La US Space Force conferma che un oggetto interstellare è caduto nel Pacifico

Un documento segreto del governo recentemente rilasciato afferma che un oggetto interstellare non solo è entrato nel Sistema Solare nel 2014, ma si è schiantato sulla Terra e i suoi resti sono caduti nel Pacifico.

Perché il governo si è incaricato di tenere nascosto che un oggetto interstellare si è schiantato sulla Terra? Nessun media ufficiale ha dato una risposta a questa domanda.

L’evento è stato rivelato dal Vice portale allo studente di astrofisica e direttore degli Interstellar Object Studies presso il Progetto Galileo di Harvard, Amir Siraj.

L’incidente dell’oggetto interstellare

Siraj, insieme ad Avi Loeb, ha scritto un articolo spiegando che un oggetto interstellare è caduto nel Pacifico. Ma quella notizia è stata tenuta segreta.

Apparentemente il team ha esaminato a lungo il Center for Near-Earth Object Studies della NASA, o CNEOS, database di rocce spaziali e impatti di meteoriti.

Durante la ricerca di anomalie, hanno trovato un’enorme palla di fuoco esplosa vicino all’isola di Manus, nel nord della Papua Nuova Guinea, l’8 gennaio 2014.

La velocità era di oltre 200.000 chilometri orari e il duo l’ha identificata come una “piccola roccia spaziale” di 0,45 metri di diametro. La sua origine potrebbe essere l’interno profondo del Sistema Solare o una stella nello spesso disco della Via Lattea.

Siraj ritiene che alcuni dei sensori utilizzati dal CNEOS siano gestiti dal Dipartimento della Difesa statunitense per rilevare esplosioni nucleari.

Senza dati chiave sul margine di errore della velocità della palla di fuoco, entrambi gli scienziati non sono riusciti a superare la revisione tra pari e non hanno pubblicato il documento.

Ma le cose sono cambiate quando la sua richiesta per i dati è arrivata a Joel Mozer, capo scienziato dello Space Operations Command nella componente di servizio della Space Force.

La ripresa delle indagini

Più sorprendentemente, Siraj e Loeb hanno scoperto di avere il permesso tramite un tweet della Space Force. Nel messaggio è mostrato un memorandum datato 1 marzo e firmato dal tenente generale John E. Shaw, vice comandante della Space Force.

Dopo averne sentito parlare, Siraj e Loeb hanno ripreso la ricerca per pubblicare il documento in modo che altri ricercatori esperti possano cercare ulteriormente qualche altro oggetto interstellare.

Siraj chiederà inoltre agli astronomi di costruire una rete pubblica di sensori meteorici indipendente dal Dipartimento della Difesa. Questo elimina i ritardi come la tua ricerca.

Ha anche in programma di organizzare una spedizione nel luogo in cui è caduto l’oggetto interstellare:

Sarebbe molto ambizioso, ma lo analizzeremo a fondo. Perché la possibilità di ottenere il primo pezzo di materiale interstellare è abbastanza eccitante per verificarlo molto a fondo. E parla con tutti gli esperti mondiali di spedizioni oceaniche per recuperare meteoriti“.

Molte persone sperano che questa volta la Space Force non ostacoli le indagini, poiché ci sono ancora domande sul perché queste informazioni siano state nascoste. È possibile che ci sia qualcos’altro che non vogliono farci sapere o è stato semplicemente un ” errore”?

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

2.2K+Shares