I misteriosi “dischi volanti” visti durante la seconda guerra mondiale

Molta gente non sa che durante la seconda guerra mondiale, le persone coinvolte hanno assistito a strani “dischi volanti” che hanno sorvolato il campo di battaglia.

Dischi Volanti

I Foo Fighters erano il modo più comune per descrivere gli strani oggetti visti nei cieli durante la seconda guerra mondiale. Tuttavia, pochi sanno che apparvero anche altri che divennero noti come Dischi Volanti.

Dischi volanti durante la guerra

Un bollettino interno del 115th Squadron della Royal Air Force britannica, dell’ultima parte della seconda guerra mondiale, ha resoconti di strane osservazioni da parte degli inglesi e degli americani.

Durante i raid aerei in Germania, questi sono apparsi in determinate occasioni. Il giornale spiega che l’11 dicembre gli Stati Uniti hanno effettuato un’escursione diurna a Emden. Il tempo era sereno e la visibilità perfetta.

Tuttavia, è stato rilevato un elemento non identificabile. Aveva le dimensioni di un fulmine e volava da 45 a 70 metri sotto la formazione.

Poi si è alzato in linea retta e livellata a velocità incredibili, lasciando una scia di vapore che è rimasta a lungo. L’oggetto si muoveva così velocemente che nessuno capiva cosa fosse.

Seri… suggerimenti… su cosa potrebbe essere stato questo mostro di Loch Ness di Emden sarebbero i benvenuti.

Un altro evento si è verificato quando uno degli aerei attaccanti è stato colpito da un filo che ha attraversato la fusoliera. Ciò ha causato l’apertura della porta della bomba. Il cavo potrebbe essere stato lanciato da un caccia vicino che ha lanciato un assalto al bombardiere, oppure potrebbe essere correlato a un paracadute sparato dal proiettile. Anche se nessuno ne ha visto uno.

Il cavo è attualmente al vaglio con la speranza di capire cosa abbia causato l’incidente.

Diverse segnalazioni di dischi volanti d’argento e rossi sono state fatte sulle formazioni in un altro attacco, a Brema. Questi erano già stati visti, ma nessuno riusciva a capire cosa facessero.

Documenti ufficiali

Un documento inviato dal colonnello Kingman Douglas, al comandante di ala dell’intelligence della RAF Smith e al comandante di ala del ministero dell’aeronautica britannico, recitava quanto segue:

“Allegato al rapporto di intelligence della missione Schweinfurt, 16 ottobre 1943. Un proiettile da 20 mm parzialmente inesploso con le seguenti cifre, 19K43, è stato trovato sul pannello della cabina A/C numero 412, secondo il Gruppo 306. L’acciaio del guscio, secondo il Group Ordinance Officer, è di scarsa qualità. Nei pressi di Schweinfurt, il Gruppo 348 segnala un gruppo di dischi nel percorso della formazione; no E/A [Nota dell’autore: Enemy Aircraft] al momento.

I dischi sono stati caratterizzati come di colore argento, uno spessore di un pollice e un diametro di tre pollici [di nuovo, corsivo mio]. Stavano fluttuando in uno schema abbastanza regolare. L’A/C 026 non è stato in grado di evitarli e la sua ala destra si è schiantata contro il gruppo, causando pochi danni ai motori o alla superficie del velivolo. Uno dei dischi [di nuovo…] ha colpito il gruppo di coda, ma non c’è stata esplosione.

Un certo numero di detriti neri in gruppi di 3 piedi per 4 piedi circa venti piedi di questi dischi [e uno in più]. Altri due condizionatori d’aria sono stati visti volare attraverso dischi d’argento senza danni apparenti. Ho visto dischi [l’ultimo] e detriti altre due volte, ma non sono riuscito a capire da dove provenissero“.

Questi sono solo 2 dei diversi documenti della seconda guerra mondiale che fanno riferimento ai dischi volanti. Diversi anni prima che il governo britannico coniasse il termine nel 1947.

I primi UFO registrati dagli Stati Uniti

dischi volanti 2

Questi dischi volanti erano notevoli per essere di pochi centimetri in alcuni file declassificati. Tuttavia, in altri documenti, i piloti affermarono che avevano un diametro di diversi metri, diventando alla fine più grandi dei loro aerei.

Sebbene vengano usati nomi diversi, va notato che si tratta di UFO. Solo che detto termine fu usato per la prima volta 2 mesi dopo l’incontro con Kenneth Arnold, il 24 giugno 1947.

Il documento è datato agosto 1947 e proviene dal Weekly Summary of Intelligence del Comando del trasporto aereo degli Stati Uniti.

Oggetti volanti non identificati sono stati avvistati da 3 soldati arruolati del 147th Air and Air Communications Services Squadron ad Harmon Field, Guam.”

Non è la prima volta che ci sono state segnalazioni di UFO durante la seconda guerra mondiale. Attualmente, i “dischi volanti” continuano ad apparire, ma ora sono conosciuti come UAP.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

72Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina