Testimonianze di coraggiosi astronauti: «L’UFO e la verità extraterrestre»

La NASA non ha mai affermato nulla sull’esistenza degli UFO, ma non lo ha nemmeno negato. Ma i lavoratori, compresi gli astronauti, hanno assistito a numerosi avvistamenti. Queste coraggiose testimonianze che hanno rischiato tutto per rivelare la verità.

astronauti James McDivitt

Nonostante le testimonianze degli astronauti, l’astrofisico Adam Frank ha dichiarato che il nuovo studio della NASA per indagare sugli UFO non proverebbe nulla.

L’agenzia spaziale ha annunciato la creazione di una squadra di 16 persone che si concentrerà sulle indagini sugli avvistamenti declassificati. Così come altri dati ricevuti dal governo civile e dai settori commerciali. Tuttavia, Frank ha assicurato di non poter negare che si tratta di un notevole progresso nella ricerca scientifica di UFO e alieni.

Testimonianze di astronauti: James McDivitt

L’ex comandante delle missioni Gemini IV e Apollo 9 è morto a Tucson, in Arizona, il 13 ottobre 2022 all’età di 93 anni. McDivitt è stato eletto nella seconda classe di astronauti della NASA nel ’62.

Nel giugno ’65 effettuò il suo primo volo spaziale come capo della missione Gemini IV. A viaggiare con lui c’era il collega pilota dell’Air Force Ed White. Durante la missione, White divenne il primo americano a svolgere attività extraveicolare, o la famosa passeggiata spaziale. Inoltre, ci sono state affermazioni di qualcosa di “possibilmente extraterrestre” avvistato fuori dalla nave.

Le testimonianze di McDivitt, che la NASA ha cercato di minimizzare, parlano di 3 UFO durante la missione. Ha visto un oggetto mentre sorvolava le Hawaii il secondo giorno dell’operazione.

“Sembrava una lattina di birra o una lattina di soda con qualcosa che somigliava a una matita.”

La sua descrizione ricorda l’ UFO Tic-Tac della Marina. Sfortunatamente, non ci sono prove fotografiche dell’incidente.

L’astronauta ha escluso che l’oggetto fosse il secondo stadio del razzo Titan che ha lanciato Gemini IV. Una delle teorie cita un satellite terrestre, ipotesi considerata dal famoso Comitato Condon dell’Aeronautica Militare, incentrata sulla ricerca UFO. Tuttavia, nessun satellite può essere identificato come la fonte del problema.

In 2 diverse interviste, McDivitt ha dichiarato di credere nell’esistenza degli extraterrestri e che non eravamo soli.

Gordon Cooper

astronauta Gordon Cooper

Gordon Cooper, morto nel 2004, è stato uno dei primi astronauti americani. In molte occasioni ha dichiarato di credere negli alieni che provenivano da luoghi diversi dell’universo.

Ha viaggiato nello spazio con la missione Mercury-Atlas 9 con equipaggio nel 1963. Poi, nel 1965, ha stabilito un nuovo record di resistenza spaziale viaggiando per 5,3 milioni di chilometri a bordo di Gemini V, dimostrando che gli astronauti potevano sopravvivere a un viaggio di andata e ritorno sulla luna.

Cooper dichiarò che il primo UFO che vide fu nel 1950, alla base dell’aeronautica di Landstuhl, nella Germania occidentale. Ha detto che all’epoca i MiG-15 russi stavano sorvolando la sua base. Poi, volando a 50.000 piedi, vide strani veicoli a forma di disco volare in formazione, molto più alti e veloci del suo aereo.

Volavano abbastanza in alto, non potevamo dire quanto in alto perché non potevamo avvicinarci alla loro altitudine“.

Nel 1957, Cooper prestò servizio come pilota collaudatore presso la base dell’aeronautica militare di Edwards in California. Nelle sue testimonianze di quel tempo, affermò di aver visto un UFO galleggiante di circa 10 metri di diametro che atterrò nel lago asciutto.

Ho avuto una troupe cinematografica che filmava l’installazione quando hanno visto un disco. L’hanno filmato mentre volava nel cielo, poi si librava, allungava tre gambe come un carrello di atterraggio e scendeva lentamente per atterrare sul letto di un lago asciutto“.

Cooper ha inviato le registrazioni a Washington e ha presentato una denuncia. Cooper non ha mai scoperto se qualcuno li ha visti o se hanno fatto qualcosa al riguardo. Poiché nessuno gli aveva detto che non poteva vederli, lo fece e dichiarò che c’era tutto.

Edgar Mitchell su Roswell

astronauta Edgar Mitchell

L’ incidente di Roswell del 1947 era totalmente reale, secondo le testimonianze dell’astronauta Edgar Mitchell. Ha affermato di avere informatori che gli hanno raccontato la storia interna dell’incidente, ma non hanno mai rivelato i nomi.

Nel febbraio 71, dopo aver completato con successo la missione, l’equipaggio dell’Apollo 14 tornò sulla Terra. Alan Shepard ed Edgar Mitchell sono diventati il ​​5° e il 6° astronauta a camminare sulla Luna. Ma mentre Shepard è stato congedato con onore, Mitchell ha deciso di diffondere la verità .

Ha accettato l’esistenza degli alieni dopo essere stato sulla Luna e l’ha mantenuta fino alla morte. Ha accusato il governo degli Stati Uniti di nascondere la verità sui contatti extraterrestri.

Dopo essere tornato dalla Luna, lasciò la NASA e si dedicò allo studio degli UFO, della storia antica e della coscienza umana.

Nelle sue testimonianze, Mitchell ha detto di aver avuto una conversazione confidenziale con un ammiraglio della Marina, che gli ha detto segretamente che gli alieni entrarono in contatto con il governo all’inizio degli anni ’40.

Erano interessati alle armi terrestri, in particolare alla bomba atomica. All’inizio della Guerra Fredda, visitarono costantemente la Terra perché temevano che scoppiasse una guerra nucleare. Hanno anche influenzato le élite mondiali.

In seguito ha affermato che le sue parole sono state distorte dalla stampa. Ha detto che il governo sapeva dell’esistenza degli alieni dagli anni ’40 e stava nascondendo veri avvistamenti di UFO. Ma non ha mai parlato di ingerenza politica.

Mitchell ha affermato che l’incidente di Roswell è avvenuto perché non c’era modo di impedire a una civiltà avanzata di entrare nello spazio aereo terrestre. Pertanto, questo incidente è diventato il più grande insabbiamento della storia.

Questi coraggiosi astronauti hanno rischiato la vita per dare la loro testimonianza su ciò che ci è nascosto.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

237Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Testimonianze di coraggiosi astronauti: «L’UFO e la verità extraterrestre»

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina