Marte, una strana nuvola bianca sulla superficie del pianeta rosso

L’Agenzia spaziale europea (ESA) sta tenendo d’occhio la curiosa ‘nuvola‘ .

C’è una misteriosa nuvola di pennacchi lunga 900 miglia che si vede su un numero di immagini prese dall’orbita di Marte.

La massiccia nuvola bianca lunga 1500 chilometri si è formata vicino al vulcano Arsia Mons di 20 chilometri di altezza su Marte.

Tuttavia, il pennacchio, affermano gli scienziati, non è stato creato dal vulcano che è rimasto dormiente per millenni.

Invece, gli esperti propongono che la nuvola bianca sia stata creata dalla nuvola di ghiaccio ‘guidata dall’influenza del pendio sottovento del vulcano sul flusso d’aria’ – un fenomeno che gli astronomi chiamano una nube orografica o sottovento – e non qualcosa di straordinario nella regione come alcuni hanno sostenuto.

nuvola bianca su marte
Nuvola allungata su Marte. Immagine di credito: ESA / GCP / UPV / EHU Bilbao, CC BY-SA 3.0 IGO

Parlando dello strano pennacchio, l’Agenzia spaziale europea ha scritto:

L’aspetto della nuvola varia durante il giorno marziano, crescendo in lunghezza durante la mattinata locale sottovento del vulcano, quasi parallelo all’equatore, e raggiungendo dimensioni così impressionanti che potrebbero renderlo visibile anche ai telescopi sulla Terra“.

La presenza della nuvola dispari può essere visto in questa immagine scattata il 10 ottobre 2018, dal Visual Monitoring camera (VMC) su Mars Express, riporta l’Agenzia spaziale europea.

Fin dal 13 settembre, l’Agenzia spaziale europea ha osservato la strana formazione. Tempeste di polvere e come influenzano il pianeta.

Sostieni il nostro sito Ufoalieni.it con donazioni libere cosi da poter affrontare le spese del sito web e proporre sempre nuove notizie. Te ne saremo grati.

Gli esperti dicono che le recenti immagini di Marte, scattate dopo una grande tempesta di sabbia che praticamente hanno inghiottito l’intero pianeta in giugno e luglio, aiuteranno gli astronomi a capire come le tempeste di sabbia hanno un impatto sullo sviluppo delle nuvole durante l’anno marziano.

La tempesta di polvere che si è verificata tra giugno e luglio del 2018 ha attraversato oltre 18 milioni di chilometri quadrati, un’area più grande del Nord America.

La mostruosa tempesta di polvere che ha investito Marte è responsabile dei problemi che il rover Opportunity della NASA sta attualmente vivendo. Fin dalla tempesta di polvere, il rover non è riuscito a connettersi con la “Terra”, causando preoccupazione tra gli specialisti della missione che Opportunity avrebbe potuto scaricare le sue batterie e che la polvere che copre i suoi pannelli solari gli impediva di ricaricarsi.

Il tempo su Marte

Come notato dall’ESA, il pianeta rosso ha appena sperimentato il suo solstizio d’inverno nell’emisfero nord il 16 ottobre.

Nei mesi successivi al solstizio, si prevede che la maggior parte delle attività nuvolose svanirà su grandi vulcani marziani come Arsia Mons. La vetta del vulcano dormiente è coperta di nuvole per tutto il resto degli anni marziani.

Ma gli esperti osservano che, di tanto in tanto, è noto che la nube di acqua ghiacciata, ricorrente come quella mostrata nella curiosa immagine, si forma lungo il fianco sud-ovest di questo vulcano producendo esattamente ciò che può essere interpretato erroneamente come pennacchi provenienti da un’eruzione vulcanica.

La fotocamera stereo ad alta risoluzione a bordo di Mars Express dell’ESA ha scattato la vista di una curiosa formazione di nubi che appare regolarmente nelle vicinanze del vulcano Arsia Mons.

Come spiegato dall’Agenzia spaziale europea, il massiccio “pennacchio” potrebbe persino essere osservato con i telescopi dalla Terra.

“L’aspetto della nube varia durante il giorno marziano, crescendo in lunghezza durante la mattinata locale sottovento del vulcano, quasi parallelo all’equatore, e raggiungendo dimensioni così impressionanti che potrebbero renderlo visibile anche ai telescopi sulla Terra”, ha scritto l’Agenzia spaziale europea sul loro sito web.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.