Gli umani potrebbero essere la specie dominante nell'Universo, e ancora non lo sappiamo? | Ufo e Alieni
Dom. Apr 21st, 2024

Nell’universo di Dune, gli umani sono una delle uniche specie che vediamo. Potrebbe essere che ci siamo evoluti anche su altri pianeti?

L’universo di Dune sembra essere dominato da un’unica specie: gli umani. Confrontalo con, ad esempio, Star Wars… pensa a quella famigerata scena della cantina – e potresti chiederti se il capolavoro di Frank Herbert stia lottando per raggiungere la sua quota di diversità.

Ovviamente, la saga di Dune è ambientata circa 20 millenni nel futuro, e non è irragionevole supporre che per allora gli umani avranno viaggiato in ogni angolo dello spazio. Tuttavia, devi chiederti dove siano tutte le altre razze indigene. Con l’eccezione dei vermi della sabbia su Arrakis e uno o due altri esempi fugaci, ne vediamo pochissimi.

Potrebbe essere che la nostra specie sia la principale razza indigena dell’Universo – che l’Homo sapiens, o qualcosa di simile ad esso, si sia evoluto indipendentemente su molti altri mondi?

Il defunto biologo evoluzionista Stephen J. Gould trovò questa idea assurda. Ha sostenuto che se si ripercorre l’evoluzione qui sulla Terra – non importa su qualche pianeta pazzo a 300 anni luce di distanza – allora la probabilità di ottenere umani una seconda volta è incredibilmente piccola.

Il suo ragionamento era che l’evoluzione è guidata da serie casuali di mutazioni genetiche, modulate da effetti ambientali casuali, come le estinzioni di massa, e che sarebbe estremamente raro che lo stesso identico insieme di effetti si verificasse due volte.

Ma è una visione che non è universalmente condivisa. Una scuola di pensiero, chiamata “evoluzione convergente”, afferma che gli effetti casuali alla fine si mediano in modo che l’evoluzione converga, tendendo a produrre organismi simili in un dato ambiente.

Ad esempio, il volo si è evoluto in modo indipendente sulla Terra almeno quattro volte: negli uccelli, nei pipistrelli, negli insetti e negli pterosauri. Gli occhi possono essersi evoluti fino a 40 volte.

Un sostenitore di questo punto di vista è il prof. Simon Conway Morris, dell’Università di Cambridge. “La convergenza è uno dei migliori argomenti per l’adattamento darwiniano, ma la sua assoluta ubiquità non è stata apprezzata“, afferma.

Si può dire con ragionevole sicurezza che la probabilità che qualcosa di analogo all’evoluzione umana sia davvero piuttosto alta. E dato il numero di potenziali pianeti che ora abbiamo buone ragioni per pensare esistano, anche se i dadi vengono fuori nel modo giusto solo ogni 1 su 100 lanci, ciò porta ancora a un numero molto elevato di intelligenze sparse in giro, che probabilmente saranno simili a noi.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Fonte

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina