Gene fantasma nella tribù della Melanesia | Ufo e Alieni
Sab. Giu 15th, 2024

Recentemente, uno stupefacente ritrovamento scientifico ha suscitato grande interesse. Un team di ricerca ha studiato una tribù della Melanesia, scoprendo che i suoi membri portano geni unici, non riscontrati in nessun’altra popolazione umana. Incredibilmente, questi geni sembrano provenire da una specie sconosciuta di ominidi.

Questa scoperta ha stimolato affascinanti ipotesi sulla nostra storia evolutiva, con alcune teorie che suggeriscono una possibile connessione con gli Anunnaki, gli umanoidi descritti nelle antiche leggende sumere. Questa scoperta ha portato a nuove riflessioni sulla complessità della storia umana, aprendo la porta a nuove e intriganti domande sulla nostra origine.

Geni non umani delle specie umanoidi conosciute

geni non umani di anunnaki Melanesia

Il 20 ottobre 2016, l’American Society of Human Genetics ha organizzato il suo convegno annuale, una riunione di esperti che ha portato a scoperte davvero sorprendenti. Tra i vari argomenti discussi e le conclusioni raggiunte, spicca una ricerca specifica che ha riguardato la popolazione della Melanesia, una regione situata nel Pacifico meridionale, comprendente la Papua Nuova Guinea e le isole circostanti.

A seguito di un’analisi dettagliata dei dati raccolti, gli scienziati hanno scoperto che il DNA di queste persone potrebbe contenere sequenze genetiche che non si riscontrano nelle specie umanoidi conosciute.

Ryan Bohlender, uno dei ricercatori impegnati in questa indagine, ha riferito che il DNA misterioso non sembra appartenere né ai Neanderthal né ai Denisovani, entrambe specie umanoidi estinte ben note alla scienza. Questo fatto ha suscitato molte domande e ipotesi. “Siamo forse di fronte a una specie umanoide finora sconosciuta, o stiamo forse fraintendendo qualcosa riguardo le relazioni tra le specie?”, si è chiesto Bohlender.

Per quanto riguarda i Denisovani, si tratta di una specie estinta appartenente al genere Homo, i cui resti sono stati scoperti per la prima volta nella grotta di Denisova, situata nelle montagne siberiane dei Monti Altai. Nonostante la scoperta di questi resti, la nostra conoscenza sui Denisovani rimane piuttosto limitata. Allo stesso modo, anche la popolazione della Melanesia non è ancora stata studiata a fondo.

La storia dell’evoluzione umana è molto più intricata e complessa di quanto avessimo previsto“, ha affermato Bohlender. E sembra che, con ogni nuova scoperta, si aggiunga un altro tassello al complesso mosaico che compone il nostro passato. Queste rivelazioni ci portano a riflettere sulla nostra identità come specie: potremmo non essere esattamente ciò che pensiamo di essere.

Per illustrare meglio questo concetto, vale la pena citare uno stralcio dell’articolo scientifico pubblicato dai ricercatori: “Sulla base delle ipotesi sulla dimensione della popolazione e delle date più recenti della separazione delle popolazioni, secondo quanto riportato in letteratura, stimiamo che la separazione tra gli esseri umani arcaici e moderni sia avvenuta circa 440.000 ± 300.000 anni fa, per tutte le popolazioni umane moderne”.

Ipotesi degli Anunnaki

Questo dato, che potrebbe sembrare astratto e insignificante, può essere messo in relazione con l’ipotesi degli Anunnaki, proposta da alcune teorie alternative. Secondo queste teorie, il dodicesimo pianeta del nostro sistema solare, chiamato Nibiru, sarebbe stato abitato da umanoidi molto simili a noi.

Questi esseri avrebbero avuto un grave problema con l’atmosfera del loro pianeta, e avrebbero intrapreso una ricerca attraverso il sistema solare alla ricerca di oro, un metallo speciale che avrebbe potuto curare il loto pianeta

Melanesiani

Quando l’orbita di Nibiru si avvicinò a quella terrestre, circa 432.000 anni prima della nostra era, gli abitanti di Nibiru avrebbero utilizzato veicoli spaziali per trasferire individui e beni di prima necessità dal loro pianeta alla Terra. Una volta giunti sulla superficie terrestre, questi esseri altamente evoluti avrebbero stabilito delle basi nell’area che oggi conosciamo come l’antica Mesopotamia.

Molti sostengono che questa storia sia la vera origine della creazione dell’umanità, avvenuta nei laboratori dei genetisti Anunnaki. Queste teorie sono rafforzate da studi recenti che sembrano confermare queste ipotesi su base quasi quotidiana, offrendo una prospettiva che potrebbe rispondere a una delle nostre domande più antiche e fondamentali: chi siamo veramente?

Melanesiani 2

Per ottenere una risposta definitiva a questo enigma millenario, avremmo bisogno di esplorare profondamente in luoghi che nessuno ha mai indagato prima. Tuttavia, questo è più facile a dirsi che a farsi. Un altro metodo per cercare di risolvere questo mistero potrebbe essere l’analisi dei registri microscopici che sono nascosti dentro ognuno di noi.

Secondo le teorie sugli Anunnaki, sapevano che il loro DNA era la chiave per ingegnerizzare lo schiavo ideale. Nella nostra incessante ricerca delle nostre vere origini, noi come esseri umani dovremmo seguire lo stesso percorso.

In uno studio recente, un altro team di scienziati è giunto a conclusioni simili. Guidati dal genetista evoluzionista Eske Willerslev del Museo di Storia Naturale in Danimarca, i ricercatori hanno esaminato campioni di DNA prelevati da 83 aborigeni australiani.

Hanno anche testato 25 partecipanti provenienti da popolazioni indigene degli altipiani della Papua Nuova Guinea. Con loro sorpresa, i ricercatori hanno scoperto tracce di DNA esotico, simili a quello dei Denisovan, nei genomi dei volontari dello studio.

Va notato che i ricercatori hanno definito questo DNA solo come simile a quello dei Denisovan, ma in realtà l’identità del gruppo che ha trasmesso i loro geni agli antenati dei partecipanti è completamente ignota.”Chi è questo gruppo non lo sappiamo” ha affermato Willerslev.

Tali scoperte non dovrebbero sorprendere, in quanto spesso emergono quando si studiano i genomi di popolazioni isolate. Nel corso del tempo, questi gruppi isolati hanno avuto contatti limitati con il mondo esterno, vivendo e procreando all’interno di comunità chiuse, un fatto che si riflette nel loro patrimonio genetico.

Più diversificati e variati sono i loro antenati, minore è la probabilità che certi geni rimangano inalterati. Nel caso degli aborigeni australiani e melanesiani, l’isolamento ha fatto sì che meno geni siano stati alterati nel corso della loro esistenza.

Non è difficile immaginare questa versione alternativa della nostra storia. Gli Anunnaki arrivano sulla Terra, si pongono come dei e creano l’umanità. Il capo scienziato Enki e il capo medico Ninti utilizzano tecniche di manipolazione genetica e fecondazione in vitro per creare esseri umani a loro immagine.

Utilizzano l’umanità per servire i loro scopi e, quando lo ritengono opportuno, scatenano la distruzione in forma di un diluvio di proporzioni bibliche. Alcuni esseri umani selezionati sono protetti da una fazione degli Anunnaki che ha deciso di andare contro il protocollo stabilito.

Questi sopravvivono e si diffondono in ogni angolo del globo. Passano migliaia di generazioni e i genomi di coloro che “socializzano” più intensamente si mescolano fino a diventare irriconoscibili. Ma in alcuni luoghi, la fiamma dei creatori brucia ancora.

Pietro Buffa, un genetista italiano, nel suo libro “I Geni Manipolati di Adamo” esplora le nuove scoperte sulle origini umane attraverso l’ipotesi dell’intervento genetico.

Questa narrazione, fortemente radicata nella fisica, suggerisce che la presenza dell’essere umano sulla Terra potrebbe non essere il risultato di un atto divino di creazione né di un processo naturale di evoluzione, ma potrebbe essere legata a una “terza via” che collega le nostre origini a quello che oggi definiremmo un “interventismo biogenetico”.

Se vuoi approfondire, leggi anche:
Gruppo Rh Negativo: il sangue alieno degli Dei
Gli umani sono i veri alieni portati sulla terra migliaia di anni fa
Gli esseri umani non sono della Terra ma trasportati da un altro pianeta.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Riferimenti:

  1. Ancient Human History More Complex Than Previously Thought, Researchers Say: Questo articolo discute di come le relazioni tra gli antenati degli umani moderni e altre popolazioni arcaiche come i Neanderthal e i Denisovani fossero probabilmente più complesse di quanto precedentemente pensato.
  2. Il Dna fantasma dei melanesiani: Questo articolo parla di come nel DNA dei moderni abitanti di Papua Nuova Guinea e altre isole del Sud Pacifico sembrano nascondersi tracce di una specie di ominide estinta, di cui non si trova riscontro nei fossili.

 

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Gene fantasma nella tribù della Melanesia”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina