautico e tecnico di strumentazione, prestando servizio in Corea, Giappone e Hawaii, e in Estremo Oriente, come capo dell’equipaggio di supporto aereo sulla portaerei USS Wasp.

Sempre in Marina, si è laureato come pilota e ha accumulato più di 17.700 ore di volo in 160 tipi di aerei civili e militari. Inoltre, era un paracadutista con più di 500 lanci liberi durante il suo servizio militare, più di 100 dei quali sperimentali, coinvolgendo lo studio dell’aerodinamica umana.

Tra la fine degli anni 50 e l’inizio degli anni ’60, ha frequentato diverse università, laureandosi in matematica, statistica, programmazione informatica, chimica, fisiologia, biofisica e infine medicina alla Columbia University.

Come medico si dedicò alla medicina aerospaziale e cardiovascolare, area nella quale, oltre all’insegnamento, sviluppò diverse ricerche. Nella professione, pur essendo già legato alla NASA, ha esercitato clinicamente negli anni ’60 e ’70 in diversi ospedali e università.

Franklin Story Musgrave
Franklin Story Musgrave al centro della foto.

Carriera alla NASA

Musgrave è entrato a far parte della NASA nel 1967 durante il Programma Apollo come astronauta- scienziato all’età di 32 anni e ha lavorato allo sviluppo del programma successivo, Skylab, essendo il comunicatore di controllo del volo a terra (CAPCOM) della seconda e terza missione del programma a metà degli anni 70.

Ha inoltre partecipato alla creazione e allo sviluppo di tutte le attrezzature per le attività extra-veicolari del Programma Space Shuttle, compresi abiti per lavori esterni, sistemi di supporto vitale e unità autonome di movimento umano nello spazio.

Come astronauta, avrebbe eseguito diverse passeggiate spaziali utilizzando il materiale che ha contribuito a sviluppare.

Il suo primo viaggio nello spazio fu il 4 aprile 1983, su STS-6, il primo volo dello sfidante. In questa missione, lui è astronauta Donald Peterson sono stati i primi a testare nuove tute spaziali per il lavoro con il vuoto e i primi a svolgere attività extra-veicolari nel programma Space Shuttle.

Il 29 luglio 1985, sull’STS-51 Challenger, una missione sperimentale scientifica con Spacelab, Musgrave tornò nello spazio e servì come ingegnere di sistema durante il lancio e il rientro e come pilota durante le operazioni in orbita.

La terza missione è stata la STS-33 Discovery, lanciata la notte del 22 novembre 1989 da Cape Kennedy in Florida, è stata una missione di cinque giorni che ha portato a cariche spaziali non divulgate dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Due anni dopo, nel novembre 1991, è tornato nello spazio su STS-44 Atlantis, che ha orbitato attorno ai satelliti del programma di difesa, ha sperimentato le radiazioni e ha condotto numerosi test medici per studiare il comportamento umano nelle missioni dello space shuttle a lungo termine.

La sua quinta missione, I’STS-61 Endeavour, è stato il primo viaggio per la manutenzione e le riparazioni del telescopio spaziale Hubble. Durante la missione di undici giorni, in cui Musgrave ha condotto tre passeggiate spaziali lavorando tra la navicella spaziale e il telescopio, Hubble è stato completamente riportato alla sua totale capacità di lavoro e osservazione.

La sua sesta e ultima missione, all’età di 61 anni, fu nel novembre 1996, sull’STS-80 della nave Columbia, quando completò le missioni spaziali su tutti e cinque i lanciatori spaziali costruiti. Nell’occasione Musgrave è diventato l’uomo più anziano nello spazio, battendo il precedente record dell’astronauta Vance Brand.

In questa missione, durante il rientro e l’atterraggio, Musgrave è rimasto nella cabina di pilotaggio della nave con una telecamera portatile puntata fuori dalle finestre della Columbia, ed è stato in grado di registrare le onde di plasma che corrono intorno alla fusoliera della nave durante il rientro veloce nell’alta atmosfera terrestre, essendo il primo astronauta a vederli in prima persona.

Con le sue sei missioni spaziali complete, ha accumulato un totale di 1.282 ore nello spazio.

Musgrave ha lasciato la NASA nel 1997 e da allora ha fatto apparizioni e ha dato diverse testimonianze in documentari televisivi sull’era spaziale e sulle missioni presenti e future della NASA come uno degli astronauti più esperti della storia.

Il disco volante della missione STS-80

missione STS-80
Musgrave, attaccato al braccio robotico Canadarm della navicella spaziale Endeavour, si prepara a iniziare le riparazioni al telescopio Hubble nel dicembre 1993.

Nel 1996, la missione STS-80 dello Space Shuttle Columbia ha effettuato il volo più lungo nella storia di questo veicolo, trasportando un equipaggio di cinque astronauti per 17 giorni, 15 ore e 53 minuti nell’orbita terrestre.

Durante questo lungo volo al membro dell’equipaggio accadde un fatto molto strano.

Lo Space Shuttle era alto circa 190 miglia nautiche, in orbita. Il disco è stato osservato per la prima volta, apparire dal nulla, volare sotto le nuvole e da destra a sinistra. Gli astronauti guardarono con stupore. Il bordo esterno della nave sembrava girare in senso orario. Era molto grande, rispetto alla spazzatura spaziale o ai pezzi di ghiaccio, di circa 30 metri di diametro.

L’astronauta Dr. Musgrave, uno specialista del carico utile per la missione STS-80, è stato intervistato dopo il volo. Quando ha visto un video dell’incidente che mostrava un fulmine nell’atmosfera, le luci della città di Denver, in Colorado, e altre visioni terrene, ha dichiarato:

Non so se fossero detriti spaziali, particelle di ghiaccio, non lo so. Ma è il segno distintivo delle migliaia di cose che ho visto. Ciò che non è cosi caratteristico è ciò che è apparso dal nulla, Potresti pensare di vedere il lato oscuro o un lato che non riflette il sole, vedresti sicuramente qualcosa li. E davvero impressionante.

Durante una precedente intervista, il Dr. Musgrave ha dichiarato di aver cercato di comunicare con forme di vita extraterrestri durante ciascuna delle sue sei missioni e gli ha chiesto di portarlo con loro.

Il dottor Musgrave si è ritirato dopo questo volo della NASA e da allora ha espresso la sua opinione sull’esistenza della vita aliena.

Quando Musgrave ne parla, non è una sorpresa, per coloro che ammettono di avere conoscenza della vita aliena. Nelle sue recenti presentazioni sull’astronomia, quando alla fine della conferenza appare una diapositiva con un ET “Grigio”, il Dr. Musgrave fa questo sorprendente commento: “Questi ragazzi sono reali, te lo assicuro!

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...
1K+Shares

Un pensiero su “L’astronauta Musgrave afferma di aver visto extraterrestri nell’orbita terrestre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina