Tecnologia LiDAR rivela monumenti preistorici irlandesi allineati con il solstizio estivo | Ufo e Alieni
Sab. Mag 25th, 2024

I laser hanno rivelato centinaia di monumenti preistorici precedentemente non rilevati, tra cui cinque rari, raggruppati su una striscia di terreno agricolo nella campagna irlandese.

Tecnologia LiDAR

Gli archeologi hanno scoperto i monumenti a Baltinglass, una città nella contea di Wicklow, nell’Irlanda orientale, utilizzando il LiDAR (rilevamento e rilevamento della luce), una tecnica in cui un aereo sorvola l’area mentre una macchina spara impulsi laser nel terreno. Questi impulsi colpiscono gli oggetti e poi rimbalzano indietro, aiutando i ricercatori a mappare la topografia del paesaggio.

Nonostante anni di aratura agricola che avevano danneggiato alcuni monumenti, il LiDAR ha rivelato modelli tridimensionali del paesaggio punteggiati di strutture, tra cui diversi cursus “rari”.

Cursus è il nome dato dai primi archeologi britannici, come William Stukeley, a grandi tumuli di terra paralleli con fossati esterni, che pensavano fossero antiche piste da corsa romane; da qui il nome latino cursus, che significa “razza”. Oggi sono note come costruzioni neolitiche su larga scala che potrebbero aver avuto uno scopo rituale.

Tecnologia LiDAR immagini
I monumenti cursus di Baltinglass, visualizzati utilizzando l’ombreggiatura delle colline e semplici modelli di rilievo locale. Credito: James O’Driscoll, Antichità, 2024.

Il gruppo di cursus ora ritrovato grazie alla nuova tecnologia va è considerato il più numeroso sia in Irlanda che in Gran Bretagna.

Ho iniziato a lavorare in quest’area circa 10 anni fa come parte del mio dottorato di ricerca e originariamente l’idea era che questo fosse il luogo in Irlanda con i più grandi monumenti collinari dell’età del bronzo nel paese“, ha detto l’archeologo James O’ Driscoll, autore dello studio, nuovo studio pubblicato sulla rivista specializzata Antiquity.

Dopo diversi rilievi, abbiamo iniziato lentamente a renderci conto che non solo era dell’età del bronzo, ma che lì c’erano anche molti monumenti neolitici.”

Intorno al 2014, un uomo del posto ha identificato uno di questi monumenti cursus, e questo è tutto ciò che sapevamo prima di utilizzare la tecnologia LiDAR.

L’indagine laser ha rivelato altri quattro, “motivo per cui è una scoperta così importante e qualcosa che non pensavamo sarebbe saltato fuori, perché gruppi di monumenti cursus semplicemente non esistono in Irlanda“, ha detto O’Driscoll.

Potrebbero essercene una mezza dozzina in Gran Bretagna, ma in Irlanda ci sono solo circa 20 monumenti cursus conosciuti sparsi in isolamento.

Mentre la maggior parte dei cinque ha una lunghezza compresa tra 150 e 200 metri, secondo lo studio il più grande è lungo circa 400 metri. E considerando che gli uomini hanno creato questi monumenti prima dell’invenzione dei bulldozer e degli escavatori, è a dir poco impressionante.

Poiché furono costruiti durante il Neolitico, non c’erano strumenti di metallo e probabilmente avrebbero usato pale di legno”, ha osservato l’archeologo. “Mostra quante risorse, tempo e sforzi sono stati necessari per costruirli, poiché si tratta di un insediamento considerevole.

Scopo rituale

I ricercatori ritengono che i monumenti possano aver servito a diversi scopi, tra cui un’associazione con “importanti eventi solari”, l’agricoltura e “vie per i morti”.

Ad esempio, quattro cursus sono allineati verso il “sole nascente del solstizio d’estate“, che segna il picco della stagione di crescita dei raccolti.

Tecnologia LiDAR  2 immagine
Un altro dei cursus rilevati, Sruhaun, nel contesto. Credito: James O’Driscoll, Antichità, 2024.

Questi enormi monumenti avrebbero potuto anche essere dedicati ai morti“, ha osservato O’Driscoll. “Anche se non conosciamo i rituali reali che si svolgevano lì, i disegni suggeriscono che potrebbero essere stati usati come percorsi processionali per il lutto o come un modo per portare i morti in paradiso.

I monumenti “ci aiutano a comprendere lo stile di vita di questi popoli neolitici, che erano agricoltori di prima generazione“, ha aggiunto. “Ora abbiamo una migliore comprensione dell’importanza che l’agricoltura aveva in queste comunità, che divenne rapidamente centrale nella loro vita“.

I ricercatori intendono analizzare campioni di terreno del sito per ottenere una migliore comprensione degli animali e delle piante che erano lì durante il Neolitico antico.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Riferimenti:

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina