Teschi di Paracas: risultati del DNA mostrano che non sono nativi americani

“I Paracas erano un mix etnico incredibilmente complesso di persone… Ci sono un certo numero di aplogruppi differenti che sono stati trovati nelle prove del DNA dei crani allungati di Paracas e di questi aplogruppi, nessuno si adatta con la storia del Perù in tutta la figura o forma…”

Secondo un gruppo di esperti che si occupano del fenomeno dei Teschi di Paracas, i recenti risultati del DNA hanno rivelato che i crani allungati in Perù, non sono originari della regione.

I Teschi di Paracas allungati

teschi di paracas peru

Durante gli anni ’20, un archeologo peruviano di nome Julio Tello scoprì una serie di tombe a Paracas, in Perù. I contenuti della tomba lasciarono gli esperti perplessi mentre numerosi teschi allungati venivano recuperati dalle tombe. Da allora, nella regione sono stati trovati crani più allungati, che sollevano numerose domande su queste persone misteriose.

Per più di cinque anni esperti come Brien Foerster hanno provato a risolvere il mistero dietro i teschi allungati. Infatti sono stati compiuti molti progressi nel comprenderli ma non è stato così facile come si potrebbe pensare.

teschio di paracas
L’analisi di questo cranio allungato, che ha i capelli rossicci, mostra che ha un aplogruppo mitocondriale U2e, che potrebbe significare che ha avuto origine da qualche parte nel Caucaso … lontano da Paracas.

Dopo innumerevoli studi e ricerche, abbiamo iniziato a scoprire di più su questi teschi misteriosi. Alcune analisi del DNA hanno dimostrato che l’allungamento presente sui crani di Paracas non era il risultato della deformazione cranica artificiale ma della genetica.

Alcuni dei teschi di Paracas hanno un volume cranico del 25% più grande e il 60% percento più pesante dei crani umani convenzionali. Mentre la ‘legatura della testa’ può alterare la forma del cranio, non può alterarne il volume.

Alla fine della settimana scorsa, una conferenza si è tenuta a Los Angeles, dove gli esperti hanno annunciato nuovi risultati dei test eseguiti sui teschi allungati.

I principali relatori dell’evento sono stati L.A. Marzulli e Brien Foerster.

Come riportato da Megalith Marvels, Foerster, autore di numerosi libri sull’argomento ed esperto riconosciuto dei teschi di Paracas, ha pubblicato le seguenti informazioni sui risultati del DNA sopra citati.

“I risultati del DNA in realtà sono stati incredibilmente complicati … Mi ci vorrà del tempo per capire veramente cosa significano i risultati. Quello che mostra di sicuro è che le persone con il cranio allungato di Paracas non erano al 100% nativi americani. Erano un mix o addirittura si potrebbe dire, in un certo senso, un ibrido di persone diverse. “

Più domande che risposte …

Foerster spiega che “Anche i loro gruppi sanguigni sono molto complicati, dovrebbero essere del tipo di sangue ‘ O ‘ se sono nativi americani al 100% e non è così. Probabilmente stiamo osservando una sottospecie di umanità nei confronti di Paracas …

Sembra che ci siano molte prove del DNA provenienti dall’Europa dell’est estremo e dall’estrema Asia occidentale. Più precisamente, sto parlando dell’area tra il Mar Nero e il Mar Caspio, dove vivevano antiche persone a forma di teschio allungato, penso a 3000 anni fa “. Fonte: Hidden Inca Tours e Megalithic Marvels.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *