Giocare a Dio: scienziati creano un embrione artificiale utilizzando cellule staminali

L’editing genetico è come giocare a Dio.

Un team di scienziati dell’Università di Maastricht ha sviluppato un embrione utilizzando cellule staminali diverse da spermatozoi e ovuli, riuscendo a trasferirli con successo nell’utero dei topi. I ricercatori descrivono il loro studio in un articolo pubblicato sulla rivista Nature.

I ricercatori sono riusciti a superare con successo l’intero processo per la prima volta in assoluto, e sperano che questo lavoro possa aiutare a capire come si forma la placenta e come l’embrione viene impiantato nel rivestimento dell’utero.

Embrione artificiale

Quando vengono trasferiti nell’utero, le sfere cellulari, ottenute da due tipi di cellule staminali di roditori, attivano meccanismi di adattamento simili a quelli osservati durante l’impianto nella parete uterina.

Mentre queste prime strutture embrionali non si sono evolute fino allo stato di embrioni maturi, sono servite come modello per studiare lo sviluppo dell’embrione al suo inizio, uno stadio ancora poco compreso nella scienza.

Alcuni giorni dopo la fecondazione, l’ovulo dei mammiferi si sviluppa normalmente in una blastocisti, che corrisponde all’embrione nelle prime fasi del suo sviluppo.

Embrione artificiale coltivato in laboratorio.
Embrioni artificiali coltivati in laboratorio.

Diventa una struttura sferica composta da uno strato di cellule esterne (la placenta futura) che circonda una cavità piena di liquido che contiene una massa di cellule embrionali.

Il fallimento dello sviluppo dell’embrione sarebbe dovuto all’assenza di un terzo tipo di cellula “che ha un ruolo essenziale nella strutturazione dell’embrione ed è scarsamente prodotto dalle cellule staminali embrionali“, afferma il professor Robin Lovell-Badge.

Ottenere risultati comparabili con le cellule umane rimane una grande sfida per i ricercatori che vorrebbero creare embrioni umani in questo modo.

Tuttavia, questo solleva una serie di questioni etiche, sollevando dubbi sul fatto che noi, come società, dovremmo avventurarci nell’ignoto.

È anche degno di nota ricordare che i topi e gli umani sono molto diversi, e questo solleva una serie di domande come; Un utero umano risponderà allo stesso modo a questi blastoidi?

Questa è una risposta che gli scienziati stanno ancora cercando. Nonostante ciò, le scoperte prodotte potrebbero potenzialmente portare a grandi miglioramenti medici.

Clonazione di esseri umani

Il professor Nicholas Rivron dell’Università di Maastricht, leader del gruppo di ricerca, ritiene che un embrione sviluppato potrebbe essere creato in soli tre anni, tuttavia, un embrione umano richiederà decenni di test.

Per la prima volta, possiamo studiare questi fenomeni in modo molto dettagliato ed eseguire controlli farmacologici per trovare medicinali che potrebbero prevenire l’infertilità, trovare contraccettivi migliori o limitare l’aspetto di segni epigenetici che appaiono nella blastocisti e portare a malattie durante la vita adulta” afferma Rivron al Research Gate.

Gli embrioni sono molto preziosi, ma è impossibile utilizzarli per rilevare i farmaci che potrebbero aiutare con la fertilità. Con le blastocisti artificiali possiamo espandere i numeri e alla fine arrivare a capire perché alcuni embrioni non vengono impiantati“, spiega Rivron.

Non credo nell’uso delle blastocisti per la riproduzione umana. Sarebbe per clonare qualcuno che è già vivo. È eticamente molto discutibile“, ha aggiunto il professore parlando a Mail Online.

Il professor Robin Lovell-Badge del Francis Crick Institute di Londra ha affermato che mentre lo sviluppo può essere considerato un passo avanti nella scienza, è un sollievo che non può ancora essere utilizzato per creare, ad esempio, una serie di umani geneticamente identici. “Sarebbe addirittura illegale – almeno nel Regno Unito – impiantare embrioni in una donna”, ha concluso. Fonte: Research Gate

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *