Alla ricerca del programma spaziale segreto - Se esiste davvero | Ufo e Alieni
Lun. Giu 17th, 2024

Ci sono persone che controllano il nostro accesso a ciò che si sa sullo spazio e sulle possibilità di vita aliena? Uno studio dei dati disponibili suggerisce fortemente che la risposta potrebbe essere un forte “Sì!” 

Il programma spaziale segreto del Nasa

Andando ancora oltre, ci sono buone e solide indicazioni che qualche elemento segreto del governo sta conducendo clandestinamente un programma spaziale segreto. Quando, il 20 luglio 1969, l’astronauta della NASA Neil Armstrong mosse i primi passi sulla superficie della Luna, iniziò una nuova era nel programma spaziale degli Stati Uniti.

Ulteriori missioni con equipaggio continuarono fino al 1972. Furono formulati piani per stabilire una base permanente con equipaggio sulla superficie della Luna. Poi, nel 1973, la NASA ha lanciato la sua prima stazione spaziale, Skylab. Otto anni dopo, fu presentato lo Space Shuttle. Oggi, invece, le cose sono molto diverse. La NASA non ha più un programma spaziale con equipaggio.

luna programma spaziale segreto

 

L’unico modo per gli astronauti statunitensi di entrare nell’orbita terrestre e trascorrere del tempo alla Stazione Spaziale Internazionale è fare l’autostop con i russi. Che cosa è andato storto?

Alcuni dicono che niente è andato storto. Piuttosto, la teoria è che sebbene il programma spaziale con equipaggio della NASA non esista in gran parte più, esiste – nel profondo del cuore dell’esercito americano – un gruppo segreto che gestisce un programma spaziale clandestino.

Potremmo persino parlare di missioni di ritorno altamente riservate sulla Luna e forse anche di voli segreti su Marte. Un gruppo potente controlla ciò che sappiamo – o non sappiamo – sui segreti dello spazio?

Sì. L’autorità UFO Richard Dolan dice: “Nel corso degli anni non sono mancate persone tranquille e serie che mi hanno detto di sapere che esiste un programma così segreto. Ci sono basi sul lato più lontano della Luna? Non lo so per certo, ma non posso escluderlo”.

Una persona che è convinta che esista un gruppo spaziale segreto è Gary McKinnon, un uomo britannico che aveva una Spada di Damocle ufologica sospesa sopra la sua testa per la maggior parte di un decennio, dopo aver deciso incautamente di hackerare il governo degli Stati Uniti per i segreti di il tipo UFO nel 2001.

Secondo McKinnon, mentre navigava illegalmente in sistemi classificati sia della NASA che dell’esercito americano, si è imbattuto in un elenco intitolato “Ufficiali non terrestri“.

McKinnon ha detto di questa scoperta: “Non significa piccoli uomini verdi. Quello che penso significhi non è basato sulla Terra. Ho trovato un elenco di trasferimenti da flotta a flotta e un elenco di nomi di navi. Li ho cercati. Non erano navi della US Navy. Quello che ho visto mi ha fatto credere che avessero una specie di astronave, fuori dal pianeta.

Tutto quanto sopra suggerisce che il programma spaziale segreto è un programma relativamente nuovo. Tuttavia, potrebbe non essere così. Ci sono forti indicazioni che un tale programma – e il controllo del flusso di dati segreti nello spazio – va avanti non solo da anni ma da decenni. Per quanto incredibile possa sembrare, il programma spaziale segreto potrebbe aver avuto origine nell’ultima parte degli anni ’50. Tutto ruota attorno a qualcosa noto come Project Horizon.

È interessante notare che, sebbene la NASA sia stata costituita nel 1958, Project Horizon è caduto sotto gli auspici dei militari, in particolare dell’esercito degli Stati Uniti. Il piano era quello di creare quella che alla fine sarebbe diventata una vasta base sulla superficie della Luna, una base che sarebbe stata armata di armi nucleari e che avrebbe potuto essere utilizzata per attaccare i sovietici se gli Stati Uniti fossero stati colpiti da un attacco furtivo e le infrastrutture della nazione fu significativamente distrutta.

Fu alla fine di marzo 1959 che fu messo in atto l’ambizioso programma. A supervisionare molti dei piani per creare la base segreta c’era il tenente generale Arthur G. Trudeau. A quel tempo, Trudeau era il capo della ricerca e dello sviluppo dell’esercito.

I file ora declassificati su Project Horizon dimostrano che Trudeau e il suo team hanno stimato che sarebbe costato circa 6 miliardi di dollari per progettare, costruire ed equipaggiare completamente una base sulla Luna. In un documento intitolato “Project Horizon: A US Army Study for the Establishment of a Lunar Military Post“, Trudeau scrisse le seguenti parole:

C’è un requisito per un avamposto militare con equipaggio sulla Luna. L’avamposto lunare è necessario per sviluppare e proteggere i potenziali interessi degli Stati Uniti sulla Luna; sviluppare tecniche di sorveglianza della Terra e dello spazio basate sulla Luna, nei collegamenti di comunicazione e nelle operazioni sulla superficie lunare, per ulteriori esplorazioni nello spazio e per operazioni militari sulla Luna, se necessario; e per supportare le indagini scientifiche sul satellite terrestre.

Il programma era davvero grandioso, un’operazione di vasta portata progettata per garantire che il controllo dello spazio esterno cadesse nelle mani degli Stati Uniti. I piani furono rapidamente avviati, sulla scia della pubblicazione del rapporto di Trudeau.

I piani sono stati rapidamente avviati, sulla scia della pubblicazione del rapporto di Trudeau. Uno di quelli che furono portati nel programma fu Wernher Von Braun – un nazista che, alla fine della seconda guerra mondiale, fu segretamente portato negli Stati Uniti sotto la copertura di un programma classificato (e disgustoso) chiamato Operazione Paperclip.

Von Braun scelse di assegnare un ingegnere di nome Heinz-Hermann Koelle per supervisionare Project Horizon. Anche Koelle ha combattuto per i nazisti durante la seconda guerra mondiale.

superficie lunare

 

I piani iniziali prevedevano che la base lunare fosse relativamente piccola, il che aveva molto senso. Dopotutto, stiamo parlando di un territorio e di una tecnologia completamente nuovi. Quindi, il piano era di rendere lentamente e poco a poco la base sempre più grande col passare del tempo.

Ma, inizialmente, sarebbe qualcosa di simile a un avamposto del Polo Nord, con uno staff di circa una o due dozzine. L’utilizzo della base come struttura militare strategica, oltre che come luogo in cui i misteri della Luna e del Sistema Solare potevano essere studiati attentamente e segretamente, assicurò all’America un vantaggio significativo sui sovietici, che erano chiaramente uno dei maggiori minaccia in quel momento.

In effetti, su questo tema di una minaccia sovietica, il team di Project Horizon ha presero in seria considerazione la possibilità che i russi potessero benissimo cercare di distruggere la base – possibilmente con cosmonauti russi, invadendo la base e armati fino ai denti con armi ad alta tecnologia.

Dal punto di vista scientifico, una grande quantità di ricerca si è concentrata sull’assicurare che la base avesse un’abbondante scorta di acqua e ossigeno, senza i quali, ovviamente, nessuno potrebbe vivere. Furono avviati piani per avere grandi navette che inviassero alla base rifornimenti infiniti di acqua e cibo, cioè fino a quando la base e il suo personale non diventassero completamente autosufficienti.

Per quanto riguarda come e dove, esattamente, la base sarebbe stata costruita, gli scienziati di Project Horizon erano dell’opinione che l’opzione migliore sarebbe stata quella di costruirla in un cratere naturale o in una caverna.

Tale era l’entusiasmo per il programma, si stimava che la costruzione iniziale della base potesse iniziare nel 1965, quattro anni prima che Neil Armstrong mettesse piede sulla superficie della Luna. I lavoratori del progetto hanno suggerito che potrebbe essere saggio costruire parti significative della base sotterranea, principalmente per proteggerla non solo dai sovietici, ma anche da detriti spaziali naturali, come frammenti di meteoriti e/o comete – e anche da radiazioni potenzialmente letali.

Sebbene Project Horizon era ritenuto un programma militare fattibile e importante, alla fine è stato ritenuto troppo avanti rispetto a se stesso. I militari conclusero che i piani per Horizon da iniziare nel 1965 erano eccessivamente ambiziosi all’estremo e il programma fu cancellato. O, almeno, ci viene detto che è stato cancellato. Ci sono indicazioni che questo potrebbe non essere stato il caso, e che i piani per controllare lo spazio esterno sono andati avanti in profonda segretezza.

Su questo particolare argomento, è molto intrigante notare che c’è ancora un’altra storia che suggerisce che gli Stati Uniti abbiano un programma spaziale segreto e, in particolare, risale al 1965; lo stesso anno in cui l’esercito americano aveva dichiarato di poter iniziare la costruzione di una base sulla Luna.

La storia viene da un uomo di nome Karl Wolfe. All’epoca in questione, Wolfe era nell’Air Force, lavorando a un programma basato presso la Langley Air Force Base, in Virginia, che supportava i programmi lunar-orbiter della NASA.

Fu mentre era di stanza a Langley che venne a conoscenza di fotografie altamente riservate conservate alla base che mostravano quelli che erano chiaramente edifici e strutture sul lato opposto della Luna – che, in particolare, e a causa della sua orbita specifica, non si mostra mai alla Terra.

Quindi, costruire una base segreta sul lato della Luna che non riusciremo mai a vedere avrebbe perfettamente senso. Naturalmente, alcune persone potrebbero suggerire – e, in effetti, hanno suggerito – che le foto di cui Karl Wolfe è venuto a conoscenza non mostrassero una struttura dell’esercito americano, ma di alieni in visita.

Non è uno scenario impossibile, ma, se prendiamo in considerazione la possibilità che Project Horizon non sia stato cancellato, allora non è affatto improbabile che un qualche tipo di installazione esista davvero sulla Luna – sia sopra che sotto la sua superficie – e abbia svolto un ruolo importante nello sviluppo del programma spaziale segreto degli Stati Uniti. Potrebbe benissimo ancora servire lo stesso programma fino ad oggi.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


NOTA: entrambe le foto della Luna in questo articolo sono state scattate dalla NASA.

Poiché la NASA è un’agenzia governativa degli Stati Uniti,  la NASA considera le sue foto di pubblico dominio.

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina