Civiltà della Terra Interiore? Il mistero dietro l'enorme oceano interno del nostro pianeta | Ufo e Alieni
Gio. Giu 20th, 2024

Uno dei miei libri preferiti in assoluto è senza dubbio Viaggio al centro della Terra, scritto dall’autore di fama mondiale Jules Verne.

La storia scritta da Verne coinvolge un professore tedesco di nome Otto Lidenbrock convinto che ci siano dei tubi vulcanici che portano verso il centro del nostro pianeta.

Lidenbrock, suo nipote Axel e la loro guida Hans scendono nel vulcano islandese Snæfellsjökull e incontrano molte avventure lungo il percorso, inclusi animali e pericoli preistorici. Infine, riaffiorano nell’Italia meridionale, presso il vulcano Stromboli.

Nel libro, Verne descrive un immenso oceano che esiste all’interno del nostro pianeta.

Spiega come: una vasta distesa d’acqua, l’inizio di un lago o di un oceano, si estendeva oltre i limiti della vista.

Inoltre, la vista seguiva la sua massa delineata sullo sfondo nebbioso dell’orizzonte. Era un vero oceano, capricciosamente sagomato dalle coste terrestri, ma deserto e dall’aspetto terribilmente selvaggio.

Il libro era un bestseller di fantascienza e, nonostante molte persone credessero che qualcosa del genere potesse essere possibile, l’idea è rimasta fermamente un’idea di fantascienza.

Ora, cosa accadrebbe se quella che un tempo si pensava fosse una mera fantasia dello scrittore, fosse, in effetti, più vicina alla realtà?

È possibile che ci sia davvero un oceano sotterraneo sotto o ai piedi? Un articolo pubblicato sulla rivista Nature punta in quella direzione.

A quanto pare, gli scienziati hanno scoperto tempo fa un diamante ricco di acqua con tracce di un minerale chiamato ringwoodite (in onore del suo scopritore, il geochimico Alfred Ringwood).

Il diamante proveniva originariamente da un’area che separa il mantello terrestre superiore da quello inferiore, cioè tra i quattro e i seicento chilometri sotto i nostri piedi.

Quindi, cosa ha a che fare con Verne, la Terra Interna e un oceano sotto i nostri piedi?

Il fatto è che il diamante ritrovato era associato a molecole d’acqua in una proporzione significativa (1,5%), il che porta gli esperti a proporre la teoria che questa zona di transizione del mantello sia molto ricca di acqua.

In effetti, gli scienziati hanno proposto che ci sia così tanta acqua sotto la superficie del nostro pianeta, che possiamo coprire la superficie del nostro pianeta interamente in acqua. L’esistenza di questo ‘oceano sotterraneo’ spiegherebbe il grande dinamismo vulcanico e tettonico del pianeta.

Graham Pearson, un ricercatore dell’Università dell’Alberta (Canada), afferma che la ringwoodite trovata “fornisce la conferma che ci sono davvero sacche d’acqua nelle profondità della Terra“.

Questa, tuttavia, è una conferma teorica, ovviamente, poiché per mancanza di attrezzature e tecnologia sarebbe impossibile ottenere prove fisiche direttamente dal mantello.

Questo è un dramma dal momento che, nonostante il fatto che gli umani siano arrivati ​​​​nello spazio, siano atterrati sulla luna ed esplorato mondi alieni lontani, non abbiamo ancora esplorato cosa si trova esattamente sotto il nostro oceano e quali misteri potrebbero essere nascosti sotto la superficie di il nostro pianeta.

Alfred Ringwood propose che il minerale che porta il suo nome potesse trovarsi nella zona di transizione del mantello, originata dalle alte pressioni e temperature che si trovano al di sotto della superficie.

Ma se non possiamo andare laggiù, come hanno fatto gli scienziati a trovare il diamante?

Gli esperti ritengono che il diamante sia emerso in un’eruzione vulcanica in un lavaggio di kimberlite (una roccia ignea formata dal magma e che è la più profonda).

Era largo solo tre millimetri e privo di valore commerciale, ma fu venduto a scienziati che cercavano altri tipi di rocce e che escogitarono qualcosa che non aveva prezzo: all’interno del diamante c’era una microscopica scia di ringwoodite.

Ma non tutti sono convinti che esista un enorme oceano sotterraneo e non tutti gli scienziati ritengono che il risultato dell’analisi del diamante debba essere estrapolato alla teoria di un enorme oceano sottomarino basato su un campione così piccolo di ringwoodite.

Inoltre, alcuni ricercatori ammettono addirittura che anche se ci fosse un oceano sotto i nostri piedi, non sarebbe in forma liquida ma sotto una variante molecolare chiamata idrossile, con un solo atomo di ossigeno e un altro di idrogeno invece dei due.

David Wilcock e le civiltà interiori della Terra

Nel 2015 è apparso un articolo su Coast To Coast AM, in cui l’autore e ricercatore David Wilcock discute le civiltà interne della Terra.

Wilcock ha detto a C2C che un’alleanza di antiche civiltà risiede attualmente all’interno della Terra e che presto potrebbero rivelarsi al mondo “esterno”.

Durante la formazione di tutti i pianeti acquosi nell’universo, ha spiegato, si formano cavità cave sotto la superficie della crosta e hanno il loro bioma che contiene batteri che emettono luce naturale.

“Ciò significa che puoi effettivamente vivere all’interno delle caverne della Terra che hanno luce visibile”, si meravigliò.

Sulla base della sua ricerca, Wilcock ha detto, “sembra che queste cavità siano utilizzate in modo che le civiltà più avanzate abbiano un posto in cui possono vivere mentre gestiscono ciò che accade in superficie“.

Nell’arco della storia del pianeta, spiegò, varie società avanzate, come gli Atlantidei, si rifugiarono sottoterra per sopravvivere a tempi tumultuosi e alla fine si stabilirono nella loro nuova posizione sotterranea.

Sebbene la presenza di queste civiltà sia stata parte della tradizione degli UFO per decenni, ha affermato che il governo è a conoscenza diretta della loro presenza a causa della loro scoperta accidentale tramite progetti clandestini volti alla costruzione di basi sotterranee segrete.

Avranno queste macchine perforatrici di tunnel e a volte sfondano in un posto in cui non dovrebbero andare“, ha affermato Wilcock, “e c’è già gente lì“.

Per l’intervista completa a David Wilcock clicca qui.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Civiltà della Terra Interiore? Il mistero dietro l’enorme oceano interno del nostro pianeta”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina