Africa: reattore nucleare naturale di 2 mld di anni! | Ufo e Alieni
Ven. Mag 24th, 2024

Due miliardi di anni fa, parti di un giacimento di uranio africano subirono spontaneamente la fissione nucleare. Gli scienziati stimano che questo reattore nucleare, composto da 16 siti, sia stato operativo per almeno 500.000 anni nel lontano passato. Incredibilmente, i nostri reattori nucleari moderni non sono paragonabili a questo enorme reattore né per design né per funzionalità.

Reattore nucleare naturale di 2 miliardi di anni

oklo-reattore nucleare 2 miliardi di anni
Un lavoratore sta accanto a un deposito di, tra le altre cose, uranio impoverito naturale.

Il reattore nucleare è composto da 16 siti. Come ha notato Scientific American, “È davvero sorprendente che più di una dozzina di reattori naturali siano nati spontaneamente e che siano riusciti a mantenere una potenza modesta per forse alcune centinaia di millenni“.

La scoperta è così affascinante che i ricercatori hanno affermato che il ritrovamento del reattore nucleare naturale Oklo in Gabon (Africa occidentale) nel 1972 fu, probabilmente, uno degli eventi più importanti della fisica dei reattori dal 1942, quando Enrico Fermi e il suo team ottennero una reazione a catena di fissione artificiale autosostenuta.

Ogni volta che sentiamo il termine “reattore nucleare” pensiamo a una struttura creata artificialmente. Questo reattore si trova invece in una regione di uranio naturale all’interno della crosta del nostro pianeta, situata a Oklo, nel Gabon.

A quanto pare, l’uranio è naturalmente radioattivo e le condizioni che si sono verificate a Oklo sono state perfette per consentire le reazioni nucleari.

Infatti, Oklo è l’unica località nota per questo sul pianeta e formata da 16 siti in cui gli scienziati dicono che le fissioni nucleari “autosufficienti” si sono verificate circa 1,7 miliardi di anni fa, con una media di circa 100 kW di energia termica durante quel periodo.

Gli unici luoghi conosciuti in cui esistevano reattori nucleari naturali sono i giacimenti di minerale di uranio di Oklo. Ma perché nessun altro posto sulla Terra possiede un reattore nucleare naturale?

Secondo i rapporti, il reattore naturale si è formato quando un giacimento di minerali ricchi di uranio è stato inondato di acque sotterranee che fungevano da moderatore di neutroni, favorendo una reazione a catena nucleare.

Il calore generato dalla fissione nucleare ha fatto evaporare le acque sotterranee, rallentando o fermando la reazione. Dopo il raffreddamento del deposito di minerali, l’acqua è ritornata e la reazione è ripresa, completando un ciclo completo ogni 3 ore. I cicli di reazione di fissione sono continuati per centinaia di migliaia di anni e sono terminati quando i materiali fissili sempre decrescenti non riuscirono più a sostenere una reazione a catena.

Questa scoperta sconvolgente è stata fatta nel 1972, quando gli scienziati francesi hanno prelevato il minerale di uranio dalla miniera in Gabon per testarne il contenuto di uranio. Il minerale di uranio è composto da tre isotopi di uranio, ognuno dei quali contiene un diverso numero di neutroni: l’uranio 238, l’uranio 234 e l’uranio 235.

oklo-reattore nucleare

L’uranio 235 è ciò a cui gli scienziati sono maggiormente interessati poiché è in grado di sostenere reazioni a catena nucleari.

Ciò che sorprende è che una reazione nucleare si è verificata in un modo in cui il plutonio, il sottoprodotto, è stato creato e la reazione nucleare stessa è stata moderata. Questo è considerato un “sacro graal” della scienza atomica.

La capacità di moderare la reazione significa che una volta iniziata la fissione, è stato possibile sfruttare la potenza di uscita in modo controllato, con la possibilità di prevenire esplosioni catastrofiche o il rilascio di energia in un’unica soluzione.

Gli scienziati hanno anche scoperto che l’acqua è stata utilizzata per moderare la reazione, in modo simile a come i moderni reattori nucleari si raffreddano utilizzando blocchi di grafite-cadmio che impediscono al reattore di entrare in uno stato critico ed esplodere. Tutto questo è accaduto “in natura”, ovviamente. Dopotutto, la natura è incredibile in ogni singolo modo.

Ma perché queste parti del deposito non sono esplose o distrutte subito dopo l’inizio delle reazioni a catena nucleare? Quale meccanismo ha fornito l’autoregolamentazione necessaria? Questi reattori hanno funzionato regolarmente o è stata solo una coincidenza?

È probabile che il meccanismo di autoregolamentazione sia stato fornito dalla presenza di acqua sotterranea che fungeva da moderatore di neutroni. Quando il calore generato dalla fissione nucleare faceva evaporare l’acqua, la reazione rallentava o si fermava, impedendo così esplosioni o rilasci incontrollati di energia.

Inoltre, il fatto che esistessero 16 siti di reattori nucleari naturali a Oklo suggerisce che non si tratti di una semplice coincidenza, ma piuttosto di un fenomeno che si è verificato regolarmente nelle condizioni geologiche e ambientali di quel periodo.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Riferimenti

  1. The Workings of an Ancient Nuclear Reactor – Scientific American
  2. Natural fission reactors in the Franceville Basin, Gabon – Geochimica et Cosmochimica Acta
  3. The Oklo phenomenon: natural analogue for a nuclear repository – IAEA Bulletin

 

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina