La misteriosa mummia di Fawn Hoof: antica presenza egiziana nel Nord America

Questa affascinante mummia è stata trovata oltre 200 anni fa in uno dei più grandi sistemi di grotte in America: la grotta dei mammut. Lì, i minatori hanno scoperto una mummia estremamente ben conservata con i capelli rossi e imbalsamati in modo stranamente simile agli antichi egizi. Dopo aver esaminato la mummia alla fine del 1800, lo Smithsonian Institute “perse” la mummia.

La misteriosa mummia di Fawn Hoof

mummia di Fawn Hoof

Ci sono un paio di cose sulla mummia che sfidano completamente ciò che abbiamo insegnato a credere sui libri di storia, in particolare sulle capacità e le realizzazioni degli antichi egizi, i loro intrepidi viaggi transoceanici e la loro influenza in altre culture antiche.

La mummia conosciuta come Fawn Hoof è considerata da molti come la prova che i libri di storia sono sbagliati e che ci viene data un’informazione filtrata quando si tratta di antiche civiltà e le origini dell’umanità.

La mummia è stata menzionata nel libro Mummie preistoriche dalla Mammoth Cave Area, di Angelo I. George, dove l’autore indica che la mummia fu trovata nella grotta nel settembre del 1811.

Secondo George, nel 1815 l’antica mummia fu chiamata “Fawn Hoof” e “migliaia di persone videro la mummia come se fosse stata messa in mostra”. Ma qual è la storia dietro la mummia e perché è così importante?

A volte tra il 1811 e il 1813 diversi autori variano in base alla data, un gruppo di minatori stava lavorando all’interno di una delle grotte del Kentucky nota come Short Cave.

Uno degli operai, che stava scavando, si imbatté in una superficie dura che si rivelò essere una grande roccia con una superficie piatta.

Dopo che i minatori avevano rimosso la roccia, scoprirono una cripta che conteneva una mummia all’interno. Ma non era una normale mummia. In passato, a tali scoperte non è stata data molta importanza e le persone hanno cercato di trarre profitto dalla storia.

Nel 1816, il Nahum Ward dell’Ohio visitò la grotta, acquistò numerosi manufatti e la Mummia di Fawn Hoof. Oltre al reperto di Fawn Hoof, Ward ha anche acquistato altre mummie e alcune di queste avevano oltre 2500 anni.

Gli anni passarono e la collezione acquistata da Ward fu collocata in una mostra itinerante di rarità. Nel corso degli anni, la Mummia di Fawn Hoof viaggiò attraverso il paese. Fu prima portato a Lexington, nel Kentucky e in seguito trasferito alla American Antiquarian Society.

Nel 1876 la Mummia fu trasferita allo Smithsonian Institution da Isaiah Thomas, fondatore della American Antiquarian Society.

A causa del fatto che la mummia non fu stata curata in modo adeguato e poiché è trasportata da un posto all’altro, la mummia fu danneggiata.

I ricercatori dello Smithsonian hanno esaminato il cadavere, l’hanno sezionato e riportato i risultati. Ad un certo punto, dopo che, come molte altre cose che sfidano la storia, la Fawn Hoof Mummy andò completamente persa.

Secondo i rapporti iniziali, la mummia trovata si ritiene essere una donna di circa sei piedi di altezza, avvolta nella pelle di cervo, che a sua volta era decorata con motivi a foglia e vite.

La mummia è stata trovata in condizioni estremamente ben conservate anche se non fu analizzata dai ricercatori per oltre 60 anni dopo la sua scoperta.

Tra le scoperte più insolite c’era il fatto che questa mummia, come altre mummie trovate in Perù e in Bolivia negli ultimi tempi, aveva i capelli rossi.

Si è concluso che i capelli sono stati tagliati per una lunghezza di un ottavo di pollice, tranne per la parte posteriore della testa dove i capelli erano lunghi circa due pollici.

Sulla base dei reperti trovati dove fu sepolta la mummia, si ritiene che la donna fosse di grande importanza nei tempi antichi.

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che tra i dettagli più affascinanti sulla Mummia di Fawn Hoof è il fatto che sia stata preparata e imbalsamata in un modo stranamente simile a quello degli antichi Egizi.

I rapporti indicano che le mani, le orecchie, le dita e il resto del corpo sono stati essiccati, ma estremamente ben conservati.

Ma com’è possibile che la mummia sia stata persa? È possibile che la mummia abbia messo in discussione le dottrine storiche messe in atto da certe istituzioni?

Molte persone credono che la Mummia di Fawn Hoof sia uno dei tanti indicatori che dimostra che migliaia di anni fa, prima della storia scritta, le antiche culture di tutto il mondo erano strettamente collegate e che i viaggi transoceanici avvenivano molto prima che gli studiosi tradizionali fossero disposti ad accettare.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.