Se viaggi attraverso un buco nero, dove finisci?

Ti viene data l’opportunità di stare, in qualche modo, davanti a un buco nero nello spazio e scoprire dove ti potrebbe portare. Salteresti li dentro? E se riuscissi a trovare il coraggio, cosa accadrebbe esattamente entrando in quel gigantesco vuoto dell’universo dove nemmeno la luce può sfuggire?

buco nero (NASA)
(Via NASA/Wikimedia Commons)

Il professor Richard Massey, della Durham University, osserva che, per quanto sappiamo del Cosmo, non abbiamo esattamente tutti i dati quando si tratta di buchi neri. Allora, dove andresti se cadessi in un buco nero? Massey osserva:

“Chi lo sa? Cadere attraverso l’orizzonte degli eventi, significa letteralmente passare oltre il velo. Una volta che qualcuno lo supera, nessuno potrà mai inviare un messaggio indietro. Verrebbero fatti a pezzi dall’enorme gravità e per questo dubito che chiunque cadesse andrebbe da qualche parte.”

Fatto a pezzi? Non è esattamente quello che chiunque vuol sentire dire. Ma rientra nei fatti che abbiamo riguardo al mistero dei buchi neri.

Ripeschiamo Einstein

La maggior parte dei fisici concorda sul fatto che la teoria della relatività generale di Albert Einstein predisse i buchi neri perché collegano lo spazio-tempo con la gravità. Ciò ha implicazioni dirette per la morte delle stelle. Secondo WordsSideKick.com:

“È noto che i buchi neri derivano dalla morte di una stella massiccia che lascia dietro di sé un nucleo piccolo e denso residuo. Supponendo che questo nucleo abbia più di circa tre volte la massa del sole, la gravità sarebbe sopraffatta a tal punto da ricadere su se stessa in un singolo punto (o singolarità) inteso come il nucleo infinitamente denso del buco nero.”

Buco nero Cygnus
Buco nero Cygnus (Via Wikimedia Commons )

Quindi, cosa significa per il corpo umano una forza di gravità zero come quella trovata in un buco nero? Niente di buono, questo è certo e il professor Massey dice:

“Secondo Massey, le forze di marea ridurrebbe il tuo corpo in trefoli di atomi (o ‘spaghettificazione’, come è anche noto) e l’oggetto finirebbe per essere schiacciato alla singolarità. L’idea che tu possa sbucare da qualche parte, forse dall’altra parte, sembra assolutamente fantastica.”

Abbandoniamo le nostre speranze di utilizzare un buco nero per qualsiasi scopo produttivo e concentriamoci invece su un wormhole.

Loading...

Alcuni nella comunità scientifica hanno suggerito che i buchi neri potrebbero effettivamente essere wormhole per altre galassie e lo stesso Einstein ne analizzò la possibilità:

“Einstein collaborò con Nathan Rosen per teorizzare i ponti che collegano due diversi punti nello spazio-tempo nel 1935. Ma questa teoria ha guadagnato terreno negli anni ’80 quando, il fisico Kip Thorne, uno dei massimi esperti mondiali sulle implicazioni astrofisiche della teoria generale di Einstein della relatività, sollevò una discussione sul fatto che gli oggetti possano attraversarli fisicamente”.

ponte Einstein-Rosen
Simulazione del ponte Einstein-Rosen

Il problema è che non è nemmeno certo che esistano i wormhole, secondo il fisico teorico americano e premio Nobel Kip Thorne.

“Non vediamo oggetti nel nostro universo che potrebbero diventare wormhole con il passare degli anni”  scrive Thorne nel suo nuovo libro “The Science of Interstellar” (WW Norton & Co. 2014)

Inoltre, i wormhole per i viaggi dovrebbero probabilmente essere costruiti artificialmente, perché non ci sono prove concrete che esistano naturalmente.

Buco nero/Buco bianco

Forse i buchi neri portano a buchi bianchi. Questa è una teoria che ha preso piede negli anni ’60, quando il cosmologo russo Igor Novikov la menzionò per la prima volta. Ecco come funziona:

“Novikov ha proposto che un buco nero si colleghi a un buco bianco esistente in passato. A differenza di un buco nero, un buco bianco permetterà alla luce e alla materia di uscire, ma la luce e la materia non saranno in grado di entrare “.

Ma ci sarebbero dei problemi anche con questa teoria. Sappiamo che i buchi neri muoiono, ma non siamo sicuri che diventino buchi bianchi o se i buchi bianchi siano semplicemente l’opposto di uno nero.

Non si va da nessuna parte

Tutte queste speculazioni ci riportano al punto da cui siamo partiti in molti modi: i buchi neri non portano da nessuna parte e, anche se lo facessero, non vivresti abbastanza per vedere l’altro lato.

I fisici Ahmed Almheiri, Donald Marolf, Joseph Polchinski e James Sully hanno ampliato il lavoro svolto da Stephen Hawking e hanno avuto un’idea convincente:

“Hanno lavorato su una teoria che divenne nota come AMPS firewall o ipotesi del firewall del buco nero. Secondo i loro calcoli, la meccanica quantistica potrebbe trasformare l’orizzonte degli eventi in un gigantesco muro di fuoco e qualsiasi cosa entrasse in contatto, brucerebbe in un istante. In questo senso, i buchi neri non portano da nessuna parte perché nulla potrebbe mai entrare.”

Ma questa teoria viola direttamente la teoria generale della relatività.

Non c’è davvero risposta alla domanda su dove si va se si cade in un buco nero e i buchi neri nell’universo rifiutano di darci una risposta. Per questo dovremmo solo continuare a cercare, esplorare e teorizzare.

Il buco nero della Via Lattea è l’oggetto di questo video:

 

VEDI ANCHE▶ Il rover Perseverance della NASA è atterrato su Marte

A cura di Ufoalieni.it


Resources

If You Travel Through A Black Hole, Where Do You Wind Up?
https://www.ancient-code.com/

Loading...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

error: Content is protected !!