Stargate: esistono sia sulla Terra che nello spazio? | Ufo e Alieni
Mar. Lug 23rd, 2024

Secondo gli esperti, la navicella spaziale THEMIS della NASA ha accumulato informazioni sufficienti per confermare l’esistenza degli Stargate magnetici nello spazio.

stargate

Questi stargate sono il punto in cui il campo geomagnetico distante si scontra con il vento solare. Il risultato è un percorso diretto tra la Terra e il Sole.

“Gli Stargate collegano la Terra con l’Universo”

Nel marzo 2015, la NASA ha lanciato la Multiscale Magnetospheric Mission, o MMS in breve. La sua missione era studiare i portali per capirne di più.

La maggior parte dei portali sono piccoli e di breve durata. Sebbene ne siano stati osservati altri di durata sostenuta, si aprono e si chiudono più volte durante la giornata. Proprio dove le forze magnetiche si mescolano e consentono alle loro particelle di energia di fluire tra la Terra e il Sole.

Si ritiene che il portale più famoso sulla Terra si trovi nel Triangolo delle Bermuda. Copre 3 vertici, è una vasta area che si trova nell’Oceano Atlantico che si estende tra Porto Rico, Bermuda e Florida.

Il primo evento si registra nel 1840, quando una nave francese viene ritrovata mesi dopo la sua scomparsa, navigando con le vele retratte e il carico intatto, ma senza il suo equipaggio.

Dalla fine degli anni ’40, il Triangolo delle Bermuda è stato considerato un’area enigmatica, dove navi e aerei scompaiono senza alcuna spiegazione plausibile da parte del governo o dell’esercito.

Altri fenomeni comuni nella zona sono il malfunzionamento delle apparecchiature elettriche e delle bussole. Oltre a strane anomalie temporanee.

Portali artificiali?

Ma è possibile che non tutti gli stargate siano di origine naturale. Il Philadelphia Project era un progetto della Marina degli Stati Uniti per creare un “mantello dell’invisibilità” elettromagnetico per le sue navi da guerra. Ciò impedirebbe ai nemici di rilevarli.

Le prove iniziarono nel 1943 con la USS Eldridge e ebbero un grande successo. Alcuni testimoni affermano di aver visto una nebbia verde avvolgere il cacciatorpediniere prima che scomparisse per ore. Si ritiene che abbia viaggiato nel tempo e nello spazio per materializzarsi di nuovo.

Contemporaneamente, i marinai della base navale di Norfolk , in Virginia, a 600 chilometri dall’esperimento, riferirono l’improvvisa apparizione della USS Eldridge sui loro radar prima di scomparire pochi minuti dopo.

Un altro tentativo di creare artificialmente uno stargate arriva da Long Island, New York, presso la Montauk Air Force Station. Conosciuto anche come Camp Hero, è stato il sito del Progetto Montauk.

È stato finanziato dal governo degli Stati Uniti nel tentativo di corroborare ulteriormente i dati sui campi magnetici e sui loro effetti. Diventando così un’estensione del Philadelphia Project.

Il progetto Montauk ha condotto diversi esperimenti, inclusa la creazione di un cancello dimensionale che ha permesso ai ricercatori di viaggiare istantaneamente in luoghi lontani.

I rapporti hanno rivelato che gli esperti hanno anche condotto esperimenti psichici con la materializzazione degli oggetti. Si è lavorato anche sul teletrasporto e sulla creazione di buchi neri, sviluppando metodi di riprogrammazione del cervello e un tunnel temporale in cui avrebbero contattato gli extraterrestri.

Gli Stargate sono stati documentati per secoli. Si crede addirittura che le antiche civiltà li usassero per parlare con gli “dei”.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina