Il meccanismo di Antikythera: Un antico computer che non dovrebbe esistere | Ufo e Alieni
Gio. Feb 22nd, 2024

Sappiamo tutti che gli antichi greci eccellevano come un popolo più intelligenti della storia. I loro risultati impressionanti in molte scienze hanno contribuito a sviluppare la società e l’umanità come la conosciamo oggi. 

Il meccanismo di Antikythera

Meccanismo di Antikythera

Il meccanismo di Antikythera è secondo i ricercatori un altro prodotto della Grecia. Non c’è nessun altro strumento simile, niente trovato fino ad oggi è paragonabile al meccanismo di Antikythera e, meglio ancora, non ci sono testi registrati che suggerirebbero che qualcosa di simile sia mai esistito.

È davvero possibile che gli antichi sapessero costruire un dispositivo così complesso come il meccanismo di Antikythera? La storia ci dice che è improbabile eppure qui abbiamo un incredibile “antico computer“.

Dopo anni di studio, si è creduto che l’antico manufatto noto come meccanismo di Antikythera fosse un calendario astronomico. Ma i ricercatori di tutto il mondo sono giunti alla conclusione che questo dispositivo è un calcolatore astronomico di estrema precisione, molto più complicato di quanto gli studiosi abbiano pensato in precedenza.

Il dispositivo è stato scoperto per caso in realtà, quando una tempesta ha deviato un gruppo di sommozzatori nel 1900. Raggiunsero l’isola di Antikythera tra il Peloponneso e Creta e durante le immersioni scoprirono i resti di una nave romana affondata intorno al 65 a.C. All’interno del relitto fu scoperto questo misterioso dispositivo.

Il meccanismo di Antikythera è fondamentalmente realizzato in legno e bronzo. Le sue dimensioni sono di 31,5 centimetri di lunghezza, 19 centimetri di larghezza e hanno uno spessore di 10 centimetri. I ricercatori ritengono che il sistema di ingranaggi fosse protetto da una scatola di legno, oggi quasi totalmente distrutta.

Il dispositivo aveva due sportelli, uno anteriore e uno posteriore con iscrizioni astronomiche che coprivano gran parte dell’esterno del misterioso meccanismo.

Hewlett-Packard e il loro team di ricerca hanno scattato immagini digitali del dispositivo nel 2005, i pezzi che compongono l’intero dispositivo sono stati successivamente analizzati da uno scanner a raggi X ad alta risoluzione appartenente alla società britannica X-Tek Systems. Queste due società costituiscono l’AMRP o l‘Antikythera Mechanism Research Project insieme alle università di Cardiff, Atene, tra le altre.

Secondo i ricercatori, tutte le analisi hanno contribuito a determinare lo scopo esatto del dispositivo; Il quadrante anteriore serviva per ottenere la posizione del Sole e della Luna nello zodiaco e un corrispondente calendario di 365 giorni che poteva essere regolato per gli anni bisestili, mentre i quadranti posteriori indicavano due cicli astronomici che tra l’altro servivano per prevedere lunari e eclissi solari.

Gli scienziati sono riusciti a identificare un totale di trenta ingranaggi fatti a mano e si ritiene che il meccanismo avesse almeno altri sette ingranaggi. Detto questo, il meccanismo di Antikythera è qualcosa che sembra essere fuori dal tempo, non appartiene a quel periodo della storia secondo molti ricercatori che sono ancora sotto shock per come l‘uomo antico sia stato in grado di costruire e progettare un dispositivo così elaborato.

La costruzione del meccanismo di Antikythera è così complicata che niente di simile è stato costruito fino ai “primi” orologi meccanici nel Medioevo, quindi questo si aggiunge al mistero di come gli antichi greci avessero le conoscenze per costruire un dispositivo così straordinario.

meccanismo antikythera

È comprensibile che i calendari fossero estremamente importanti nelle società antiche, non solo per i loro significati religiosi ma anche per la loro importanza agricola. Le eclissi solari e lunari come i moti dei pianeti erano spesso considerate interpretazioni profetiche.

Quindi chi l’ha costruito?

I ricercatori non sono sicuri di chi fosse la persona responsabile della progettazione e della costruzione del meccanismo di Antikythera, alcuni ipotizzano che Ipparco di Nicea (190-120 a.C.) possa essere stato l’inventore del dispositivo.

Ipparco di Nicea era considerato uno dei grandi geni dell’antichità. Era un geografo, matematico e astronomo le cui scoperte hanno rivoluzionato l’astronomia. Ipparco di Nicea fece un catalogo di 850 stelle, classificandole secondo la loro luminosità proprio come fanno oggi gli astronomi.

Misurò l’anno con un errore di 6,5 minuti, scoprì la precessione degli equinozi; calcolò la distanza dalla Terra alla Luna con grande precisione e, cosa più importante, sviluppò una teoria che spiegava le irregolarità del moto della luna nel cielo dovute alla sua orbita ellittica. Fu anche il successore di Eratostene alla Biblioteca di Alessandria.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina