Nefertari: le gambe mummificate appartengono alla Regina Egiziana

Le origini di Nefertari sono sconosciute benché sia molto probabile che appartenesse, per nascita, all’aristocrazia.

Nel 1904 quando gli egittologi riuscirono ad aprire ed entrare nella tomba della regina, trovarono un luogo tetro degno di sepoltura, e molte tracce di saccheggio e di oggetti rotti da parte dei profanatori di tombe durante i secoli.  Tra questi oggetti lasciati alle spalle sono stati rinvenuti tre porzioni di gambe mummificate.

Le gambe sono state poi identificate in un primo momento di appartenere alla regina Nefertari, che era una delle mogli reali di Ramses II , o Ramses il Grande. Egli governò l’Egitto dal  1279-1213 aC circa, durante la 19 ° dinastia dei faraoni.

La regina Nefertari

La regina Nefertiti …e la sua mummia
La regina Nefertiti …e la sua mummia

Ma nessuno aveva mai scientificamente analizzato le gambe mummificate. Ora, una nuova ricerca rileva che essi appartenevano a una donna di mezza età o più anziana con un’altezza di un 1.69 cm. , e i resti della mummia presentano segni di una lieve artrite. I risultati dei ricercatori che hanno riportano il 30 novembre 2016 sulla rivista PLoS ONE,  suggeriscono che le gambe erano davvero della regina Nefertari.

Nefertari è una delle regine più famose dell’antico Egitto, in parte perché la sua tomba è stata tra le più elaborate nella Valle delle Regine nei pressi della capitale Luxor . Le pareti in gesso sono state decorate con dipinti colorati, e anche i soffitti sono stati dipinti con una somiglianza del cielo stellato.

La statua di Nefertari si trova anche in un tempio rupestre di Abu Simbel nel sud dell’Egitto. Qui sotto la vediamo a fianco a suo marito con la stessa dimensione, che indica il suo status elevato.

La tomba di Nefertari è stato luogo di saccheggiamento nell’antichità, e il sarcofago di granito rosa che una volta contenevano i resti di Nefertari, è stato completamente distrutto.

Nella tomba furono anche trovati un paio di sandali ben conservati, un insieme di 34 statuette di legnousciabti“, o figurine con lo scopo di fornire al defunto un contenuto di lavoro manuale che avrebbe usato nella vita ultraterrena, con inciso il nome della regina, questo secondo i ricercatori guidati da Frank Rühli, anch’esso ricercatore dell’Istituto di evolutiva Medicina presso l’Università di Zurigo.

Abu Simbel con nefertari
Una statua della regina Nefertari (a sinistra) presso il tempio di roccia Abu Simbel, dedicato in suo onore. La sua statua è la stessa dimensione del (a destra) marito, che indica il suo status elevato.

Il mistero delle gambe della mummia, ora conservate alla Museo Egizio di Torino, sono in tre frammenti ancora avvolte nelle lenzuola originali della mummia. Il frammento più lungo misura poco più di un piede; lungo (30 cm) e si compone di una parte di un femore (osso della coscia), la rotula (rotula) e una parte della tibia (una delle ossa lunghe nella parte inferiore della gamba). La seconda e la terza sezione è costituita da una parte di una tibia ed una parte di un femore.

Se il l’articolo continua a piacerti, per ripagarmi con un piccolo favore, ti basta fare click su +1 (sempre che tu non l’abbia già fatto).

[wdgpo_plusone]
Rühli e i suoi colleghi hanno passato ai raggi X i pezzi delle gambe e hanno scoperto che quasi certamente appartengono a una donna. Sulla base delle loro dimensioni e accenni di artrite al ginocchio, il proprietario delle gambe era probabilmente tra il 40 e il 60 anni circa quando è morta. L’età potrebbe essere coerente con Nefertari, che si pensa sia morta nel 25 °anno del regno di suo marito, a un’età compresa tra 40 e 50 anni.

I raggi X hanno mostrato segni di calcificazione che costeggiano le arterie della tibia, forse a causa di arteriosclerosi o altro indurimento legate all’età dei vasi .

Una analisi del campione del DNA  non hanno mostrato nulla a causa della degradazione e la contaminazione delle molecole di DNA. Una analisi biochimica, però, ha scoperto che le sostanze utilizzate nell’imbalsamazione – tra cui una sorta di grassi animali spalmati sulle bende – funzioni di unzione di queste sostanze sulle bende utilizzate durante la 19° e 20° dinastia faraonica egiziana, questo rafforzando ulteriormente il caso di Nefertari.

Identificazione dei resti della Regina

Gambe mummificate della regina Nefertari
Gambe mummificate rinvenuti nella tomba della regina Nefertari; appartengono a lei.

In base alle dimensioni delle ossa delle gambe, i ricercatori stimano che la regina aveva un’altezza (165 a 168 cm), coerenti con le dimensioni dei sandali trovati nella tomba, di un numero 35 paragonando ai numeri odierni di scarpe da donna, la datazione al radiocarbonio ha datato l’età dei resti tra il 1607 e il 1450 aC, prima del ciclo di vita storico di Nefertari.

La regina aveva probabilmente circa la stessa età di suo marito, nato intorno al 1303 aC . Tuttavia, i ricercatori hanno presupposto che la contaminazione di agenti di imbalsamazione, potrebbe spiegare il non coincidere delle date dei coniugi.

Per stabilire l’identità della regina, i ricercatori sono andati per esclusione. Non vi è alcun segno di una seconda sepoltura nella tomba, il che rende improbabile che i resti appartengono a una delle figlie di Nefertari. Le date al radiocarbonio rendono improbabile che la tomba sia stata riutilizzata dopo l’epoca di Nefertari per una sepoltura più recente.

I ricercatori hanno scritto: anche se le date al radiocarbonio sono apparse più vecchie di quello che avrebbe dovuto essere, è molto improbabile che i resti sono stati lavati e preparati in siti d’ imbalsamazione più vecchie, la sua tomba si trova in posizione in salita da altri nella Valle delle Regine.

In conclusione per i ricercatori…:

Anche se “non esiste alcuna certezza assoluta“, “lo scenario più probabile è che le ginocchia mummificati appartengono veramente alla regina Nefertari.”

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.