Puma Punku: Strumenti laser nelle antiche civiltà? | Ufo e Alieni
Ven. Giu 14th, 2024

Situato a 45 miglia a ovest di La Paz, sulle alte montagne delle Ande, si trovano le misteriose antiche rovine di Puma Punku. Le pietre megalitiche trovate sono considerate tra le più grandi del pianeta. Alcuni massi misurano fino a 8 metri di lunghezza e pesano più di 100 tonnellate ciascuno.

Pumapunku, anche detto “Puma Pumku” o “Puma Puncu”, è parte di un ampio complesso o gruppo di monumenti del sito di Tiahuanaco, in Bolivia. Tiwanaku è vitale nelle leggende Inca poiché si ritiene che sia il luogo in cui il mondo è stato creato dagli dei.

Puma Punku, a sua volta, significa “La porta del Puma”.

Puma Punku pietre lavorate

Come notato dallo specialista delle Ande, il professore di antropologia dell’Università di Binghamton, WH Isbell, una datazione al radiocarbonio è stata ottenuta dal materiale organico proveniente dallo strato più basso e più antico del tumulo che forma Puma Punku. Questo strato è stato depositato durante la prima delle tre epoche di costruzione e risale al 536-600 d.C.

Il modo in cui Puma Punku è stato costruito, modellato e posizionato, è davvero insolito. Gli studiosi considerano il sito il più intrigante e antico del pianeta.

Gli esperti tradizionali ritengono che i blocchi trovati nel sito siano stati modellati a mano con strumenti primitivi in pietra. Tuttavia, alcuni ricercatori sottolineano l’intricata lavorazione della pietra come prova dell’uso di tecnologie di precisione avanzate.

puma punku due fori nella pietra

In che modo l’uomo primitivo, che viveva migliaia di anni fa, ha prodotto pietre così perfette senza avere accesso a nessuna forma di tecnologia? Hanno utilizzato bastoni e pietre?

Oppure, è possibile che gli antichi costruttori di Puma Punku abbiano fabbricato le megalitiche pietre con tecnologia avanzata? Forse con l’uso di strumenti di precisione che avrebbero potuto facilitarli per realizzare queste meraviglie di ingegneria e costruzione, mostrando tagli puliti e angoli precisi.

Se osserviamo attentamente le pietre, possiamo vedere incredibili opere intricate di pietra, quasi come se usassero macchine utensili o addirittura laser.

È incredibile.

Puma Punku pietre perfette

A Puma Punku troverai pietre con angoli retti perfetti, alcune delle quali presentano piccoli fori uniformemente distanziati lungo il solco, che risultano mistificanti. Ciò ha spinto molti autori a suggerire che si possano essere utilizzati utensili elettrici per tagliare questi insoliti blocchi di pietra.

Dopo anni di ricerche, gli archeologi hanno concluso che le massicce pietre sono state tagliate in cave situate a circa cento chilometri di distanza e poi trasportate presumibilmente su tronchi.

Tuttavia, ciò che gli studiosi sembrano dimenticare e di cui raramente parlano è che Puma Punku è situato ad un’altitudine di 12.800 piedi (circa 3901,44 m). Questo significa che l’antico complesso è stato costruito sopra la linea degli alberi naturali e che in quella zona non crescevano alberi né venivano abbattuti per utilizzare rulli di legno. Questo ci porta alla seguente domanda: cosa hanno usato al loro posto?

PumaPunku foro nella pietra

In che modo l’umanità antica trasportò questi massicci blocchi di pietra verso la loro destinazione?

Gli studiosi hanno molte domande sulla tecnologia utilizzata dai costruttori antichi, sui trasporti e sulla logistica, eccetera. È difficile credere che tutto ciò sia stato realizzato senza l’uso di strumenti elettrici e mezzi di trasporto sofisticati.

Questo è esattamente il motivo per cui i teorici degli antichi astronauti e molti autori sostengono che il trasporto di questi enormi blocchi di granito dalle loro cave e il loro spostamento a Puma Punku avrebbe richiesto un tipo di tecnologia avanzata, enormi veicoli di sollevamento.

In altre parole, tecnologie e mezzi che le antiche civiltà semplicemente non possedevano in quel momento, o almeno così pensiamo.

Puma Punku è senza dubbio uno di quei luoghi in cui, quando si osservano le incredibili antiche costruzioni modellate con quella stessa perfezione, la propria immaginazione viene stimolata. Ci sono così tante possibilità che le spiegazioni archeologiche convenzionali semplicemente non sembrano plausibili in quel punto.

Nel 1549, mentre si cercava la capitale dell’antico Impero Inca, i conquistatori spagnoli guidati da Pedro Cieza de León attraversarono la Bolivia e scoprirono le rovine di un antico insediamento chiamato Tiahuanaco.

Puma Punku 2

Situato a meno di un quarto di miglio a nord-est di Puma Punku, gli scienziati ritengono che Tiahuanaco fosse un tempo il centro di una prospera civiltà antica con oltre 40.000 abitanti.

Tiahuanaco è ragionevolmente la più grande civiltà nativa americana di cui molte persone non abbiano sentito parlare.

Fu una delle più importanti civiltà predecessori dell’antica Inca e della loro storia. Realizzavano l’inimmaginabile nell’architettura, nello sviluppo politico, nell’agricoltura e in molte altre industrie artigianali di alto livello.

La maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che Tiahuanaco fu misteriosamente abbandonata intorno al 1100 d.C., proprio come altre antiche civiltà come i Maya.

Puma Punku and Tiahuanaco-2

Negli anni ’60, il governo boliviano stava scavando il tempio sotterraneo di Tiahuanaco. All’interno delle mura del cortile erano presenti centinaia di teste in pietra che rappresentavano molte razze diverse e avevano una vasta gamma di funzioni.

Si ritiene che raffigurati all’interno delle mura del cortile sommerso ci siano tutte le razze dell’umanità, anche i teschi allungati.

Inoltre, ci sono persone raffigurate con turbanti, persone con naso largo, con naso sottile, con labbra carnose e con labbra sottili. Alcune delle statue sono particolarmente insolite poiché non sembrano rappresentare la popolazione nativa.

In altre parole, e come concordano molti ricercatori che hanno visitato l’antico sito, sembrano simboleggiare ogni tipo e forma di teste umane esistenti sul pianeta.

Due di queste teste, molto intriganti, sono di colore bianco e somigliano molto alle teste aliene grigie. I ricercatori affermano che una grande statua al centro del tempio sommerso rappresenta il dio creatore, noto come Viracocha.

Viracocha
Viracocha era un antico Dio alieno?

Tuttavia, Viracocha è rappresentato con caratteristiche facciali estremamente rare. Gli antichi abitanti e costruttori di Tiahuanaco dipinsero il loro dio più prominente con tratti differenti dai loro.

Viracocha è raffigurato con barba e baffi, il che è molto insolito poiché gli indiani d’America non hanno barba e baffi. Uno dei reperti archeologici più significativi mai trovati a Tiahuanaco è la Fuente Magna, nota anche come Vaso Fuente.

Si tratta di una ciotola in ceramica sulla quale è incisa una scrittura geroglifica sumerica e proto-sumera.

scrittura sumera a puma punku

Ma aspetta un attimo, queste due civiltà non erano vicine l’una dall’altra!

In realtà, erano separate da più di 13.000 km, eppure ciò non esclude una connessione diretta tra gli antichi Sumeri, Tiahuanaco e Puma Punku.

L’idea della scrittura sumerica sembra esistere anche a Puma Punku, mentre Tiahuanaco sembra fare riferimento alle idee di Zecharia Sitchin riguardanti l’interazione dei Sumeri con gli “esseri spaziali” chiamati Annunaki.

È interessante notare che, in questo caso, gli Annunaki erano presenti non solo in Sumeria, ma anche a Puma Punku e Tiahuanaco, in Sud America.

 

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina