Le immagini del rover confermano che il cratere Jezero è un antico lago marziano

Il cratere Jezero su Marte è stato scelto come sito di atterraggio per il rover Perseverance perché le immagini satellitari hanno suggerito che un tempo fosse un antico lago. 

Gli scienziati della NASA hanno ora trovato prove più dirette del passato acquoso del luogo, poiché le foto scattate dal rover rivelano segni di inondazioni improvvise.

Sebbene il Marte moderno sia estremamente secco, non è sempre stato così: stanno crescendo le prove che il Pianeta Rosso era molto più blu miliardi di anni fa, sede di oceani, fiumi, laghi e forse della vita. Trovare prove di ciò è un obiettivo chiave per la missione Perseverance, ed è per questo che è stato selezionato il cratere Jezero.

Le immagini orbitali hanno suggerito che il cratere largo 49 km (30 miglia) fosse un tempo un lago, alimentato da fiumi da nord-ovest. In quanto tale, il bordo nordoccidentale del cratere sembra essere un delta di un fiume, un deposito di sedimenti a forma di ventaglio che si è accumulato a strati nel corso di molti anni. E nel nuovo studio, una visione dall’alto delle strutture ha sostanzialmente confermato questi sospetti.

Dopo che Perseverance è atterrato, ha iniziato a scattare foto dei suoi dintorni, tra cui una serie di ripide scarpate a circa 2,2 km (1,2 miglia) a nord-ovest e una piccola collina soprannominata Kodiak a sud-ovest. Utilizzando i suoi strumenti Mastcam-Z e Remote Micro-Imager (RMI), il rover è stato in grado di visualizzare gli strati di roccia e sedimenti nelle formazioni.

Cratere Jezero

cratere Jezero
Un’immagine satellitare del cratere Jezero, che evidenzia le posizioni del rover Perseverance e diverse caratteristiche geologiche di interesse. NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona/USGS

E infatti, quelle rocce raccontano una storia acquosa. Gli strati di sedimenti nella parte orientale di Kodiak, così come le sezioni inferiori delle scarpate nord-occidentali, corrispondono a ciò che ci si aspetterebbe da un delta di un fiume qui sulla Terra.

Mai prima d’ora era stata visibile una stratigrafia così ben conservata su Marte“, afferma Nicolas Mangold, autore principale dello studio. “Questa è l’osservazione chiave che ci consente di confermare una volta per tutte la presenza di un delta del lago e del fiume a Jezero“.

Ulteriori indizi sono stati individuati nelle sezioni superiori delle scarpate. Pietre e massi molto più grandi erano sparsi lassù, alcuni larghi fino a 1,5 m (5 piedi), il che suggeriva che le acque alluvionali li avessero trasportati dall’esterno del cratere. Il team ha stimato che queste acque avrebbero dovuto viaggiare a velocità comprese tra 6 e 30 km/h (3,7 e 18,6 mph).

Complessivamente, le prove suggeriscono che il lago che ha riempito il cratere di Jezero è stato abbastanza dinamico nel corso della sua vita, con livelli dell’acqua in aumento e in diminuzione tra i periodi di inondazione e calma.

cratere Jezero 2
Un’immagine scattata dal rover Perseverance, di una scarpata sul bordo del cratere Jezero. Gli scienziati affermano che le rocce più grandi in alto sono la prova di inondazioni passate. NASA / JPL-Caltech / LANL / CNES / CNRS / ASU / MSSS

Il team afferma che il nuovo studio informerà le prossime missioni, incluso il luogo in cui Perseverance si recherà per prelevare campioni. In definitiva, l’obiettivo è riportare i campioni sulla Terra, dove strumenti più potenti possono cercare segni di vita antica.

Il materiale a grana più fine sul fondo del delta probabilmente contiene la nostra migliore scommessa per trovare prove di sostanze organiche e firme biologiche“, afferma Sanjeev Gupta, coautore dello studio.

E i massi in cima ci permetteranno di campionare vecchi pezzi di rocce crostali. Entrambi sono gli obiettivi principali per il campionamento e la memorizzazione delle rocce prima del ritorno del Mars Sample Return”.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science .

VEDI ANCHE▶ Scoprono 2 galassie che potrebbero ospitare vita extraterrestre molto avanzata

A cura di Ufoalieni.it


Resources

NASA

MIT

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina