Il marchio della storia: gli incredibili sigilli cilindrici sumeri

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri sono considerati senza dubbio alcuni degli oggetti più interessanti mai recuperati dall’antica Mesopotamia. Un sigillo cilindrico è un piccolo oggetto decorato con immagini, parole o, in alcuni casi, entrambi incisi sulla sua superficie in modo intricato.

I timbri cilindrici sono importanti per gli studiosi poiché spesso raccontano una storia su una specifica cronologia e civiltà. Gli antichi sigilli sumerici hanno lasciato un vero segno nella storia.

I cilindri sono stati applicati arrotolandoli su argilla fresca, che ha lasciato l’impronta.

Quando l’argilla si asciugò, l’immagine fu riflessa sulla sua superficie. Questi timbri venivano usati nell’antica Sumer per una varietà di scopi, comprese le transazioni commerciali, la decorazione e la corrispondenza. Il sigillo cilindrico era considerato una parte estremamente importante della vita quotidiana nell’antica Mesopotamia.

Gli incredibili sigilli cilindrici sumeri

sigilli cilindrici
Confronto delle dimensioni delle sigle, con le loro strisce di impronte (impressioni moderne / correnti)

I cilindrici erano conosciuti come kishib in sumero e kunukku in accadico e venivano usati da tutti, dai reali agli schiavi.

I sigilli furono fatti da un “taglialegna” conosciuto come un burgul in sumero e come un purkullu in lingua accadica. Le immagini lasciate dai timbri sulle superfici argillose erano piuttosto complesse e belle.

I cilindri erano usati dalle culture del Vicino Oriente antico, compresi i Sumeri, gli Accadici, gli Ittiti e i Persiani.

Secondo gli esperti, questi oggetti intricati hanno avuto origine nel tardo periodo neolitico, intorno al 7600-6000 aC, nell’odierna Siria. Ci sono alcuni studiosi che sostengono che i timbri sono originari di Sumer, l’Iraq moderno.

Gli stampi sumerici erano solitamente creati con pietre (a volte semipreziose) di diverso tipo. Gli antichi usavano l’ametista, l’ossidiana, l’ematite tra gli altri elementi. Tuttavia, gli esperti notano che altri materiali come vetro, ceramica, oro, argento, legno, osso e avorio sono stati utilizzati anche in tempi antichi per produrre questi oggetti.

Oltre ad essere considerati simboli di status e amuleti, gli antichi sigilli cilindrici sumerici avevano anche altri usi pratici.

Sigillo cilindrico mesopotamico
Sigillo cilindrico mesopotamico e impronta-culto di Shamash, (Louvre)

Erano soliti firmare documenti scritti su tavolette di argilla. Usando un timbro per fare un’impressione sulla superficie di una tavoletta di argilla fresca, un individuo potrebbe certificare che il documento era autentico.

Questo bisogno di autenticare i documenti è avvenuto con l’aumento della burocrazia che ha avuto luogo in Mesopotamia, soprattutto nelle parti meridionali, dove era più complesso, durante il IV millennio aC. Negli affari e nel commercio sono stati utilizzati sigilli cilindrici per certificare che i beni immagazzinati non risultassero manomessi o rubati. In questo modo, troviamo impressioni fatte da sigle su argilla usata per sigillare barattoli di stoccaggio e porte di magazzini nell’antica Sumer.

Il design dei cilindrici sumerici ha sempre destato grande interesse tra gli esperti, soprattutto a causa delle intricate incisioni che coprono soggetti molto diversi.

Come notato dagli esperti, i motivi erano solitamente concentrati su tre motivi principali: combattimento, banchetti e temi religiosi.

Sulla loro superficie, possiamo vedere divinità, esseri umani, piante, animali e iconografia religiosa. Tra gli altri disegni che possono essere osservati sui sigilli cilindrici vi sono motivi geometrici e iscrizioni in caratteri cuneiformi.

Come notato da Ancient.eu, ci sono due stili di stampi cilindrici: lo stile Uruk e lo stile Jemdet Nasr che si riferiscono ai motivi usati e al modo in cui sono stati scolpiti i sigilli. Gli autori Megan Lewis e Marian Feldman commentano questo, scrivendo:


I sigilli in stile Uruk mostrano animali e figure raffigurati in modo eccezionalmente naturalistico, suggerendo che gli intagliatori di timbri puntavano alla chiarezza espressiva. I motivi includono narrazioni rituali che coinvolgono templi, barche e offerte agli dei, così come raffigurazioni del mondo naturale in disposizioni gerarchiche. 

Sono abilmente tagliati, dettagliati, e la loro composizione tende ad essere equilibrata ed esteticamente gradevole. I sigilli Jemdet Nasr sono meno dettagliati di quelli in stile Uruk e sono caratterizzati dall’uso massiccio di trapani e dischi da taglio, che producono rispettivamente segni rotondi e lineari. 

I motivi comuni dello stile Jemdet Nasr includono le donne con le trecce coinvolte nel lavoro domestico e le mandrie di animali di fronte ai templi.


Se diamo un’occhiata alla documentazione archeologica scopriremo che gli archeologi hanno scoperto tante sigle cilindriche come le tavolette d’argilla su cui sono state stampate

Ci sono numerosi timbri cilindrici nei musei di tutto il mondo.

Il Museo di Baghdad, ad esempio, ha una collezione di 7.000 sigilli cilindrici, anche se la maggior parte di essi sono stati saccheggiati quando Baghdad è caduto nelle mani delle truppe statunitensi nel 2003.

Questi preziosi pezzi archeologici non sono stati ancora recuperati.

A cura di Ufoalieni.it

Riferimento:

Cylinder Seals in Ancient Mesopotamia – Their History and Significance

Ancient Cylinder Seals

Seal Collector

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *