Il Pentagono riapre il “Progetto Blue Book”

Negli anni ’50 e ’60, l’Aeronautica degli Stati Uniti investigò segretamente su oltre 12.000 segnalazioni di UFO con il suo “Project Blue Book” – “Progetto del libro blu“.

I risultati, nella stragrande maggioranza di questi avvistamenti, sono stati effettuati senza incidenti: le persone hanno erroneamente identificato oggetti comuni come aeroplani, luci, uccelli e aquiloni; falsi in cerca di fama; piccole città che soccombono all’isteria.

Progetto Blue Book

Progetto Blue Book
Immagine dalla serie ‘Project Blue Book’

Ma 701 avvistamenti rimangono ancora inspiegabili fino ad oggi.

Il progetto fu chiamato Blue Book e guidato dal capitano dell’aeronautica Edward J. Ruppelt con l’aiuto di J. Allen Hynek, l’astronomo sotto contratto dal governo, come consulente scientifico del progetto.

Inizialmente scettico sui dischi volanti, Hynek arrivò a credere nel corso del progetto top-secret che alcuni avvistamenti UFO richiedessero indagini scientifiche.

Quando il programma fu chiuso nel 1969, Hynek fu una delle poche persone coinvolte che ammise che alcuni casi di UFO potevano semplicemente sfidare la spiegazione.

Oggi Hynek è conosciuto come il padre dell’ufologia, che ha coniato la frase “incontro ravvicinato“.

Da allora, alcuni casi del progetto sono stati declassificati e sono disponibili al pubblico presso la US National Archives and Records Administration.

Ma la controversia ha continuato a perseguitare il Progetto Blue Book, con i teorici della cospirazione che affermavano che era semplicemente un modo per screditare gli avvistamenti UFO reali.

Ma sembra che il Pentagono abbia deciso di riaprire il progetto, nel 2020.

Loading...

Il nuovo “Blue Book Project”

Funzionari del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno confermato che il Pentagono sta formando una squadra speciale che supervisionerà le indagini sugli incontri UFO da parte del personale militare.

La task force, che sarà ufficialmente svelata nei prossimi giorni, sarà guidata dal sottosegretario alla Difesa David Norquist. Secondo la CNN si concentrerà sugli avvistamenti UFO da parte di membri delle forze armate statunitensi.

Alcuni degli incidenti su cui indagherà includono avvistamenti UFO da parte di piloti della US Navy.

I video degli incontri sono stati registrati dai sistemi di imaging a bordo degli aerei militari, e sono stati pubblicati nel 2017 e nel 2018 dall’organizzazione To The Stars Academy of Arts & Science, fondata da Tom DeLonge, chitarrista dei Blink- 182 e Angels & Airwaves.

Come abbiamo pubblicato in precedenza, i video mostravano i piloti che seguivano misteriosi oggetti volanti non identificati. La Marina si riferiva agli oggetti come “fenomeni aerei non identificati“.

Così il Pentagono ha deciso di formare una squadra per indagare sugli UFO a causa della possibile minaccia che potrebbero rappresentare per la sicurezza nazionale.

A luglio, un ex funzionario del Pentagono che gestiva il programma dell’agenzia sullo studio degli UFO ha detto che la natura sconosciuta del misterioso oggetto li rende pericolosi.

C’è qualcosa nel nostro cielo e non sappiamo cosa sia, non sappiamo da dove venga” , ha detto a WordsSideKick.com Luis Elizondo, l’ex capo del progetto top secret del Pentagono noto come Advanced Aerospace Threat Identification Program.

Questo è un problema? Dal punto di vista della sicurezza nazionale, sì, è un problema. Dobbiamo capire cosa sono, al fine di determinare se sono una minaccia “.

Recentemente, un ex consulente del Pentagono che lavorava nell’unità speciale dell’agenzia che indaga sugli UFO ha rivelato un dettaglio importante sulla possibile natura degli oggetti misteriosi.

In un’intervista al New York Times, Eric W. Davis ha confermato che il Pentagono ha recuperato materiali da UFO precipitati.

Secondo Davis, le analisi hanno rivelato che gli oggetti provenivano da “veicoli al di fuori del nostro mondo“, rendendo impossibile la loro fabbricazione sulla Terra.

Stanno nascondendo informazioni?

Il Pentagono non ha detto se questa squadra fa parte del nuovo Progetto Blue Book, ma ciò che è chiaro è che la sua funzione sarà la stessa, per screditare qualsiasi avvistamento UFO assistito dai militari.

Il vero progetto Blue Book è stato cancellato decenni fa, ma ciò non ha impedito al fascino per gli UFO di continuare.

Ad esempio, nel settembre 2019, più di 1,5 milioni di persone hanno confermato la loro partecipazione a un festival tenutosi nella piccola città di Rachel, Nevada, denominato ” Storm Area 51 ” con l’intenzione di accedere all’Area 51 per “vedere gli alieni ”.

Le immagini degli incontri del 2004 dei piloti della Marina degli Stati Uniti con gli UFO hanno alimentato ulteriormente le speculazioni sulle esperienze del governo con questi avvistamenti enigmatici e su quanti sono ancora tenuti segreti.

Nel 2017, in effetti, sono emerse prove che suggerivano che il governo degli Stati Uniti stava investigando segretamente sugli UFO dal 2007.

Poi, il 13 gennaio di quest’anno, un portavoce dell’Office of Naval Intelligence (ONI) della Marina della degli Stati Uniti ha confermato l’esistenza di almeno un video e diversi documenti top-secret su un incontro con un UFO del 2004.

E tutto questo ci porta al fatto che, insieme a una rinascita dell’interesse generale per gli UFO, c’è un rinnovato riconoscimento del fatto che il governo degli Stati Uniti sa più di quanto conti.

Per questo motivo, hanno deciso di riaprire il “Progetto Blue Book“, per continuare i loro insabbiamenti di UFO e la presenza extraterrestre sul nostro pianeta.

GUARDA ANCHE► Nuovo video UFO pubblicato dal Pentagono dal programma segreto da 22 milioni $

A cura di Ufoalieni.it 

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!