I resti di una civiltà avanzata di 200 mila anni fa rinvenuti in Africa

Potrebbero essere i resti di una  go to site civiltà avanzata? L’incredibile scoperta è stata fatta in Sud Africa, a circa 150 km a ovest del porto di Maputo. Lì, troviamo i resti di una grande metropoli che misura, secondo i test, circa 1.500 chilometri quadrati.

Questa antica città è, secondo i ricercatori, parte di una comunità ancora più grande con circa 10.000 chilometri quadrati e si ritiene che sia stata costruita da 160.000 a 200.000 anni prima di Cristo.

I resti di una civiltà avanzata

resti di una civiltà avanzata in africa

La regione è un po’ remota e i “resti” sono stati spesso sotto gli occhi degli agricoltori locali che presumevano fossero stati realizzati da alcuni indigeni della zona in passato. Ma, stranamente, nessuno si è mai posto il dubbio di informarsi su chi avrebbe potuto costruirli o quanti anni avessero.

Tutto è cambiato quando il ricercatore e autore, Michael Tellinger, in associazione con Johan Heine, un vigile del fuoco e pilota locale che aveva osservato queste rovine per anni, ha deciso di indagare su di essi. Heine ha avuto l’opportunità unica di vedere queste incredibili strutture dall’alto e sapeva che il loro significato non è mai importato a nessuno.

Quando Johan mi ha presentato per la prima volta le antiche rovine in pietra dell’Africa meridionale, non aveva idea delle incredibili scoperte che avremmo ottenuto negli anni avvenire. Le fotografie, i reperti e le prove che abbiamo accumulato indicano una civiltà perduta che non è mai stata prima e precede tutti gli altri – non per alcune centinaia di anni, o qualche migliaio di anni… ma molte migliaia di anni. ” – Tellinger

Secondo Tellinger, queste scoperte sono così incredibili che richiederà un cambio di paradigma completo nel modo in cui vediamo la nostra storia umana.

resti di una civiltà avanzata in africa 2

La geologia circostante è interessante a causa del numero di miniere d’oro situate nelle vicinanze. I ricercatori hanno proposto che una civiltà scomparsa del lontano passato, avrebbe potuto vivere e stabilirsi in quella parte del mondo mentre si estraeva l’oro; indicata come gli antichi Anunnaki: La cronologia degli Anunnaki – La venuta sulla Terra (Secondo Sitchin)

450.000 anni a.C dopo le lunghe guerre, l’atmosfera di Nibiru cominciò a deteriorarsi e divenne un luogo ostile per la vita, gli Anunnaki avevano bisogno di oro per riparare la loro atmosfera. Secondo i ricercatori, possiamo usare nanoparticelle d’oro per riparare il nostro strato di ozono danneggiato.

445.000 anni a.C. gli alieni Anunnaki sbarcarono sulla Terra e stabilirono la loro base in Eridu, volendo estrarre oro dal Golfo Persico. Erano guidati da Enki, figlio di Anu.

416.000 anni a.C. dopo la produzione di oro che fece venire Anu sulla Terra, accanto a lui arrivò il suo altro figlio Enlil. Anu decise che l’estrazione mineraria avrebbe avuto luogo in Africa e avrebbe promosso Enlil come responsabile della missione terrestre.

400.000 a.C. in Mesopotamia meridionale erano sette le nazioni sviluppate, tra i più importanti c’erano: “Sipar”, “Nippur” e “Shuruppak”. Dopo che il metallo era stato raffinato, il minerale veniva trasportato dall’Africa con “navi” e mandato in orbita.

Puoi dare un’occhiata a queste incredibili strutture con Google Earth usando le seguenti coordinate:

Carolina – 25 55’53,28″S / 30 16′ 13,13″ E
Badplaas – 25 47’33,45″S / 30 40′ 38,76″ E
Waterval – 25 38’07,82″S / 30 21′ 18,79″ E
Machadodorp – 25 39’22,42″S / 30 17′ 03.25″ E

Queste incredibili rovine sono per lo più costituite da cerchi di pietra, la maggior parte sono state sepolte nella sabbia e sono osservabili solo da aerei o satelliti. Alcuni sono stati esposti ai cambiamenti climatici che hanno rimosso la sabbia, rivelando i muri e le fondamenta.

Mi considero una persona abbastanza aperta ma ammetto che mi ci è voluto più di un anno per capirlo, e ho capito che stiamo effettivamente affrontando le strutture più antiche mai costruite dall’uomo sulla Terra. Il motivo principale è che ci è stato insegnato che nulla di significativo è mai venuto dal Sudafrica. Potenti civiltà sono emerse in Sumeria, in Egitto e in altri luoghi.“- Tellinger

Secondo Tellinger: dimostra che i Sumeri e persino gli Egiziani hanno ereditato tutte le loro conoscenze da una civiltà avanzata precedente che viveva nella punta meridionale dell’Africa più di 200.000 anni fa… miniere d’oro.

resti di una civiltà avanzata in africa 3

Questi furono anche gli uomini che realizzarono il primo Horus Bird, la prima Sfinge, costruirono le prime piramidi e costruirono un accurato calendario di pietre proprio nel cuore di tutto questo. Il Calendario di Adamo è l’ammiraglia tra milioni di rovine di pietre circolari, strade antiche, terrazze agricole e migliaia di vecchie miniere, lasciati alle spalle da una civiltà scomparsa che ora chiamano la PRIMA POPOLAZIONE.

Questi erano gli antenati di tutti gli esseri umani di oggi con una conoscenza avanzata dei campi energetici attraverso il pianeta Terra.

Hanno scolpito immagini dettagliate nella roccia più dura, hanno adorato il sole e sono stati i primi a ritagliarsi un’immagine dell’Ankh egiziano, la chiave della vita e della conoscenza universale, 200.000 anni prima che gli egiziani venissero alla luce.

Tellinger presenta questa nuova prova innovativa in cui è pubblicato nel suo ultimo libro Temples Of The African Gods.

Espone graficamente queste scoperte e sarà indubbiamente l’elemento chiave per riscrivere la nostra antica storia dell’umanità.

A cura di Ufoalieni.it

Fonti:
www.thesouthafrican.com
michaeltellinger.com

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *