Confermato: esiste il “Quinto stato della materia”

Un nuovo esperimento avrebbe potuto confermare il quinto stato della materia nell’Universo. In questo modo, la fisica come la conosciamo potrebbe cambiare per sempre.

Quinto stato della materia

Sebbene le persone credano che gli stati della materia siano solo solido, liquido e gassoso, esiste un quarto stato; il plasma. Tuttavia, mentre poche persone ne sono a conoscenza, un esperimento sta per confermare l’esistenza di un quinto stato.

Il quinto stato della materia

In un articolo del fisico Melvin Vopson e pubblicato dall’Università di Portsmouth, egli suggerisce che l’informazione ha massa e che ogni particella elementare, i più piccoli elementi costitutivi conosciuti nell’universo, memorizzi informazioni su se stessa. Proprio come il DNA umano.

Ora, ha progettato un esperimento che, in caso di successo, significherà la scoperta che l’informazione è la quinta forma di materia.

Ciò significherebbe un cambiamento nella fisica così come la conosciamo ed estenderebbe l’attuale comprensione dell’universo. Sebbene questo stato non sarebbe in conflitto con nessuna delle leggi della fisica; non contraddice la meccanica quantistica, l’elettrodinamica, la termodinamica o la meccanica classica. Tutto ciò che fa è integrare la fisica con qualcosa di nuovo.

Vopson aveva svolto ricerche precedenti suggerendo che l’informazione è l’ elemento costitutivo fondamentale dell’universo e l’informazione ha una massa fisica.

Garantisce persino che l’informazione possa essere la materia oscura che forma quasi un terzo dell’universo.

Se assumiamo che l’informazione sia fisica e abbia massa, e che le particelle elementari abbiano un DNA di informazioni su se stesse, come possiamo provarlo? Il mio ultimo articolo cerca di mettere alla prova queste teorie in modo che possano essere prese sul serio dalla comunità scientifica”.

L’informazione come uno stato in più

Il fisico propone come rilevare e misurare l’informazione in una particella elementare utilizzando la collisione particella-antiparticella.

L’informazione in un elettrone è 22 milioni di volte più piccola della sua massa, ma possiamo misurare il contenuto dell’informazione cancellandola. Sappiamo che quando si scontra una particella di materia con una particella di antimateria, si annichiliscono a vicenda. E le informazioni della particella devono andare da qualche parte quando si annichila“.

Il processo di annichilazione converte la massa rimanente delle particelle in energia. Di solito nei fotoni gamma. Qualsiasi particella che contiene informazioni viene convertita in fotoni infrarossi a bassa energia.

Lo studio di Vopson prevede anche l’esatta energia dei fotoni infrarossi risultanti dalla cancellazione delle informazioni.

Come se fosse un software per computer, il lavoro di questo scienziato potrebbe dimostrare che l’informazione è una componente essenziale di ogni universo e che potrebbe emergere un nuovo campo di ricerca in fisica.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

499Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina