Il Megalite di Al-Naslaa, diviso a metà con precisione simile al laser

Situato nell’Oasi Tamya in Arabia Saudita è un affascinante megalite chiamato Al-Naslaa. E’ perfettamente diviso a metà e ha simboli curiosi ritratti sulla sua superficie. Se ciò non bastasse, le due rocce divise con precisione simile al laser sono riuscite a rimanere in piedi per secoli, e sono in qualche modo perfettamente bilanciate.

Le pietre sono state divise in due con una precisione simile a LASER.

Il Megalite di Al-Naslaa


Immagina di camminare nel deserto, esplorare l’ignoto e ti imbatti in una massiccia pietra eretta, separata da una PERFETTA LINEA. Quale sarebbe la prima cosa che ti salta in mente?

La pietra di Al-Naslaa è davvero un Grande mistero. Situate in Arabia Saudita, le due pietre divise hanno creato confusione tra gli esperti sin dalla loro scoperta.

Considerato uno dei petroglifi più fotogenici sulla superficie del pianeta, la massiccia roccia viene divisa a metà con estrema precisione. Tuttavia, secondo gli esperti, il taglio di precisione simile al laser NON è stato creato artificialmente.

Secondo molti, è uno dei più grandi misteri trovati dall’uomo, e questa incredibile struttura in pietra antica attrae ogni anno migliaia di turisti che vengono ad Al-Naslaa per osservare la sua perfezione ed equilibrio, che ha dato origine a innumerevoli teorie che cercano di spiegare la sua origine

La roccia è in perfetto equilibrio, supportato da due basi e la cosa più strana è che è perfettamente divisa in due. Tutto indica che a un certo punto deve essere stato lavorato con strumenti estremamente precisi, alcuni si sono addirittura avventurati e hanno detto strumenti simili al laser.

Guarda quella precisione!

taglio preciso della roccia

Ogni parte della pietra spaccata ha una roccia più piccola o un ammortizzatore nella parte inferiore, impedendo che tocchi il terreno.

Le scoperte archeologiche mostrano che nei tempi antichi la regione in cui si trova la roccia era abitata. In realtà, è uno dei petroglifi più fotogenici della zona.

Il megalite fu scoperto da Charles Huver nel 1883 e, fin dalla sua scoperta, è stato oggetto di dibattito tra gli esperti che hanno diviso le opinioni sulla sua origine.

Nel 2010, SCTH – Commissione saudita per il turismo e il patrimonio nazionale ha annunciato la scoperta di una roccia vicino a Tayma con un’iscrizione geroglifica del faraone Ramses III. Sulla base di questa scoperta, i ricercatori hanno ipotizzato che Tayma fosse parte di un’importante rotta terrestre tra la costa del Mar Rosso della penisola arabica e la valle del Nilo. Recenti scoperte archeologiche mostrano che Tayma è stata abitata sin dall’età del bronzo.

Come notato da saudi-archaeology.com la spaccatura tra due rocce in piedi e la sua superficie piatta è un evento del tutto naturale.

Sostieni il nostro sito Ufoalieni.it con donazioni libere cosi da poter affrontare le spese del sito web e proporre sempre nuove notizie. Te ne saremo grati.

UnusualPlaces offre una spiegazione naturale per l’enigmatico taglio laser …

“… Molto probabilmente il terreno si è spostato leggermente al di sotto di uno dei due supporti e la spaccatura della roccia. Potrebbe provenire da una diga vulcanica di un minerale più debole che si solidificò lì prima che tutto fosse riesumato. 

Oppure potrebbe essere una vecchia fessura sotto pressione (si vede una crepa parallela alla sua destra) che è stata spinta/tirata a parte. Oppure potrebbe essere una vecchia (minore) linea di faglia, poiché il movimento di faglia crea spesso una zona di roccia indebolita che erode relativamente più facilmente della roccia circostante … ”

roccia di Al-Naslaa A

Ma ovviamente questa è solo un’altra teoria. Il taglio estremamente preciso, dividendo le due pietre ha sollevato più domande che risposte.

Se dobbiamo capire la sua origine, forse dovremmo viaggiare indietro nel tempo.

Secondo i rapporti, la più antica menzione della città delle oasi appare come “Tiamat” nelle iscrizioni assire risalenti fin dall’VIII secolo aC. L’oasi si sviluppò in una città prospera, ricca di pozzi d’acqua e edifici belli.

Inoltre, gli archeologi hanno scoperto iscrizioni cuneiformi che risalgono probabilmente al VI secolo aC nella città delle oasi. È menzionato più volte nell’Antico Testamento. L’eponimo biblico è apparentemente Tema, uno dei figli di Ismaele.

È interessante notare che, per parte del suo regno, il re babilonese Nabonedo si ritirò a Tayma per il culto e alla ricerca di profezie, affidando la regalità di Babilonia a suo figlio, Baldassarre.

Come potete vedere, oltre ad essere un’area in cui sono state fatte numerose scoperte archeologiche, anche l’area in cui si trova l’incredibile megalite di Al-Naslaa è ricca di storia.

Dando un’occhiata alla pietra di Al-Naslaa non posso fare a meno che chiedermi quale fosse il suo vero scopo. La divisione nella roccia è davvero il risultato delle forze della natura come suggeriscono alcuni esperti?

O è possibile che proprio come ci sono molti altri luoghi antichi sulla Terra – risalenti a migliaia di anni – con tagli di precisione, anche questa pietra è stata realizzata da una tecnologia sconosciuta?

Fonte: http://saudi-archaeology.com

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.