Progetto Blue Book documenti inediti rilasciati al pubblico

Uno degli ufficiali che lavoravano al Progetto Blue Book osò salvare fotografie, libri, testi, documenti, lettere e appunti. Iniziativa finanziata dal governo riguardo al progetto Blue Book; lo studio degli UFO fu completato nel 1969.

Ora, grazie al ricercatore Rob Mercer e John Greenewald fondatore di The Black Vault, i documenti precedentemente sconosciuti sono stati digitalizzati e pubblicati online affinché il mondo li veda.

I documenti, che sono stati tutti declassificati, sono stati rinvenuti dietro una catasta di legna da ardere ad un’asta di un garage che si è svolta a Fairborn, nell’Ohio.

Progetto Blue Book

Progetto Blue Book documento

La base aerea di Wright-Patterson, sede del Project Blue Book, si dice che sia il luogo in cui sono stati portati i resti della nave ET che si è schiantò a Roswell, si trova anche a Fairborn.

Quest’ultimo fatto spinse l’investigatore Rob Mercer, che sospettò immediatamente che esisteva la possibilità che i documenti fossero autentici e decidero di acquistarli.

L’inchiesta per determinare la veridicità del ritrovamento ha portato Mercer a un ufficiale responsabile di aver salvato gli archivi invece di distruggerli: Carmon Marano, un tenente dell’aviazione statunitense che ha lavorato al Progetto Blue Book. Uno dei tentativi del governo degli Stati Uniti di spiegare i fenomeni UFO e, molte volte, sfatando il tutto prima che arrivasse a conoscenza il pubblico.

I documenti, già verificati come autentici, sono stati pubblicati online nel suo sito web da John Greenewald, fondatore di The Black Vault.

Il Progetto Blue Book è stata una serie di studi sugli UFO da parte della United States Air Force (USAF). L’obiettivo del progetto era determinare se gli UFO rappresentavano una potenziale minaccia per la sicurezza nazionale.

Migliaia di rapporti sugli UFO sono stati raccolti, analizzati e archiviati. Questo è stato l’ultimo progetto USAF relativo agli UFO che sono stati resi pubblici finora.

Secondo le indagini, verso la fine del 1951, diversi influenti generali di alto rango dell’USAF erano così insoddisfatti dello stato delle indagini sugli UFO dell’Aeronautica che smantellarono il cosiddetto Progetto Grudge e lo sostituirono con il Progetto Blue Book all’inizio del 1952 .

Durante il periodo in cui è durato il Blue Book, completato nel 1969, sono stati raccolti 12.618 rapporti sugli UFO. Gli esperti all’epoca avevano concluso che la maggior parte degli “avvistamenti” erano interpretazioni errate di fenomeni naturali (nuvole, stelle, ecc.) o di aerei convenzionali.

Alcuni avvistamenti erano considerati dei falsi. 701 casi – circa il 6% – sono stati classificati come inspiegabili.

I rapporti sono stati archiviati e sono disponibili ai sensi della legge sulla libertà di informazione, ma i nomi dei testimoni e di altre informazioni personali sono stati rimossi.

La decisione di chiudere il Progetto Blue Book era basata su diversi fattori, come la valutazione di un rapporto scritto dall’Università del Colorado dal titolo “Lo studio scientifico degli UFO”, la revisione di questo rapporto dell’Accademia Nazionale delle Scienze, i casi UFO precedentemente studiati e l’esperienza dell’Aeronautica, che ha indagato i rapporti sugli UFO tra il 1940 e il 1969.

Come conseguenza di queste indagini, studi ed esperienze, le conclusioni del Blue Book del progetto furono:

1) Nessun UFO che l’Air Force abbia mai indagato costituisce una minaccia per la sicurezza nazionale.

2) L’Air Force non ha trovato alcuna prova che le osservazioni classificate come “non identificate” rappresentino oggetti o principi tecnologici che vanno oltre le conoscenze scientifiche del tempo.

3) Non ci sono prove per indicare che le osservazioni classificate come “non identificate” fossero veicoli extraterrestri.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *