Il DNA più antico del mondo batte il record di un milione di anni | Ufo e Alieni
Ven. Giu 14th, 2024

Utilizzando una tecnologia all’avanguardia, si è scoperto che gli estratti di DNA dalle ossa di mammut siberiano erano un milione di anni più vecchi del record precedente.

Il DNA datato a due milioni di anni è stato scoperto per la prima volta, battendo il record di un milione di anni e segnando una pietra miliare nella storia dell’evoluzione.

Lo studio ha trovato 41 campioni utilizzabili nascosti in argilla e quarzo contenenti frammenti microscopici di DNA ambientale estratti da antichi animali e piante che vivevano nel nord della Groenlandia durante l’era glaciale. Utilizzando una tecnologia all’avanguardia, si è scoperto che gli estratti di DNA dalle ossa di mammut siberiano erano più vecchi di un milione di anni rispetto al record precedente.

Utilizzando il DNA antico, gli scienziati hanno mappato un ecosistema che ha subito cambiamenti climatici estremi due milioni di anni fa. Si spera che i ricercatori saranno in grado di prevedere in che modo il riscaldamento globale avrà un impatto sull’ambiente a lungo termine.

I campioni sono stati prelevati dalla Formazione di Kobenhavn, un deposito di sedimenti spesso quasi 100 metri nell’Oceano Artico nel punto più settentrionale della Groenlandia. Il clima allora era da artico a temperato, e la Groenlandia aveva un clima da 10°C a 17°C più caldo rispetto a quello attuale.

dna antico scoperto
Quello che ora è un deserto ghiacciato in Groenlandia era una volta una foresta lussureggiante piena di fauna selvatica. Immagine © Beth Zaiken/bethzaiken.com

Confronto di campioni di DNA

In una baia poco profonda, i sedimenti si sono accumulati metro per metro nel tempo. Tra gli animali, le piante e i microrganismi scoperti c’erano renne, lepri, lemming, betulle e pioppi.

Secondo i ricercatori, il Mastodonte, un mammifero dell’era glaciale raggiunse la Groenlandia prima di estinguersi. Prima si credeva che queste creature simili a elefanti vivessero solo nel Nord e Centro America, non fino alla Groenlandia.

Ogni campione di DNA è stato confrontato con una raccolta di DNA prelevato da animali vivi, piante e microrganismi. Durante questo processo è emersa un’immagine del DNA di alberi, arbusti, uccelli, animali e microrganismi. Gli antenati delle specie viventi sono stati facilmente identificati in alcuni dei campioni di DNA. Tuttavia, le relazioni a livello di genere sono possibili solo per alcune specie.

Guardando al futuro dell’eDNA

Dopo il successo del sequenziamento del DNA animale e vegetale a Kap København, una delle estremità settentrionali della Groenlandia, i ricercatori stanno scrivendo un documento sulla vita microbica del sito e sperano di cercare siti simili altrove.

Un sito promettente è in Canada, dove il permafrost può aiutare a preservare anche il DNA più antico. Il team prevede di prelevare campioni da questo sito nel prossimo anno. Tuttavia, la tecnica può avere applicazioni anche al di fuori delle zone più fredde del mondo, a seconda dei minerali che vi si trovano.

La co-autrice, la professoressa Karina Sand, afferma: “I minerali possono adsorbire il DNA, dove forma uno strato superficiale, e minerali diversi si legano a intensità diverseAbbiamo scoperto che i minerali argillosi si legano in modo particolarmente forte al DNA, il che ci ha dato difficoltà a separarli.

Gli stessi legami che abbiamo trovato difficili da separare possono anche aiutare a preservare il DNA. Sebbene i meccanismi non siano ben compresi, potrebbe aiutare a impedire agli enzimi di accedere al DNA per degradarlo.”

I depositi di argilla nei siti più caldi potrebbero contenere depositi di eDNA simili, il che potrebbe aiutare a svelare alcune delle più grandi domande dell’evoluzione.

Anche se nessuno sa se questa tecnica può essere utilizzata in ambienti più caldi, il DNA agisce chiaramente in modo diverso nei sedimenti rispetto a quando è in soluzione“, dice Eske. “Ora che abbiamo estratto con successo il DNA antico dall’argilla e dal quarzo, è possibile che l’argilla abbia conservato il DNA antico in ambienti caldi e umidi in siti trovati in Africa.”

Se potessimo iniziare a esplorare il DNA antico nei granelli di argilla provenienti dall’Africa, potremmo essere in grado di raccogliere informazioni rivoluzionarie sull’origine di molte specie diverse, e forse anche nuove conoscenze sui primi Homo sapiens e sui loro parenti.Leggi di più sulla scoperta al National History Museum.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina