Operazione Yahweh: Il dio extraterrestre che ha manipolato l’umanità

In questo ampio rapporto, lo studente di testi sumeri David Parcerisa difende con abbondanti prove che il dio sumero Enlil e Yahweh dell’Antico Testamento erano la stessa divinità. Il suo obiettivo sarebbe quello di generare guerre, divisioni e scontri tra i popoli al fine di sottomettere l’umanità e poter dirigere il corso della storia dall’ombra. L’autore arriva addirittura ad approfondire i veri obiettivi che gli dei avrebbero cercato di creare il caos sulla Terra …

Nel 1876 l’assiriologo inglese George Smith pubblicò The Chaldean Account of Genesis dopo aver studiato le iscrizioni cuneiformi assiro-babilonesi. Smith ha fatto una scoperta sorprendente: più passaggi della Bibbia, in particolare la Genesi, sono una copia quasi letterale dell’epica della creazione babilonese, l’Enûma Elish

Ciò significa che esiste un testo scritto in un dialetto babilonese almeno mille anni più vecchio dei testi biblici. In altre parole, abbiamo una storia precedente alla Bibbia che non ha nulla a che fare con miti o leggende, ma con una successione di eventi reali – almeno così la consideravano i testi cuneiformi – avvenuti durante la prima grande civiltà, quella sumera, che diede origine al resto delle culture del mondo.

Yahweh: Il dio extraterrestre

Il nesso che stabiliamo tra le culture sumera ed ebraica ci consente di avvicinarci a una visione rivoluzionaria e rivelatrice di cosa o chi si nasconde dietro i grandi miti biblici. Nel pantheon sumero venivano adorate un totale di 23 divinità, note come Anunnaki, una razza di creature sovrumane a cui veniva attribuita la creazione stessa dell’essere umano. Uno dei suoi capi più alti era Enlil, noto come il dio del vento e delle tempeste, considerato il comandante supremo di una missione di terra.

Enlil era famoso per la sua crudeltà verso gli esseri umani, e la sua sete di conquista lo portò ad affrontare altre divinità, come il suo fratellastro Enki, Signore della Terra, un dio benevolo che rese l’uomo il depositario della conoscenza spirituale.

Nei testi sumeri leggiamo che Enki era il “Padre dell’Umanità”, forse una specie di genetista che ibridò i suoi geni Anunnaki con gli ominidi di Neanderthalensis , il risultato dei quali sarebbe emerso l’Homo sapiens.

anunnaki
Gli dei sumeri conosciuti come Anunnaki erano creature sovrumane con la capacità di volare (su queste linee, rappresentate con le ali).

Secondo la mia interpretazione dei testi sumeri, gli Anunnaki si sono rivolti alle cosiddette Dee procreatrici per incubare un operaio primitivo. Avrebbero preso l’uovo da una femmina di Neanderthal, lo avrebbero fecondato con il suo sperma e lo avrebbero reimpiantato nella stessa femmina di ominide.

Ma il risultato è stato un fallimento: i bambini che sono nati non hanno dato lampi di ragione. Quei prototipi scimmieschi non erano di alcuna utilità per loro, dal momento che non erano nemmeno addestrati a maneggiare gli strumenti.

Quindi avrebbero escogitato un altro sistema: reimpiantare l’ovulo fecondato nell’utero di una femmina Anunnaki. La volontaria per l’esperimento era Ninhursag, la sorellastra di Enki ed Enlil, una Dea Madre che molti identificano con una specie di genetista esperto.

Ninhursag generò il primo prototipo semi-umano, che battezzarono come Adamu, “colui che è come l’argilla della terra“. Una volta creata la loro consorte, che chiamavano Tiamat, ora potevano procreare. Nel corso di 3000 anni il loro lignaggio alla fine si degradò, e i discendenti degli Adamu rubarono il cibo degli dei e saccheggiarono le città, ritornando a uno stato primitivo e selvaggio.

Loading...

Sebbene fossero portatori del gene Anunnaki che aveva dato loro intelligenza, nel tempo questa caratteristica finì per essere diluita. Di fronte a un tale fallimento, Enki pensò di creare una razza migliore, che avrebbe servito gli Anunnaki con dignità.

Schiavi degli dei

Mentre Enki si presentava all’umanità come tutore e insegnante, Enlil, d’altra parte, odiava questi umani inizialmente chiamati Lulu (schiavi primitivi relegati a lavori ingrati), temendo che un giorno, con la conoscenza acquisita da alcuni dei, sarebbero arrivati per superarli in numero e ribellarsi contro di loro.

ninhursag con lo spirito del bosco
Ninhursag con lo spirito del bosco accanto all’albero della vita cosmico a sette punte.

La Dea Madre Ninhursag, in complicità con Enki e suo figlio Ningishzidda, iniziò quindi a creare il nuovo essere umano: “Finché la Dea della Nascita è presente, possa la Dea della Nascita forgiare la prole. Finché la Madre degli Dei è presente, possa la Dea della Nascita forgiare una Lulu; lascia che l’operaio porti il ​​fardello degli dei. Che crei una Lulu Amelu, che porti il ​​giogo”.

I testi sumeri rivelano in cosa consisteva il processo di manipolazione genetica. I geni di un Dio venivano usati per conferirli al grembo delle Dee Madri o Dee procreatrici. Gli scritti si riferiscono all’utero come “argilla”, una chiara metafora di un contenitore di vita: “Preparerò un bagno purificatore, che un dio sia sanguinato (…) Dalla sua carne e dal suo sangue, possa Ninti mescolare l’argilla“.

Più tardi, Ninhursag è raggiunto da un’altra Dea Madre, Ninki, la moglie di Enki. Il procedimento permette loro di scegliere il sesso della Lulù, eseguendo ogni volta quattordici inseminazioni, con sette maschi e altrettante femmine: «Ninti pizzicò quattordici pezzi di argilla; depositato sette a destra, depositato sette a sinistra. Ninki, la mia dea-moglie sarà quella che dovrà affrontare la consegna. Sette dee della nascita saranno nelle vicinanze per partecipare. Il destino del neonato tu pronuncerai; Ninki fisserà su di lui l’immagine degli dei; e quello che sarà è l’Uomo ».

enki
Rappresentazione di Enki.

Passano nove mesi e non si verificano nascite. All’inizio del decimo mese gli Anunnaki ricorrono al taglio cesareo: «Ninti (…) conta i mesi (…) Si chiamava il decimo mese previsto; la signora la cui mano apre è arrivata. Con il (…) ha aperto l’utero. Il suo viso risplendeva di gioia. La sua testa era coperta (…) Ha fatto un’apertura; quello che c’era nell’utero è uscito».

Quando il primo “prototipo” emerge, Ninhursag lo prende tra le braccia e grida: “L’ho creato! Le mie mani l’hanno fatto!

Tuttavia, la prospettiva tradizionale della biologia evolutiva presume che la teoria dell’evoluzione delle specie di Charles Darwin sia completamente vera, nonostante il fatto che ci mancano informazioni su diversi anelli mancanti nel processo evolutivo degli umani.

Alla luce di quanto affermato finora, è molto probabile che non compariranno mai.

Ingegneri genetici

Il salto evolutivo “miracoloso” che ha portato a ciò che siamo ora sembra più un laborioso lavoro di ingegneria genetica. È anche sorprendente che culture avanzate come quella sumera siano fiorite dall’oggi al domani, senza lasciare tracce di fasi successive di evoluzione che indicano un progresso culturale, architettonico o matematico progressivo.

Al contrario, in un periodo relativamente breve, l’essere umano primitivo emerse dal nulla, sollevando imperi e civiltà molto avanzate in varie aree della conoscenza. L’origine di tale progresso è stata scritta dai nostri antenati migliaia di anni fa: insistevano nel puntare verso le stelle, verso gli dei, verso esseri molto avanzati che un giorno si stabilirono nel nostro mondo.

Quando ci rivolgiamo al libro della Genesi, leggiamo come Yahweh ha ordinato la creazione dell’essere umano: «Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza, e abbiamo il dominio sui pesci del mare, gli uccelli del cielo, il bestiame e tutti la terra, e soprattutto gli animali che si muovono sulla terra ”( Genesi 1:26 ). Ma Yahweh perde un dettaglio … Parla al plurale.

anunnaki-creatori
Siamo il prodotto dell’ingegneria genetica extraterrestre?

Sebbene la parola cananea Elohim, che gli ebrei usavano per designare Dio al singolare, appaia costantemente nella Bibbia, è anche tradotta come “potente”. E sebbene in termini generici Elohim sia singolare, altrove è implicito che non esiste un solo dio, ma diversi. O almeno, Yahweh sembra avere altre entità che sono al suo servizio. Infatti, nei testi sumeri è riferito che Adamo era il risultato di ciò che molti di noi interpretano come una fecondazione in vitro.

Abbiamo precedentemente sottolineato che i progettisti genetici sarebbero stati gli dei Enki, la sua sorellastra Ninhursag e Ningishzidda. I tre avrebbero preso l’uovo di una femmina di Neanderthal, fertilizzandolo con il suo sperma e reimpiantandolo nel grembo di Ninhursag, la Dea Madre dell’umanità.

Diversi nomi per la stessa divinità

Nell’Antico Testamento, in particolare nei Genesi 2,18-22, leggiamo che dopo aver creato Adamo, Yahweh ordinò ai suoi subordinati, gli angeli che lavoravano per lui, di fare una femmina come sua compagna: “Il Signore ci ha detto: ‘Non è bene che l’uomo sia da solo: facciamo di lui un ausiliario come lui. E il Signore nostro Dio gli diede un torpore, così che si addormentò. Ha preso una delle sue ossa per formare la donna. E così ha fatto: la costola di quella donna. E ha fissato il suo posto con la carne dopo aver formato la donna”.

Enlil ha adottato nomi diversi a seconda delle culture che governava. A Canaan, in Siria e in Palestina era adorato come El (Il Dio), il primo che si proclamò Dio assoluto in senso monoteistico. Con questa stessa premessa, Enlil fu presentato come El Elyon o El Shaddai (attributi riguardanti il ​​suo potere sovrano) ai patriarchi ebrei Abraham, Isaac e Jacob.

mose sul monte sinai
Mosè sul monte Sinai. Olio di Jean-Léon Gérôme, c. 1895.

Il piano di Enlil – presentandosi questa volta come Yahweh – consistente nel prendere Israele come “il popolo eletto”, aveva fin dall’inizio l’obiettivo di manipolare le loro convinzioni, stabilire una religione basata su leggi incrollabili e favorire il confronto con gli egiziani, i babilonesi o i persiani, che si traducevano sempre in un costante spargimento di sangue.

Yahweh era un Dio crudele che esigeva sacrifici di massa: prima di animali e poi, con la scusa della punizione, di esseri umani: «Yahweh mandò un’epidemia in Israele, da quella mattina fino al tempo fissato, e 70.000 uomini del popolo morirono, da Dan a Beersheba. (2- Samuele 24: 11-15). In Esodo 32: 26-28, Yahweh ordina a Mosè: “Ciascuno metta la sua spada al fianco; andate e attraversate il campo da una porta all’altra, e ciascuno uccide anche il fratello, l’amico e il vicino. In un solo giorno 23.000 persone furono messe a fil di spada …

Quando Yahweh aiutò gli ebrei a fuggire dall’Egitto, gli Amalechiti si misero sulla loro strada. Dopo alcuni secoli, Yahweh non solo non aveva dimenticato quell’incidente, ma aveva fatto sterminare i suoi abitanti in questo modo: “Ho deciso di punire ciò che Amalek ha fatto a Israele, interrompendo il loro cammino quando sono tornati dall’Egitto. Va’dunque, Saul, e colpisci Amalek e distruggi tutto ciò che ha. E non abbiate pietà di lui, uccidete uomini, donne, bambini e anche quelli che allattano, mucche, pecore, cammelli e asini! ‘ E Saul sconfisse gli Amaleciti e prese in vita Agag, il re di Amalek, ma uccise tutto il popolo a fil di spada“.

La sua malvagità era particolarmente estendibile verso le donne. In Deuteronomio 22: 13-21 leggiamo: “Se un uomo scopre la prima notte di nozze che sua moglie non è vergine, deve lapidarla a morte“. Consiglio molto “didattico” che si concretizzava in leggi che condannavano a morte quasi per aver commesso qualche sciocchezza.

Yahweh ha anche mostrato una grande “sensibilità” quando si tratta di crescere i figli: “Se qualcuno ha un figlio ribelle che non ubbidisce o non ascolta quando lo corregge, lo porteranno fuori dalla città e tutto il popolo lo lapiderà finché non muore“. ( Deuteronomio 21: 18-21).

Crudele e vendicativo

Yahweh era noto anche perché non ammetteva il tradimento: “Coloro che adorano altri dèi, o il Sole, la Luna o tutto il loro esercito del cielo, saranno lapidati” (Deuteronomio 17: 2-5). E non solo promosse la schiavitù, ma la stabilì come un diritto legittimo: “Se uno schiavo è felice con te, prendi un punteruolo e gli trafiggi l’orecchio e ti servirà per sempre. E tu farai lo stesso con il tuo schiavo ”( Deuteronomio 15: 16-18).

Nel prossimo passaggio di Numbers15: 32-40 verifichiamo ciò che Yahweh comprese per giustizia: “Mentre i figli d’Israele erano nel deserto, trovarono un uomo che raccoglieva legna di sabato. E quelli che lo trovarono a raccogliere legna lo condussero a Mosè, ad Aaronne ea tutta la raunanza; E lo misero in prigione, perché non era stato dichiarato ciò che gli sarebbe stato fatto. E Geova disse a Mosè: ‘Muoia irrimediabilmente quell’uomo; lapidatelo da tutta la congregazione fuori dal campo. Così la comunità lo fece uscire dall’accampamento, lo lapidò ed egli morì, come il Signore aveva ordinato a Mosè.

ebrei yahweh
La nazione di Mosè attraversò il Mar Rosso (sopra queste righe, la pittura) grazie alle straordinarie capacità di Yahweh, che fece separare le acque.

Yahweh condannato a morte quasi per starnuti; Ecco alcuni esempi: “Se la figlia di un sacerdote si prostituisce, verrà bruciata viva” ( Levitico 21: 9); “Chi picchia suo padre o sua madre morirà” ( Esodo 21:15); “Se qualcuno si trova con la moglie di suo padre, moriranno entrambi” ( Levitico 20:11); “Se un uomo giace con sua nuora, moriranno entrambi” ( Levitico 20:12).

La sua sete di morte sembrava persino essere placata dai bambini. In 2 Re 2: 23-24 leggiamo che il profeta Eliseo si imbatté in alcuni bambini dai quali fu deriso. La punizione del Signore non tardò ad arrivare: “Quindi salì di là a Bethel; e risalendo la strada, alcuni ragazzi uscirono dalla città e lo prendevano in giro dicendo: ‘Calvo, sali! Calvo, sali! E guardandosi indietro, li vide e li maledisse nel nome di Geova. E due orsi uscirono dalla montagna e ne strapparono quarantadue ragazzi “.

Ipnosi planetaria

Nel suo libro The Conspiracy of the Angel Gabriel , l’esperto biblico David Cangá fa la seguente riflessione: «Questa entità (Yahweh) è attualmente venerata dai 14 milioni di ebrei, dai 2,4 miliardi di cristiani e anche dai 1.8 miliardi di musulmani, poiché il dio dell’Islam, il dio menzionato nel Corano, sebbene si chiama Allah, è per i musulmani lo stesso dio delle scritture ebraiche e dei Vangeli.

Questo ci dà come risultato che degli attuali 7,594 miliardi di abitanti del pianeta Terra, (quasi il 60%) adorano un dio barbaro che si vantava di essere geloso e vendicativo, che chiedeva quelle strane offerte rituali costituite da animali smembrati messi alle fiamme, chi ordinava rapine e bruciava vive donne, chi spietatamente assassinava neonati per colpe commesse dai genitori (…) È qualcosa che mi lascia perplesso da diversi lo confesso »…

Questo fenomeno è intrigante per me, perché sembra che quasi il 60% della popolazione mondiale che lo adora, sia sottoposta a una sorta di ipnosi o blocco mentale, che impedisce loro di abbandonare il culto chiaramente irrazionale di questo essere“, scrive Cangá.

Massacro celeste

In molti passaggi biblici il veicolo aereo in cui viaggia Yahweh è descritto: “Di giorno è una nuvola e di notte appare come una colonna di fuoco“. A volte, Yahweh aveva “angeli” per aiutarlo nelle sue azioni: “Io sono Raphael, uno dei sette angeli che sono al servizio di Dio e che possono entrare prima della sua gloriosa presenza“.(Tobia 12:15).

Questi “angeli” sono i subordinati di chi dovrebbe essere al comando e eseguono i suoi ordini, per quanto crudeli possano essere. Ad esempio, quando l’assedio degli assiri contro gli ebrei mette a repentaglio i loro piani: “Accadde che quella stessa notte l’angelo di Yahweh uscì e colpì 185.000 nell’accampamento degli assiri. Si alzavano la mattina, ed ecco, erano tutti cadaveri“.

Mosè-nuvola sul tabernacolo 2
Yahweh era una nuvola volante che illuminava di notte il sentiero dell’Egitto in fuga

Un massacro di 185.000 uomini in una notte? Che tipo di armi usavano per tale barbarie? I testi descrivono “eserciti di squadroni nel cielo” e armi che sparavano fulmini e producevano cecità, quindi si può dedurre che si riferiscano alle moderne armi al plasma, che provocano un lampo accecante.

La stessa crudeltà con cui Yahweh manifestò il dio sumero Enlil verso gli uomini, quando decise di sterminarli con un diluvio universale: “Distruggerò l’abitante della terra che ho creato e lo caccerò dalla faccia della terra“. Perché Enlil e Yahweh erano la stessa entità sanguinosa e vendicativa, che si esprimeva in due culture diverse.

Il motivo per cui sia David Cangá che lo scrittore concordano sul fatto che Yahweh fosse Enlil è dovuto a una premessa molto semplice: il comportamento e la personalità crudele e sanguinosa del biblico Yahweh segue lo stesso modello del sumero Enlil.

VEDI ANCHE▶ L’epopea di Gilgameš: il vero resoconto del diluvio universale

Entrambi si esprimono con lo stesso egocentrismo, gli stessi schemi di odio, vendetta e sospetto nei confronti dell’essere umano, le stesse strategie per generare guerre e uccisioni tra loro, gli stessi inganni, le stesse false promesse, le stesse esigenze di adorazione, le stesse rituali di sacrifici animali, stessa motivazione a fondare religioni e dogmi per il controllo della popolazione e stessa manipolazione per dividere i popoli.

Nel mio libro Anunnaki Conspiracy (Seventh Seal, 2014) approfondisco molto di più la questione, ma in questo rapporto il mio spazio è limitato.

Cospirazione cosmica

Ma la cosa più importante è che il dio sumero Enlil era il sovrano più alto della Terra, che contava tra le sue fila i migliori eserciti e la logistica più avanzata a sua disposizione, per raccontare il teatro e l’inganno che lo porta a vestirsi del travestimento della divinità davanti agli esseri umani.

Esattamente la stessa firma della sovranità e del mandato supremo mostrato da Yahweh. Gli dei, subordinati a Enlil, stabilirono culture e popoli per farli fronteggiare come pezzi di una scacchiera. Tutto questo senza altro scopo che ottenere il dolore, inteso come una vibrazione energetica capace di essere assorbita.

È proprio attraverso la creazione di un lignaggio reale che gli dei stabilirono una monarchia che imponeva i loro decreti, scegliendo alcuni umani con i quali si mescolavano sessualmente, diffondendo la loro linea di sangue.

L’esempio più illustrativo fu Davide, il re d’Israele, senza dubbio il personaggio biblico più prezioso di Yahweh, che secondo molti esperti non era il figlio di Iesse, ma dello stesso Enlil/Yahweh. Nella Bibbia sono citate le strane meraviglie e le qualità sovrumane di Davide, che non appartenevano a un essere umano comune: “Sono diventato un estraneo per i miei fratelli e un estraneo per i figli di mia madre” ( Salmi 69: 8).

E aveva ragioni per dirlo. David era molto diverso dai suoi fratelli. Aveva capelli biondi, occhi azzurri e pelle rosa, come gli “angeli” di Yahweh, per i quali era disprezzato dai suoi genitori.

Davide lapidò a morte Golia, uno dei più ammirati campioni dei Filistei, e poi gli tagliò la testa. Anche dopo averli umiliati con tanta forza, anni dopo Davide fuggì dalle grinfie di Saul per rifugiarsi presso i Filistei, e visse con loro senza che nessuno osasse toccarlo.

Che tipo di uomo era Davide, il cui potere frenò la tentazione di vendetta nei suoi nemici? Successivamente, Davide è stato a lungo dalla parte dei Filistei, partecipando ai loro massacri contro gli ebrei, quindi contro quelli del suo stesso sangue. Nell’Antico Testamento è rivelato che quando i Filistei attaccarono gli ebrei, chiesero a Davide di non partecipare alle uccisioni, tuttavia insisteva che il suo desiderio era quello di attaccare il suo stesso popolo con tutta la sua furia, mostrando la sua sete di sangue.

Ancora più grave: uccise donne e bambini a mani nude, e quando i Filistei gli chiesero perché lo avesse fatto, rispose che se li avesse lasciati vivi avrebbero potuto testimoniare la sua “alleanza temporanea” con loro. David era interessato a mantenere segreti i suoi misfatti contro il suo stesso popolo.

Dividere e conquistare

L’esperto David Cangá mantiene una posizione molto chiara sul rapporto tra Yahweh e il re Davide: “Sospetto che il modo di essere di Davide lo abbia fatto sentire un forte legame con lui (Yahweh), ed è per questo che lo amava così tanto. Ma forse il motivo principale della vicinanza tra Yahweh e Davide può essere dedotto dalle parole che Achis (il monarca filisteo) rivolse (…) a Davide: ‘So che sei piacevole ai miei occhi, come un angelo di Dio‘ (1-Samuele 29: 9). Questa è la ragione della vicinanza tra Yahweh e David, poiché sospetto che David non fosse interamente umano, ma piuttosto un essere che, come Enoc, Noè e Abraham, fu concepito attraverso l’intervento diretto della divinità“.

Tale era la stima di Yahweh per il re ebreo che anche dopo aver diviso l’impero in due regni – Giuda e Israele – la divinità preservò la sua prole. Mentre in Israele i monarchi non seguirono una successione al trono di una linea di sangue, quelli di Giuda seguirono rigorosamente la scia genetica di Davide e Salomone, con Roboamo che fu il primo re a governare Giuda.

Quale particolarità genetica aveva Davide che era così interessato a preservare Yahweh, ordinando la perpetuazione del suo lignaggio? Ciò che Yahweh stava perseguendo era diffondere una genetica Anunnaki esclusivamente tra i monarchi, che si distinguevano per la loro freddezza e la loro assoluta osservanza delle linee guida di un piano di controllo globale sul resto della popolazione.

Tra i tanti obiettivi di questa cospirazione cosmica, due spiccano:

  1. Crea un velo di confusione e divisione di razze e nazioni che favorisce il conflitto, che si tradurrebbe in dolore come cibo o substrato vitale per questi esseri a bassa densità.
  2. Impedire l’accesso alla conoscenza spirituale e morale dell’essere umano, in modo che non rilevi chi sono i carcerieri che imprigionano la sua coscienza e quindi non può acquisire abbastanza potere concettuale per liberarsi e crescere come individuo indipendente e per sfuggire a un sistema di controllo che lo riduce un semplice burattino crudelmente condizionato all’esistenza di un automa.
Brain Waves: Cibo degli dei

Molte persone fanno la seguente dichiarazione: “Se gli alieni avessero voluto invaderci e distruggerci con la loro tecnologia avanzata, l’avrebbero già fatto“. Ma la realtà è molto diversa, molto più complessa e inquietante. Prima di tutto, bisogna chiarire che l’umanità non sarà invasa, perché è così da sempre. Siamo di fronte a entità che sono veri maestri dell’inganno, capaci di iniettare veleno nella nostra coscienza. Un veleno che corrode le nostre menti ma che percepiamo sotto la maschera di una falsa libertà.

energia-dio
“Dal mio punto di vista, queste entità non sono interessate a farci finire, ma a nutrirsi con l’energia emotiva che rilasciamo”.

Potrebbero distruggerci se lo volessero? Certo, ma non è questa la loro intenzione. Allora perché ci manipolano? Perché tanto interesse a tenerci nell’ignoranza e divisi in confini e stati, identità nazionaliste e culture opposte in lingue, tradizioni e costumi? Perché le religioni parlano solo di dei e tuttavia la loro vasta proliferazione ha solo causato morte e desolazione? Sono questi stessi dei che muovono questo ingranaggio di fanatismo attraverso i dogmi che hanno plasmato tutti i credi religiosi e le leggi che le nazioni hanno innalzato?

La sua strategia si basa sul divide et impera. Dal mio punto di vista, queste entità non sono esattamente interessate a distruggerci, ma piuttosto che noi siamo la loro fonte di cibo. Per nutrirsi, devono liberare in noi determinati stati che secernono il substrato energetico di cui hanno bisogno.

Se analizziamo la storia dell’umanità, scritta nel sangue, arriviamo a una deduzione molto semplice su cosa sia quel substrato vitale che tanto cercano in noi. Nel Pentateuco (i primi cinque libri della Bibbia) è narrato come Yahweh offra istruzioni al popolo ebraico sui sacrifici animali che devono rendergli. Questi massacri furono chiamati olocausti. La sua esposizione è così dettagliata che più che un rito sembra un libro di cucina.

Tuttavia, per Yahweh la morte di un essere vivente non è sufficiente, ma deve essere smembrata, scuoiata, i grassi degli intestini liquefatti e bruciati. Tutto è organizzato seguendo un processo rigoroso in cui ogni dettaglio adempie a una funzione: la morte dell’animale, la devozione del carnefice, il fuoco, il fumo, gli aromi… Yahweh giustifica questa complessa procedura affermando che il suo odore morbido lo placa. È solo questo? Di un semplice aroma? Ovviamente no.

In 2- Cronache 7: 3-5 leggiamo: «Allora, tutti i figli d’Israele, vedendo il fuoco e la gloria di Yahweh scendere sulla casa, caddero sul pavimento, adorarono e lodarono Yahweh: poi il re e tutti i la gente offriva sacrifici davanti a Yahweh. Il re Salomone offrì in sacrificio 22.000 buoi e 120.000 pecore. In che modo possiamo qualificare un dio che ordina il massacro di 142.000 esseri viventi in un solo giorno?

La fattoria umana

Dal mio punto di vista, gli dei extraterrestri vogliono che emettiamo determinate frequenze cerebrali. Queste onde sono persino in grado di influenzare la materia. Quando proviamo amore, generiamo onde di frequenza che viaggiano molto rapidamente. La vibrazione è così alta che amplifica la nostra rete sensoriale. Quando proviamo paura, che è l’opposto dell’armonia, l’onda che emettiamo è lenta e lunga, quasi lineare, e blocca la nostra rete sensoriale.

Il giapponese Masaru Emoto, autore del libro The Messages of Water, ha dimostrato in diversi esperimenti che i nostri stati d’animo possono influenzare le molecole d’acqua. La procedura Emoto è semplice: posizionare diversi contenitori dell’elemento liquido divisi in gruppi.

Su alcuni, un certo numero di persone proietta sentimenti di odio e rabbia, mentre su altri destinatari emettono sentimenti di gratitudine e pace. Successivamente, Emoto congela l’acqua, scattando diverse fotografie delle molecole congelate. Il risultato è più che sorprendente: l’elemento liquido sottoposto a un “bombardamento” d’amore presenta formazioni cristalline e armoniche.

Le sue molecole sono bianche, lucide e creano forme geometriche di grande bellezza. Le molecole sottoposte all’odio sono invece giallastre, con formazioni sproporzionate e strutture caotiche e frammentate.

Masaru Emoto
Masaru Emoto (foto) ha mostrato che il nostro umore può influenzare le molecole d’acqua.

Se la nostra mente può influenzare l’acqua a un tale livello e accettiamo l’esistenza di questi esseri non umani che hanno manipolato l’umanità nel corso della storia, è così inverosimile sottolineare la possibilità che le nostre emissioni emotive servano da cibo per queste entità che passano inosservate al nostro raggio di percezione?

Il compianto scrittore Juan G. Atienza si espresse in questo stesso senso nel suo libro The Great Cosmic Manipulation: «Ho parlato di nutrizione e volevo esprimere proprio questo: nutrizione, cannibalismo, cibo, sussistenza, vitamine e proteine ​​e carboidrati … o la materia o energia che può servire da sostituto o da integratore nutrizionale alle entità che Senza saperlo razionalmente, sono lì e ci manipolano, perché questo è il loro diritto dimensionale e naturale: manipolarci, esattamente come noi – i padroni del mondo non dimenticarlo! – siamo o ci consideriamo avere il diritto di divorare e dirigere e manipolare esseri di coscienza dimensionale inferiore.

Pensiamo al pastore: acconsentirebbe alle sue pecore, alle sue capre, alle sue mucche o ai suoi maiali che inizino ad esprimere il loro desiderio di libertà e indipendenza, e rifiutato di obbedire ai suoi ordini o agli ordini secondari dei cani? Capireste forse che questi esseri hanno il diritto (diritto cosmico, se vogliamo) di scegliere il momento, la circostanza e il luogo della loro evoluzione verso stati di coscienza superiori?“.

Alla ricerca della libertà

Ma come uscire da questa rete di basse vibrazioni che queste entità hanno intessuto intorno a noi? Dov’è la chiave per liberarti? Senza dubbio l’unico modo è smettere di essere cibo. Per raggiungere quello stato, dovremmo cambiare la frequenza vibrazionale della paura e dell’ansia che ci rende generatori di basse vibrazioni, che costituisce un sostentamento energetico per questi esseri.

Sembra che le onde cerebrali che queste entità non umane intendono ottenere da noi siano onde Gamma, che oscillano oltre i 20 hertz e vengono generate a causa del panico e dell’ansia. Sotto lo stato di queste onde, i neurotrasmettitori sono così alterati che il sonno notturno è impossibile, il che ci rende individui stressati.

In breve, penso che gli dei dell’antichità non siano miti, ma entità extraterrestri (intese con il termine extraterrestre come provenienti dall’esterno della Terra, senza entrare nella loro origine fisica, dimensionale, ecc.) che hanno manipolato l’umanità dal l’inizio del tempo. Di David Parcerisa

VEDI ANCHE▶Storie dalla Bibbia: Dio Yahweh, perché non hai salvato il popolo d’Israele?

VEDI ANCHE▶Il Dio alieno della Bibbia

A cura di Ufoalieni.it


Resources

OPERACIÓN YAHVÉ: El dios extraterrestre que manipuló a la humanidad
https://mysteryplanet.com.ar/

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest