Xenobot: i primi “robot viventi” in grado di replicarsi

Un team di scienziati ha creato organismi sintetici in grado di autoreplicarsi. Conosciute come “Xenobot”, queste minuscole macchine biologiche larghe un millimetro hanno ora la capacità di riprodursi, un progresso sorprendente nella biologia sintetica.

xenobot

Pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, un team congiunto dell’Università del Vermont, della Tufts University e dell’Università di Harvard ha utilizzato cellule embrionali di rana Xenopus laevis per costruire gli Xenobot.

Il suo lavoro originale è iniziato nel 2020 quando gli Xenobot sono stati “costruiti” per la prima volta.

Il team ha ideato un algoritmo che ha assemblato innumerevoli cellule per costruire varie macchine biologiche, che alla fine si sono stabilite nelle cellule embrionali della pelle di rana.

I corpi delle macchine sono stati assemblati utilizzando materiale cellulare biologico ed elettrodi artificiali. Una volta attivate, le cellule hanno iniziato a lavorare insieme.

Formando una sorta di architettura, le cellule della pelle iniziarono a raggrupparsi in “corpi” in grado di svolgere compiti specifici, come spingere oggetti microscopici o organizzare e muoversi in formazione.

Andando oltre la capacità di eseguire semplici compiti robotici, il team ha ora alzato la posta.

Con il giusto design, si replicheranno spontaneamente“, ha affermato in un comunicato stampa il co-leader della ricerca Joshua Bongard, scienziato informatico ed esperto di robotica presso l’Università del Vermont.

Proprio come il famoso Pac-Man rinchiuso nel labirinto pieno di pillole, i piccoli robot nuotano intorno e iniziano a raccogliere centinaia di singole cellule nelle loro “bocche”. Pochi giorni dopo, appare un nuovo Xenobot.

xenobot 2

È molto poco intuitivo. Sembra molto semplice“, ha detto il ricercatore Sam Kriegman nella dichiarazione, aggiungendo che “quei genitori hanno costruito figli, che hanno costruito nipoti, che hanno costruito pronipoti, che hanno costruito pro di pronipoti“.

È naturale pensare che questi piccoli Xenobot saranno un giorno responsabili di una ribellione robotica e del futuro distopico presente nel franchise di Terminator, ma le macchine biologiche sono piuttosto innocue.

A differenza della tecnologia attuale, come un laptop, gli Xenobot possono semplicemente spegnersi e, in circa sette giorni, biodegradarsi come farebbe qualsiasi cellula della pelle.

Inoltre, il team non sta cercando di lanciare Xenobot nel mondo come aiutanti robotici.

Piuttosto, l’idea è di studiare come la loro creazione possa portare ad algoritmi migliori e più veloci in grado di manipolare cellule che sono già vive e funzionanti.

Se sapessimo come dire alle raccolte di cellule di fare ciò che vogliamo che facciano, in definitiva, questa è la medicina rigenerativa, questa è la soluzione per le lesioni traumatiche, i difetti alla nascita, il cancro e l’invecchiamento“, ha spiegato Michael Levin, coautore dello studio.

Tutti questi diversi problemi sono qui perché non sappiamo come prevedere e controllare quali gruppi di cellule si formeranno. Gli Xenobot sono una nuova piattaforma per insegnarci“.

 

VEDI ANCHE▶ “Venere era abitabile”. Ultimo studio scientifico

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Team Builds First Living Robots That Can Reproduce
https://www.newswise.com

Científicos crean organismos sintéticos que pueden reproducirse
https://mysteryplanet.com.ar/

Xenobots: los primeros «robots vivos» que pueden replicarse a sí mismos
https://www.ufospain.es

872Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina