Sarcofagi intatti di oltre 2.500 anni aperti in Egitto

Il governo egiziano ha annunciato la scoperta di una vasta collezione di bare intatte e ben conservate risalenti a 2.600 anni fa in un’importante necropoli.

Il ministro del Turismo e delle Antichità, Khaled al Anani, ha riferito che i 59 sarcofagi sono stati trovati in tre fosse nella necropoli di Saqqara, vicino alla famosa piramide del re Djoser.

Le bare scoperte sono in ottime condizioni e mantengono anche i loro colori originali.

“Ho assistito all’apertura di una delle bare, e sembra che il corpo fosse stato mummificato ieri“, ha detto sabato il curatore, aggiungendo che il processo non è ancora terminato perché ci sono ancora strati di sarcofagi da portare alla luce.

I sarcofagi non sono mai stati aperti

Quasi trenta dei 59 sarcofagi scoperti questo sabato giacevano davanti alla folla, coperti con un panno, dopo essere rimasti per più di 2.600 anni sotto le sabbie di Bubasteum, l’area del sito archeologico di Saqqara dedicata alla dea gatto Bastet, garante dell’amore , armonia e protezione.

Le casse, che ancora secoli dopo mantengono il loro colore, appartengono al Periodo Tardo e, nello specifico, alla XXVI dinastia (664-525 a.C.), l’ultima prima della conquista persiana, segretario generale del Consiglio Supremo di Antiquariato, Mostafa Waziri.

Lui stesso, insieme all’archeologo egiziano Zahi Hawass e al ministro del Turismo e delle Antichità, Khaled al Anani, ha aperto per la prima volta due bare di legno completamente sigillate, dalle quali sono emerse due mummie ricoperte di stoffa e ornamenti d’oro in perfette condizioni.

Cosa contengono le bare

Aprendo uno dei sarcofagi riccamente decorati per la prima volta prima di assemblare i media, il team ha rivelato resti mummificati avvolti in un panno funerario che recava iscrizioni geroglifiche in colori vivaci.  

Il drammatico ritrovamento è stato portato alla luce a sud del Cairo nel vasto cimitero di Saqqara, la necropoli dell’antica capitale egiziana di Menfi, patrimonio mondiale dell’UNESCO. 

Loading...

Sul sito – a circa 10 miglia a sud-est delle Piramidi di Giza – sono state scoperte finora 59 bare dipinte di antropoidi. Circa 40 sono stati presentati alla stampa. 

La maggior parte delle bare ospitava resti mummificati che la ricerca iniziale suggerisce sarebbero stati sacerdoti, alti funzionari ed élite nell’antica società egiziana.

Tutti coloro che sarebbero stati probabilmente soggetti ai complessi rituali di sepoltura dell’antico Egitto dopo la loro morte, inclusa la rimozione del cervello con un gancio di ferro.

La collezione sarà esposta al Grand Egyptian Museum, che sarà costruito accanto alle piramidi di Giza, insieme ad altre tre bare di legno di 3.500 anni fa rinvenute dalla necropoli Al Asasif nella città di Luxor, secondo il ministro.

VEDI ANCHE▶ Scoperti una dozzina di sarcofagi intatti di 2.500 anni fa

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Ancient Egyptian sarcophagus is opened for the FIRST time in 2,500

https://www.dailymail.co.uk/

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!