Nikola Tesla: riuscì a ricevere un contatto alieno in una lingua sconosciuta?

Nikola Tesla è uno degli scienziati più importanti della storia e, a sua volta, uno dei più enigmatici. Tanti misteri e teorie ruotano attorno al suo nome: potrebbe aver scoperto una lingua aliena?

nikola tesla non siamo soli nell'universo
Tesla era convinto che non fossimo gli unici esseri viventi nell’Universo

Quando Nikola Tesla, nel 1899, provò per la prima volta il suo trasmettitore per tracciare le tempeste a 1.000 chilometri di distanza, raccolse una strana trasmissione sconosciuta.

Il trasmettitore di Tesla era ultrasensibile, così efficiente da poter ricevere onde radio ben oltre la Terra. In questo modo lo scienziato era convinto di aver colto un segnale con un linguaggio extraterrestre che non capiva.

Una lingua aliena sconosciuta?

Nikola Tesla è stato uno dei pochi scienziati sicuri che non siamo soli nell’Universo.

Così, come cita Tim R. Swartz, il famoso biografo di Nikola Tesla, è possibile che l’inventore abbia avuto un contatto con alieni intelligenti.

Ovviamente, questa teoria non può essere confermata o smentita, poiché tutti i file e i documenti di Tesla sono stati confiscati.

Swartz spiegò che Tesla era certo che il misterioso segnale radio provenisse da Marte e fosse una lingua aliena che non riusciva a capire.

Dopo quell’evento, iniziò a costruire ricevitori radio più sofisticati e potenti.

All’epoca si chiese se non stesse ascoltando ‘un pianeta che saluta un altro”, come disse lui.

Da quel momento in poi, divenne una sua ossessione, costruire ricevitori radio sempre migliori per provare a vedere se riusciva a ripetere ciò che sentiva. Arrivò al punto in cui affermò che stava effettivamente ricevendo trasmissioni vocali.

Ha detto che sembrava che le persone stessero parlando tra loro. Prese appunti dicendo che stava effettivamente ascoltando esseri intelligenti di un altro pianeta che parlavano tra loro, anche se non sapeva quale lingua parlassero. Ma sentivo ancora di capirli.

Anche se i documenti più importanti di Tesla sono nascosti dal governo degli Stati Uniti, Swarts aveva diversi documenti privati durante un’asta nel 1976.

Il biografo ha affermato che questi documenti sono scomparsi dopo che un uomo in nero “Man in Balck” li ha visitati.

Tesla rese nota la sua fede negli alieni in un’intervista del 1901 alla rivista Colliers Weekly. Lì ha affermato quanto segue:

Intervista a Nikola Tesla

Mentre miglioravo le mie macchine per la produzione di forti correnti elettriche, perfezionavo anche i mezzi per osservare i piccoli effetti.

Uno dei risultati più interessanti, e anche di grande importanza pratica, è stato lo sviluppo di alcuni dispositivi per indicare una tempesta in avvicinamento da una distanza di diverse centinaia di chilometri, la sua direzione, velocità e distanza percorsa.

È stato facendo questo lavoro che, per la prima volta, ho scoperto questi misteriosi effetti che suscitavano un interesse così insolito.

Avevo talmente perfezionato il dispositivo che dal mio laboratorio sulle montagne del Colorado ho potuto osservare tutti i cambiamenti elettrici avvenuti entro un raggio di oltre 1.000 km di distanza.

Non dimenticherò mai le prime sensazioni che ho provato quando ho capito di aver visto qualcosa di incalcolabili conseguenze per l’umanità. Mi sentivo come se fossi presente alla nascita di una nuova conoscenza o alla rivelazione di una grande verità”.

“Saluti da un pianeta all’altro”

Le mie prime osservazioni mi terrorizzarono positivamente, perché c’era qualcosa di misterioso, se non soprannaturale, in loro, ed ero solo nel mio laboratorio di notte. Ma a quel tempo non ero ancora stato introdotto all’idea che questi disturbi fossero segnali controllati in modo intelligente.

I cambiamenti che ho notato avvenivano periodicamente e con una precisione così netta, in termini di numero e ordine, che non erano attribuibili a nessuna causa di cui ero a conoscenza.

Naturalmente conosceva i tipi di disturbi elettrici prodotti dal sole, dall’aurora boreale e dalle correnti terrestri, ed era assolutamente certo che queste variazioni non fossero dovute a nessuna di queste cause.

La natura dei miei esperimenti precludeva la possibilità che i cambiamenti fossero prodotti da perturbazioni atmosferiche, come alcuni hanno erroneamente sottolineato.

Fu qualche tempo dopo che mi venne in mente l’idea che i disturbi che avevo osservato potessero essere dovuti al controllo intelligente.

Sebbene all’epoca non riuscissi a decifrare il loro significato, era impossibile pensare che fossero del tutto accidentali. La sensazione di essere stato il primo a sentire un saluto da un pianeta all’altro è cresciuta in me costantemente. Uno scopo era dietro questi segnali elettrici.

Tesla non è riuscito a decifrare il messaggio e queste affermazioni sono state prese così, semplici affermazioni. Tuttavia, perché diffidare delle parole di quello che è stato forse l’inventore più importante della storia?

VEDI ANCHE▶ Nikola Tesla: Come puoi “vedere il passato, il presente e il futuro” allo stesso tempo?

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ufo e Alieni

Pin It on Pinterest

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina