5 missioni lunari top-secret di cui probabilmente non hai mai sentito parlare

Sebbene la maggior parte di noi abbia familiarità con le missioni Apollo, negli ultimi 60 anni circa sono state pianificate numerose missioni altamente classificate. Questo fantastico video (scorri verso il basso) parla di 5 missioni lunari top-secret di cui probabilmente non hai mai sentito parlare.

Anche se siamo nel 21° secolo e c’è una grande quantità di immagini e media disponibili dalla missione Apollo, molte persone credono ancora che le missioni Apollo non siano mai arrivate sulla luna. Tuttavia, la verità è che c’erano molte altre missioni di cui la maggior parte di noi non aveva mai sentito parlare.

La verità è che anche prima che il programma Apollo fosse lanciato dagli Stati Uniti, le agenzie di intelligence e difesa del paese stavano preparando un piano per costruire un avamposto militare sulla superficie della luna.

La misteriosa Base sul lato opposto della luna

Sia i sovietici che gli Stati Uniti volevano il sopravvento quando si trattava di esplorazione spaziale. Incuriosita dagli incredibili esperimenti di “visione a distanza” di Indigo Swann e dei ricercatori della Stanford University, la CIA voleva finanziare un progetto speciale che li avrebbe aiutati a scoprire i segreti di una presunta base sovietica o extraterrestre situata sul lato opposto della luna.

Durante una delle sessioni di osservazione a distanza nel 1970, Indigo Swann affermò di aver visto una serie di costruzioni aliene sul lato opposto della luna, un’operazione mineraria e una grande colonia di “persone”.

Project Horizon: un avamposto militare statunitense sulla Luna

In questo documento non classificato, puoi scoprire di più su uno dei progetti più rivoluzionari creati dal governo. L’obiettivo del Progetto Horizon era di sviluppare tecniche di sorveglianza lunare della terra e dello spazio, in comunicazioni a staffetta e in operazioni sulla superficie lunare; servire come base per l’esplorazione della luna, per ulteriori esplorazioni nello spazio e per operazioni militari sulla luna, se necessario; e per supportare le indagini scientifiche sulla luna.

L’avamposto doveva essere di dimensioni sufficienti per contenere attrezzature e consentire la sopravvivenza e l’attività moderata e costruttiva di un numero minimo di personale (circa 10-20) su base sostenuta.

L’idea era che la base militare dovesse essere alimentata da due reattori nucleari che consentissero energia sufficiente per espandere eventualmente la base, conquistando passo dopo passo il satellite terrestre.

Tutto questo è stato proposto nel 1959 e se avessimo la tecnologia per ottenere tutto questo oltre un decennio fa, immagina di cosa sono capaci i governi di tutto il mondo oggi. Questo progetto è stato mantenuto classificato fino al 2014.

Nuke the Moon…

Una delle missioni più importanti e segrete sulla luna è stata denominata “Progetto A119“. Durante il 1958, uno sforzo congiunto tra la Central Intelligence Agency e la United States Airforce propose una serie di voli di ricerca lunari presumibilmente benigni.

Tuttavia, molte persone non erano a conoscenza dell’esistenza del programma e solo pochi erano a conoscenza del vero obiettivo del “Progetto A119”. È stato creato con l’unico scopo di analizzare la fattibilità di consegnare un ordigno nucleare sulla superficie della luna terrestre.

I dettagli completi dello studio sono stati presentati dal dottor Leonard Reiffel, che ha guidato il progetto nel 1958 da una fondazione di ricerca finanziata dall’esercito degli Stati Uniti. Carl Sagan si è unito al gruppo di ricerca responsabile dell’indagine sugli effetti teorici di un’esplosione nucleare a bassa gravità.

Sagan ha rivelato la sua partecipazione al piano nel 1959. “Il progetto A119” non è mai stato portato a termine, probabilmente perché lo sbarco del primo uomo sulla luna conterrebbe una migliore accoglienza da parte della popolazione statunitense, rispetto alla detonazione di una bomba atomica sulla luna, che avrebbe dato il via a un’era di militarizzazione spaziale.

Ma il progetto A119 non era l’unico progetto.

Rapimento di un’astronave sovietica… Una grande idea della CIA.

Unione Sovietica contro gli Stati Uniti. La corsa allo spazio era iniziata ed entrambi i paesi desideravano disperatamente ottenere un vantaggio l’uno sull’altro. Per ottenerlo, la CIA fu arruolata nel 1960 per dirottare una navicella spaziale Lunik dal programma spaziale sovietico.

Ma probabilmente gli Stati Uniti non avrebbero avuto quell’idea se l’Unione Sovietica non avesse messo in mostra il palco Lunik Upper, mostrando la loro potenza industriale. A un certo punto, la navicella si trovava a Città del Messico, dove è stata lasciata incustodita…

Durante il trasporto della navicella, gli agenti della CIA sono riusciti a deviare il camion che stava trasportando la navicella in una discarica in modo da poter fotografare la potente sonda spaziale sovietica. È interessante notare che il veicolo spaziale è stato studiato, fotografato e completamente smontato e restituito al trasporto sovietico senza che “nessuno” si accorgesse della sua sparizione.

Apollo 18, 19 e 20

Il programma Apollo è stata senza dubbio una delle missioni di maggior successo nella storia dell’esplorazione spaziale statunitense. Ma perché la NASA si è fermata all’Apollo 17 quando le cose stavano procedendo così bene?

La domanda migliore che molti hanno posto è… si sono davvero fermati? È interessante notare che la NASA aveva pianificato altre tre missioni dopo l’Apollo 17: Apollo 18, 19 e 20, ma le presunte missioni non hanno mai avuto luogo.

Il film Apollo 18 ha alcuni dettagli che molti ricercatori UFO supportano, rivelandosi un buon punto secondo alcuni. La missione Apollo 18 era pianificata e doveva atterrare sul cratere Copernico, ma furono assegnati vari siti di atterraggio e fu cambiato nella valle di Schröter secondo “NASA OMSF, Manned Space Flight Weekly Report” del 28 luglio 1969.

Apollo 19 che era anche pianificato e discusso per atterrare nella regione di Hyginus Rille o Copernicus e l’Apollo 20 era originariamente destinato al cratere Tycho, il sito Surveyor VII, ma nessuna di queste missioni ha avuto luogo e molti di noi si sono chiesti perché? Perché la NASA si è fermata? Era per ragioni economiche e politiche come alcuni suggeriscono o c’era qualcosa in più?

Ma i progetti sopra citati erano solo alcuni dei tanti che erano stati programmati. La verità è che numerose altre missioni estremamente segrete avrebbero avuto luogo, ma non hanno mai avuto luogo… “presumibilmente”.

Questo video dell’utente di YouTube Dark5 ci mostra alcune delle missioni lunari più segrete, che ci aiuteranno a capire che l’umanità è stata affascinata dalla luna per decenni, cercando disperatamente di conquistarla.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

155Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “5 missioni lunari top-secret di cui probabilmente non hai mai sentito parlare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina