Dove sono tutti gli alieni? Un astrofisico ha una risposta rivoluzionaria

Dove sono tutti gli alieni? Perché un’altra civiltà non ci ha ancora contattato? Un astrofisico ha una risposta rivoluzionaria: “Perché gli alieni sono già qui”.

Alieni: sonde autoreplicanti

Alieni sonde autoreplicanti

Zaza Osmanov della Libera Università di Tbilisi in Georgia ha suggerito in un nuovo studio che una razza di esseri extraterrestri potrebbe utilizzare “sonde autoreplicanti” per esplorare la nostra galassia, inclusa la Terra.

Osmanov afferma che una civiltà che ha raggiunto lo “Fase 2” sulla scala Kardashev, o che è lo stesso, un livello sopra di noi, sarebbe pienamente in grado di produrre una flotta di “sonde Von Neumann“.

Le sonde Von Neumann sarebbero “piccoli robot autoreplicanti che raccoglierebbero risorse da pianeti e asteroidi per costruire nuove copie di se stessi”.

Tutti i risultati indicano che se viene rilevato un oggetto estraneo con valori estremamente elevati di maggiore luminosità, potrebbe essere un buon segno inserire l’oggetto nella lista dei candidati per le sonde extraterrestri Von Neumann“, ha scritto l’astrofisico russo.

“Consideriamo lo scenario in cui la civiltà di tipo 2 deve “invadere le nuvole interstellari tramite robot autoriproducenti“, ha continuato. “Ed è stato dimostrato che questo processo porterà inevitabilmente alle conseguenze dell’osservazione“.

Ma quando si tratta di spiegare perché non abbiamo visto questa flotta di sonde, Osmanov ha una nuova teoria totalmente plausibile: “Le sonde sono molto più piccole di quanto l’occhio possa vedere“.

Oppure sono dotati di scudi Stealth, invisibili all’occhio umano, e di un radar militare.” Non è un caso, infatti, che in Russia e in altre parti del mondo gli UFO vengano registrati solo grazie alle telecamere a infrarossi.

Lo scienziato afferma che la nanotecnologia è la scelta più ovvia per costruire una sonda che si muova, si costruisca rapidamente e si adatti a un’ampia gamma di potenziali siti di atterraggio.

Abbiamo analizzato l’efficienza delle sonde Von-Neumann su microscala rispetto a robot macro e abbiamo scoperto che il primo potrebbe [riprodursi] in modo efficiente nei media interstellari“.

Mentre gli automi su larga scala possono replicarsi solo su pianeti rocciosi, ciò richiede più manovre…

Anche se ci fossero miliardi di queste piccole macchine che si infiltrano nel sistema solare, non saremmo in grado di rilevarle con la nostra attuale strumentazione“.

Ciascuno sarebbe grande circa un nanometro, che è solo un miliardesimo di metro.

Ma mentre le micro-macchine sono quasi invisibili a causa delle loro dimensioni, Osmanov afferma che potrebbe esserci ancora un modo per rilevarle.

Se per ipotesi queste sonde sono alimentate dalla luce, potrebbero emettere piccole quantità di luce mentre viaggiano nello spazio.

Se osservi usando telescopi a infrarossi, questi flussi di luce apparirebbero come le “scie” lasciate dalle comete.

 

VEDI ANCHE▶ Cosa potremmo fare in caso di invasione aliena?

A cura di Ufoalieni.it

193Shares

Un pensiero su “Dove sono tutti gli alieni? Un astrofisico ha una risposta rivoluzionaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.