Trovato scheltro "donna vampiro" inchiodato a terra con una falce alla gola | Ufo e Alieni
Dom. Mar 3rd, 2024

In un villaggio polacco sono stati trovati i resti di una “donna vampiro” inchiodata a terra con una falce alla gola e un lucchetto per “impedirle di tornare dai morti”.

Scoperti durante i lavori archeologici in un cimitero del 17° secolo nella città di Pień, i ricercatori hanno anche scoperto che i resti scheletrici avevano un berretto di seta sulla testa, a indicare che aveva uno status sociale elevato, e un dente sporgente.

Il leader della squadra, il professor Dariusz Poliński dell’Università Nicolaus Copernicus nella vicina città di Torun, ha affermato che la forma della sepoltura era insolita.

I modi per proteggersi dal ritorno dei morti includono tagliare la testa o le gambe, posizionare il defunto a faccia in giù per mordere il terreno, bruciarlo e schiacciarlo con una pietra“, ha spiegato.

La falce non è stata stesa in piano, ma è stata posizionata sul collo in modo tale che se il defunto avesse cercato di alzarsi, molto probabilmente la testa sarebbe stata mozzata o ferita“.

Ha aggiunto che l’alluce con un lucchetto sul piede sinistro dello scheletro probabilmente simboleggiava “la chiusura di un palcoscenico e l’impossibilità di tornare“.

resti vampiro
Lucchetto messo intorno alla punta dello scheletro femminile del “vampiro”. Credito: Miroslaw Blicharski.

Le trascrizioni di miti sui non morti risalgono all’XI secolo nell’Europa orientale. La gente temeva che alcuni di quelli sepolti sarebbero tornati in superficie come mostri succhiasangue e avrebbero terrorizzato i vivi.

Non è raro trovare luoghi di sepoltura nella regione in cui una sbarra di metallo, o un palo, è stata martellata nel cranio del defunto. Le persone all’epoca credevano che questo fosse un modo per assicurarsi che la persona rimanesse morta.

In alcune parti del continente, in particolare tra gli slavi, la credenza nelle leggende sui vampiri divenne così diffusa da causare un’isteria di massa e persino portare all’esecuzione di persone ritenute vampiri.

Anche le persone morte prematuramente, ad esempio per suicidio, sarebbero state spesso sospettate di vampirismo e i loro corpi sarebbero stati mutilati per impedire loro di risorgere dai morti.

donna vampiro resti
I ricercatori hanno scoperto i resti durante i lavori archeologici in un cimitero del XVII secolo nel villaggio di Pień.

Nel 2015, gli archeologi della città di Drewsko, a 130 miglia di distanza, hanno trovato cinque scheletri sepolti in modo simile in un cimitero di 400 anni. Sono state trovate falci premute contro la gola di un maschio adulto, di età compresa tra i 35 e i 44 anni, e di una femmina adulta di età compresa tra i 35 ei 39 anni.

Una donna anziana, che aveva tra i 50 ei 60 anni quando è morta, è stata seppellita con una falce ai fianchi e una pietra di medie dimensioni in gola. Secondo la saggezza popolare, una falce proteggeva le donne in travaglio, i bambini e i morti dagli spiriti maligni.

Ha avuto anche un ruolo nei rituali progettati per contrastare la magia nera e la stregoneria. L’ultima scoperta è stata ora spedita a Torun, dove gli archeologi condurranno ulteriori indagini.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina