“Venere era abitabile”. Ultimo studio scientifico

I modelli al computer hanno rivelato l’antico ambiente di Venere. Pertanto, è stato scoperto che potrebbe avere un oceano e temperature abitabili fino a 2.000 milioni di anni dopo la sua formazione.

venere
Secondo uno studio scientifico, Venere avrebbe potuto essere abitabile in un remoto passato.

Gli scienziati del Goddard Institute for Space Studies della NASA, a New York, hanno dimostrato che Venere avrebbe potuto essere un pianeta abitabile.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters e sono stati ottenuti utilizzando un modello simile a quelli utilizzati per prevedere i cambiamenti climatici sulla Terra.

Venere: Era un pianeta abitabile?

Oggi Venere è praticamente un inferno. La sua atmosfera di anidride carbonica è 90 volte più spessa di quella terrestre. Non c’è quasi vapore acqueo e in superficie le temperature superano i 462 gradi Celsius.

Michael Way, ricercatore presso il Goddard Institute for Space Studies e autore principale dello studio, ha affermato che gli strumenti utilizzati per modellare il cambiamento climatico sulla Terra sono perfettamente adatti per lo studio su altri pianeti. Sia per il passato che per il presente.

I risultati della ricerca suggeriscono che Venere era totalmente diverso da quello che conosciamo oggi.

Gli esperti presumevano che per molto tempo Venere fosse molto simile alla Terra, sebbene si fosse evoluta in modo diverso.

La missione Pioneer della NASA Venus, a 80 anni, è stata la prima a suggerire che il pianeta potrebbe aver avuto un oceano ad un certo punto della sua storia.

Ovviamente, essendo più vicino al Sole, la luce solare che riceve è molto maggiore. Di conseguenza, il primo oceano del pianeta è evaporato. La radiazione ultravioletta ha rotto le molecole di vapore acqueo e l’idrogeno si è disperso nello spazio.

L’anidride carbonica si è accumulata nell’atmosfera a causa della mancanza d’acqua sul pianeta, causando l'”effetto serra furioso”, che ha portato Venere allo stato attuale.

Ricerche precedenti avevano già scoperto che la velocità con cui un pianeta ruota attorno al proprio asse influisce sul fatto che abbia o meno un’atmosfera abitabile.

Vita extraterrestre

Su Venere, un giorno sarebbero 117 giorni terrestri . Si credeva che una tale velocità di rotazione necessitasse di un’atmosfera densa, simile a quella della moderna Venere.

Tuttavia, è stato scoperto che lo stesso risultato potrebbe essere stato ottenuto con un’atmosfera simile alla Terra. Ciò significa che nel remoto passato Venere potrebbe aver ruotato alla stessa velocità di adesso, con un’atmosfera sottile.

Il coautore dello studio Anthony Del Genio ha dichiarato quanto segue:

La lenta rotazione di Venere espone il suo lato diurno al sole per quasi due mesi consecutivi nella simulazione del modello GISS. Questo riscalda la superficie, provocando la caduta della pioggia, formando un denso strato di nuvole che agisce come un ombrello, proteggendo la superficie da gran parte del riscaldamento solare. Di conseguenza, le temperature medie dell’aria sono di qualche grado più basse rispetto a quelle attuali sulla Terra“.

Lo studio è stato condotto come parte del Nexus for Exoplanet System Science, o NExSS, programma del programma Planetary Science Astroniology della NASA. Il suo obiettivo è accelerare la ricerca della vita su altri pianeti ed esopianeti, attraverso l’integrazione di osservazioni di astrofisica, scienze planetarie, eliofisica e scienze della Terra.

Ciò significa che le future missioni della NASA, come il Transiting Exoplanet Reconnaissance Satellite o il James Webb Space Telescope, utilizzeranno queste osservazioni per cercare pianeti potenzialmente abitabili.

La vita extraterrestre sta diventando, a poco a poco, uno dei principali obiettivi della Scienza, e scoprire quali pianeti nel nostro Sistema Solare erano abitabili, ci porta ad essere più sicuri della vita nell’Universo, oltre alla vita umana, è un dato di fatto.


VEDI ANCHE▶ Jeff Bezos vuole creare una “nuova civiltà umana” nello spazio

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...
407Shares

Un pensiero su ““Venere era abitabile”. Ultimo studio scientifico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina