L'uomo di metallo di Falkville, la fotografia di un robot alieno? | Ufo e Alieni
Sab. Mar 2nd, 2024

Sebbene i rapporti e le prove di avvistamenti UFO siano contati a migliaia in tutto il mondo, quando si parla del loro equipaggio, sono pochissime le fotografie che possono rispondere di averli immortalati.

Il caso seguente è una di quelle rare eccezioni e, per rendere le cose ancora più intriganti, le immagini sono state catturate nientemeno che dal capo della polizia inviato a indagare.

Nella dolce serata autunnale del 17 ottobre 1973, Jeff Greenhaw, allora capo della polizia ventiseienne di Falkville, in Alabama, si stava appena sistemando con sua moglie per una meritata notte di riposo quando ricevette una chiamata di emergenza subito dopo 22:00 che avrebbe cambiato la sua vita per sempre.

La chiamata proveniva da una donna quasi isterica e, fino ad oggi, anonima, che sosteneva che un oggetto volante non identificato era atterrato appena fuori città in un campo di proprietà di Bobby Summerford. Inizia così probabilmente il secondo caso più bizzarro di un incontro alieno avvenuto nel sud americano, proprio in quello stesso mese!

Sebbene fosse fuori servizio, Greenhaw – rispettando il suo dovere giurato di servire e proteggere – balzò in piedi, afferrò le sue chiavi, manette, revolver e, quasi come un ripensamento, la sua fidata macchina fotografica Polaroid nella remota possibilità che ci potesse essere qualcosa che valesse la pena prendere un colpo di.

Quindi è salito sul suo furgone, ha trasmesso la chiamata via radio ed è volato sul luogo del presunto atterraggio del disco volante.

L’uomo di metallo

Quando Greenhaw è arrivato sulla scena, è sceso dal suo camion e ha pattugliato la zona, affermando di non aver trovato nulla di straordinario. Il capo è quindi tornato al suo veicolo e ha deciso di fare il giro del campo prima di tornare a casa.

Greenhaw percorse il perimetro della proprietà di Summerford, scrutando l’oscurità alla ricerca di qualcosa di insolito, ma non vide nulla di merito nell’oscurità torbida. Poi scese per uno stretto sentiero di ghiaia per un ultimo passaggio… fu allora che si trovò faccia a faccia con l’impensabile.

Dopo aver percorso il sentiero per circa un centinaio di metri, Greenhaw vide un’entità che descrisse come una figura umanoide in piedi vicino alla strada, a circa 75 piedi di distanza. Il capo è sceso dal mazzo e si è avvicinato con cautela a quello che credeva ancora essere un essere umano, pensando che potesse essere qualcuno che aveva bisogno di assistenza.

Greenhaw gridò all’umanoide, ma non rispose. Quando arrivò a meno di 15 piedi dall’essere illuminato dagli abbaglianti del suo camion, il capo si rese conto che qualcosa non andava. L’entità sembrava indossare una specie di tuta metallica argentea che assomigliava a uno spesso foglio di alluminio.

Alcuni rapporti indicano anche che la sua statura era in qualche modo infantile o scimmiesca, come una scimmia in una tuta spaziale. Greenhaw descrisse ciò che vide:

Sembrava che la sua testa e il suo collo fossero fatti insieme… era davvero brillante, qualcosa come strofinare il mercurio sul nichel, ma altrettanto liscio come il vetro: angoli diversi danno un’illuminazione diversa… quando l’ho visto in piedi in mezzo alla strada, ho subito fermato la macchina e ho chiesto se fosse uno straniero, ma dalla sua bocca non usciva alcun suono“.

Il funzionario notò anche che la cosa aveva un’antenna che sporgeva dalla sommità della testa e che i suoi movimenti erano a scatti e meccanici.

alieno di metallo di falkville
Foto scattate da Greenhaw (con contrasto migliorato per una migliore visualizzazione).

Così, si è subito reso conto che aveva a che fare con qualcosa di sconosciuto e, mettendo da parte il panico con anni di addestramento della polizia, ha avuto il coraggio di prendere la sua macchina fotografica istantanea Polaroid e scattare quattro fotografie di questo essere.

La prima immagine non mostra altro che deboli bagliori nel cuore della notte, ma le tre immagini successive si aggiudicano il jackpot. Nelle foto si vede chiaramente una figura umanoide in una tuta metallica, che riflette il flash della lampadina della Polaroid.

Forse credendo di essere stata attaccato da un umano con una specie di arma lampeggiante, la creatura si voltò quasi istantaneamente e iniziò a fuggire lungo la strada a velocità ben oltre quelle capaci degli umani.

Greenhaw notò che sembrava dirigersi in direzione di Lacon, a circa tre miglia da Falkville. Il capo ha reagito rapidamente, è tornato al suo veicolo e ha inseguito l’uomo di metallo.

Greenhaw dichiarerebbe di essere riuscito ad accelerare il suo camion solo a circa 35 MPH a causa del terreno accidentato del campo, ma che era ancora completamente superato da questa insolita entità, che sembrava essere in grado di sfidare le leggi di gravità con la sua velocità e agilità nel fare dei salti.  Secondo Greenhaw:

(Egli) correva in un modo bizzarro… sembrava avere molle nei piedi per la propulsione, poteva coprire circa tre metri in ogni modo… Correva più veloce di qualsiasi umano che abbia mai visto.

greenhaw
La creatura ha camminato in mezzo alla strada sterrata e non ha deviato, come farebbe un umano, quando è stata colpita da un improvviso e accecante raggio di luce della pattuglia, invece ha continuato a camminare in mezzo alla strada. Quando era a 50 piedi e 20 piedi dalla pattuglia, due potenti torce lo accecarono di nuovo e non gli causarono alcun cambiamento nella sua andatura. Foto: Jeffrey Greenhaw che mostra sul posto la sua posizione in relazione alla creatura quando sono state fotografate la terza e la quarta istantanea.

Durante questo frenetico inseguimento fuoristrada, Greenhaw afferma di aver perso il controllo del suo furgone ed è scivolato in un fosso. A quel punto osservò la creatura scivolare nell’oscurità per non essere mai più vista. Lasciando all’uomo solo i suoi ricordi inquietanti dell’evento e uno strano servizio fotografico Polaroid.

greenhaw2
“Dopo un inseguimento di mezzo miglio, la creatura è scomparsa qui sulla strada”, ha detto il capo Greenhaw.

Il calvario del poliziotto

Alle 11:30 di quella stessa notte, Greenhaw ha contattato il giornale locale per condividere la sua esperienza. Ma la pubblicazione della storia accompagnata dalle rare foto non ha fatto altro che generare derisione e scherno, qualcosa che era quasi una regola nel secolo scorso per chiunque osava parlare di “queste cose” in pubblico.

Quindi bisogna considerare che il testimone era totalmente convinto che ciò che aveva visto fosse qualcosa di reale, tanto da rischiare di raccontarlo.

Ma non sempre vince chi rischia. Pochi giorni dopo aver rivelato il loro bizzarro incontro, il capo della polizia ha iniziato a ricevere minacce via lettera e telefono, il motore della sua auto è esploso, la sua casa è stata consumata da un incendio e – proprio quando sembrava che le cose non potessero peggiorare – il consiglio comunale lo ha costretto di dimettersi dalla carica di capo della polizia.

greenhaw-casa
La casa mobile del capo della polizia Greenhaw prese fuoco in modo sospetto il 9 novembre 1973.

Tutti i suddetti fattori hanno gettato benzina sul fuoco già brillantemente ardenti delle teorie cospirative sugli UFO che circondano questo evento e, più specificamente, forniscono una chiara indicazione del motivo per cui la maggior parte dei contattati e dei testimoni oculari rimangono in silenzio riguardo alle loro esperienze insolite. Oltre a ridicolizzare, gli “uomini in nero” “Man in Black” possono entrare in azione…

Alcune teorie

Alcuni ufologi ritengono che l’uomo di metallo fosse un esploratore robotico sbarcato da un mezzo alieno – in analogia, come un lander e un rover su Marte – mentre gli scettici sostengono che fosse tutta una bufala perpetrata da Greenhaw e da un complice sconosciuto, vestito con un costume di carta stagnola – e ammettiamolo, questa è la prima cosa che pensi quando guardi le foto; anche se sappiamo che le prime impressioni possono essere altrettanto fuorvianti.

foto alieno di metallo
Foto originali (1 e 2) dell’essere misterioso, che non emetteva alcun suono riconoscibile.

Tuttavia, gli sfortunati eventi che sono seguiti, che dimostrano chiaramente che il capo della polizia non ha mai tratto profitto dal loro incontro ravvicinato, al contrario, lo esonerano da ogni colpa e pantomima.

Altri hanno richiamato l’attenzione sul fatto che la descrizione “robotica” (senza collo, pelle “rugosa”, con antenna) non è molto diversa da quella osservata da Charles Hickson e Calvin Parker, protagonisti del caso di rapimento di Pascagoula, avvenuto in Mississippi pochi giorni prima.

È possibile che Greenhaw abbia incontrato le stesse entità extraterrestri che avrebbero rapito i due portuali la notte di giovedì 11 ottobre 1973? O era un caso fabbricato proprio per screditare quello di Pascagoula?

La verità è che ci sono diversi incontri ravvicinati in cui quanto riportato dai testimoni è più coerente con un’entità robotica che con un essere biologico.

Ed è che, se pensiamo con logica aerospaziale, nell’esplorazione di altri mondi l’invio di sonde e robot deve essere qualcosa di comune tra civiltà tecnologiche, per non parlare di quelle che si sono fuse con tale tecnologia.

Nelle parole del famoso astrofisico britannico Sir Martin Rees, “su un pianeta in orbita attorno a una stella più antica del nostro sole, la vita potrebbe essersi evoluta in un dominio di intelligenza artificiale“.

VEDI ANCHE▶ Crop Circles: Il messaggio nascosto nei “cerchi nel grano”

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Detailed Report of Jeff Greenhaw’s Falkville Incident Alien Encounter Testimonial – Metaphysical Articles.

Alabama Police Chief’s Photo of Alleged Alien Published Around the Globe (1973) – Out There with Ted.

Ramblins’ from the Hills & Hollers: Tin Foil Alien photos and story had staying power – Chester County.

Independent. Metal Man of Falkville – New Cryptozoology Wiki

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “L’uomo di metallo di Falkville, la fotografia di un robot alieno?”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina