Questi reperti fuori luogo testimoniano un’Antica Tecnologia Aliena?

L’evoluzione della tecnologia segue un percorso piuttosto lineare nel corso della storia. Ma a volte ci imbattiamo in artefatti anacronistici che sfidano quella percezione e gettano quelle linee temporali percepite per un ciclo. 

Per alcuni, questi artefatti fuori luogo non sono altro che un’antica tecnologia aliena che dimostra che i nostri antenati sono stati visitati una volta da una razza avanzata, mentre altri sostengono che è la prova che abbiamo sottovalutato le facoltà tecnologiche di quegli antenati.

Antica tecnologia aliena

Ecco una lista di presunti antichi artefatti alieni: decidi tu stesso.

I misteri della tecnologia antica di Puma Punku

Crescendo, alla maggior parte viene insegnato che gli egiziani costruirono le piramidi attraverso mezzi primitivi, usando semplici carrucole e la forza bruta del lavoro degli schiavi. Ma a un esame più approfondito, questa spiegazione non sembra avere senso. E lo stesso si potrebbe dire del complesso del tempio di Puma Punku in Bolivia.

Si ritiene che i terreni del tempio di Puma Punku risalgano tra il 536 e il 600 d.C., costruiti da una civiltà che sembra essere stata spazzata via da un cataclisma. Puma Punku fa parte del più grande e noto sito di Tiwanaku, un luogo importante per gli Incas, che credono che sia la culla della loro civiltà – caratteristiche che anche gli antichi teorici degli astronauti potrebbero considerare significative.

Questa zona di Tiwanaku è caratterizzata da un arco megalitico decorato noto come la “Porta del Sole” e, secondo Freddy Silva, potrebbe essere uno dei templi più antichi del mondo. Un tempo dimora tra le 10.000 e le 20.000 persone, il nome Tiwanaku si traduce in “ombelico al centro”, il che implica che un tempo fungeva da centro culturale.

In cima alla Porta del Sole c’è una scultura di, il dio supremo degli Incas. Silva dice che Viracocha e i suoi simili sono stati descritti come molto diversi dagli indigeni Incas: dalla pelle bianca, barbuti, dalla testa chiara e capaci di piegare le leggi della natura. Erano anche significativamente più alti. E queste non erano descrizioni dei Conquistadores – non arrivarono per circa un altro secolo.

I resoconti della razza superumana di Viracocha rendono ancora più interessante l’anomalia della pietra al Puma Punku. Angoli perfetti a 90 gradi, tagli di precisione e una spaziatura uniforme delle pietre sono sconvolgenti, considerando l’epoca primitiva in cui sono stati realizzati. Gran parte di questo lavoro artigianale in pietra rimane distinto fino ad oggi, confondendo scienziati e archeologi allo stesso modo.

Antica Tecnologia Aliena puma punku
Quale tecnologia avrebbero potuto possedere per creare una muratura così raffinata e chi erano i responsabili di un lavoro così preciso?

L’aereo di Quimbaya

Uno degli artefatti più noti propagandati come prova dell’antica tecnologia aliena sono gli aerei Quimbaya – una serie di pezzi d’oro in miniatura, che sembrano raffigurare aerei.

C’è stato un dibattito su cosa rappresentano esattamente questi modelli, come gli scettici e gli archeologi tradizionali dicono che sono semplicemente uccelli. Ma gli antichi teorici astronauti sostengono che alcuni non assomigliano a nessun uccello conosciuto e assomigliano più da vicino a jet o aeroplani moderni.

Le loro ali piatte, la coda stabilizzatrice, il carrello di atterraggio e le potenziali eliche sembrano supportare questa affermazione.

Se corretto, sembra che questi pezzi decorati potrebbero essere il primo esempio di un aeroplano modello, basato sulla tecnologia posseduta dalla Quimbaya o modellata su una razza avanzata che hanno incontrato chi la possedeva.

Nel 1994, questa idea portò gli ingegneri aeronautici tedeschi, Peter Belting e Conrad Lubbers a portare la teoria un ulteriore passo avanti e a creare grandi modelli radiocomandati dei gingilli Quimbaya, con l’intenzione di dimostrare la fattibilità aerodinamica. Li hanno testati durante il volo con sostegno e potenza del getto, trovando che entrambi i progetti erano effettivamente adatti al volo.

Vimana: Una tecnologia antica avanzata

Proprio come gli aeroplani di Quimbaya, c’è menzione di aerei trovati nei testi di culture antiche, i Vimana indù sono uno dei casi più famosi. Detto di essere stato pilotato dagli dei, Vimanas discese dal cielo in molte forme e dimensioni. I Veda Hindu descrivono Vimanas in grande dettaglio, portando molti a credere che potrebbero essere stati testimoni in prima persona.

Oggi, si può trovare la forma di un Vimana in cima a quasi ogni tempio indù in India. Sono stati descritti come i carri degli dei – un nome familiare se sei un fan dell’antico teorico astronauta  Erich von Däniken.

La parola Vimana si traduce in “essere stati misurati” o “attraversati” e descritti come macchine pilotate dagli dei. Simile alla visione della ruota di Ezechiele, queste imbarcazioni emettevano grandi esplosioni di fuoco e potevano viaggiare a grandi velocità e distanze. Alcuni erano veicoli terrestri e marinari, mentre altri volavano fino alla luna o oltre.

Una descrizione di un Vimana sembra sorprendentemente simile alla moderna propulsione a reazione.

“... irradiava la luce e riverberava con un profondo rombo. La sua bellezza ha affascinato le menti di tutti quelli che l’hanno vista. Visvakarma, il signore della sua progettazione e costruzione, l’aveva creato con il potere delle sue austerità, e il suo contorno, come quello del sole, non poteva essere facilmente delineato.

Il meccanismo di Antikythera

Uno dei manufatti anomali più famosi, il meccanismo di Antikythera, è stato trovato nel Mar Egeo tra la Grecia continentale e l’isola di Creta. Fu scoperto intorno all’anno 1900 nel relitto di una nave romana che si ritiene sia affondata nel I secolo a.C.

Il meccanismo è una ruota a più ingranaggi con denti individuali che creano un sistema di ingranaggi perfettamente differenziato. Molti si riferiscono ad esso come il primo computer al mondo, anche se analogico. È stato ricreato dal Dr. Derek de Solla Price nel 1974 e più recentemente è stato ricreato su una scala più piccola per essere indossato come un orologio.

Tuttavia, secondo Mathias Buttet, direttore della ricerca e sviluppo per l’orologiaio Hublot, il suo livello di tecnologia non si trova in nessun orologio moderno.

il meccanismo di Antikythera

Antikythera è stata scoperta nei giorni nascenti della tecnologia subacquea quando gli uomini indossavano tute di ferro con un tubo di ossigeno che conduceva alla superficie. Dopo aver scoperto il dispositivo e altri oggetti nel naufragio, un subacqueo è emerso e ha riferito di aver visto artefatti, cavalli e un equipaggio in basso.

Il suo capitano e l’equipaggio credevano che fosse intossicato dalla miscela di azoto pompata verso di lui, poi durante una successiva esplorazione, un subacqueo morì e altri due rimasero paralizzati dalla malattia da decompressione, alias “le piaghe” – alcuni dicono che queste storie si aggiungono al mistero del dispositivo di Antikythera.

È generalmente inteso che il dispositivo è stato utilizzato per prevedere fenomeni celesti, comprese le orbite di pianeti, costellazioni e persino eclissi. Tuttavia, la sua età risale a molto prima che ci fossero prove che l’uomo capisse che i pianeti fossero rotondi.

La scienza dietro il dispositivo di Antikythera non sarebbe stata eguagliata per migliaia di anni, solidificandolo come uno degli artefatti più anacronistici mai trovati.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

4.6K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina