La figura di un gatto di 37 metri si trova su una collina di Nazca

Un gatto lungo circa 37 metri adagiato su una collina sabbiosa è la nuova figura che gli archeologi del Ministero della Cultura peruviana hanno ritrovato nella Pampa de Nazca (Linee di Nazca), sede dei famosi geoglifi che da allora fanno parte della lista del Patrimonio Mondiale 1994.

Gatto di 37 metri

Si stima che il felino sia stato scolpito tra 100 e 200 anni prima della nostra era, molto prima delle famose figure di altri animali come la scimmia o l’uccello appartenenti alla cultura Nazca, e per centinaia di anni è rimasto intatto in mezzo al deserto.

Le prove indicano il fatto che il gatto appartiene alla cultura Paracas, che ha preceduto la cultura Nazca di diversi secoli, a cui sono attribuiti i geoglifi più noti di questa regione. Rappresentazioni di felini di questo tipo sono frequenti nell’iconografia della ceramica e dei tessuti della società Paracas.

Scoperto per caso

La scoperta è avvenuta, secondo l’archeologo Jhonny Isla, responsabile del sistema di gestione del Parco Archeologico di Nasca-Palpa, quando le autorità hanno deciso di migliorare l’accesso al principale belvedere naturale che consente ai visitatori di contemplare da terra parte delle gigantesche figure che dominano il paesaggio della zona.

«Dal Ministero della Cultura ci siamo accorti che l’accesso al belvedere, infatti, passava sopra un geoglifo, e abbiamo pensato di cambiarlo, perché non è possibile che l’accesso fosse promosso danneggiando il patrimonio … Un altro problema è che la salita è stata complicata e volevamo facilitare un passaggio più sicuro … E in quel processo, ci siamo resi conto che c’erano tracce su quel pendio che non erano in alcun modo naturali “, ha spiegato Isla.

Nonostante l’evidente erosione della zona, attraverso fotografie scattate con i droni, si è rivelato quello che fin dall’inizio “sembrava una figura zoomorfa, un felino“, che per centinaia di anni era stato nascosto alla vista di tutti.

È sorprendente che si possano ancora identificare nuove figure, ma sappiamo che ce ne sono altre che possono essere trovate. Negli ultimi anni, l’uso dei droni, che soprattutto ci permettono di scattare immagini sui pendii delle colline, lo ha reso possibile ”, ha detto l’archeologo.

La scoperta iniziale è avvenuta all’inizio di quest’anno, ma a causa dell’interruzione delle attività nel paese a causa del COVID-19, il lavoro sul campo non è stato completato fino ad ora, rivelando la figura di un animale che guarda avanti e si siede su un fianco, disegnato con linee spesse circa un piede.

A cura di Ufoalieni.it


Resource

Loading...

Un gato de 37 metros es el nuevo geoglifo descubierto en las líneas de Nazca
https://actualidad.rt.com/

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest