Droni Alieni: Linda Moulton scopre i segreti della tecnologia UFO

Tra il 2006 e il 2007, dozzine di persone in varie località geografiche degli Stati Uniti hanno riferito di aver visto lo stesso tipo di UFO. Era di circa 25 piedi di diametro a forma di disco, con fili tentacolari che si estendevano per circa 30 piedi nell’aria.

Il corpo dell’oggetto era solo circa due piedi di spessore, troppo piccolo per essere pilotato dagli umani. Questi oggetti erano soprannominati “droni libellula” a causa delle loro forme insolite, dei loro movimenti e perché sembravano essere controllati a distanza.

Droni Libellula

ufo drone libellula

ufo drone libellula2

Coloro che dicevano di aver visto i droni libellula riferivano che sarebbero apparsi, poi scomparsi dalla vista e poi riapparsi di nuovo, il tutto in pochi secondi di tempo. Da dove provengono? Potrebbero essere gli alieni che spiano sulla Terra? Oppure facevano parte del programma spaziale segreto del governo?

I misteri dei droni di libellula attirarono l’attenzione di Linda Howe .

Un giorno, nel 2007, Linda Moulton Howe, da tempo ricercatrice e documentarista di UFO, aprì la sua e-mail e scoprì di aver ricevuto 12 foto degli oggetti. La sua curiosità la portò a scoprire cosa fossero e da dove provenissero.

Chi è Linda Moulton Howe?

Linda Moulton Howe non è sempre stata una ricercatrice e regista di UFO. Ha iniziato la sua carriera vincendo Miss Idaho nel 1963 come parte del Miss America. Ha partecipato al concorso nella speranza di vincere una borsa di studio universitaria, cosa che ha fatto. Si è laureata con lode presso l’Università del Colorado e ha conseguito un master in comunicazione presso la Stanford University.

Ha vinto numerosi premi per il suo lavoro nel campo degli UFO e su documentari televisivi. È particolarmente interessata agli extraterrestri e alla possibilità che il governo degli Stati Uniti stia lavorando con loro per far progredire la tecnologia e l’uso dell’Intelligenza Artificiale (AI) .

Sulla base del suo lavoro nel campo alieno, la gente cominciò a mandarle delle foto degli UFO. Oltre alle foto, gli osservatori fornirono descrizioni verbali di ciò che avevano visto. Le foto erano state tutte state scattate al bacino Redwoods in California.

Oltre alla descrizione delle loro dimensioni, le persone riferivano di aver visto gli oggetti puntare verso una direzione, per poi cambiare di nuovo direzione, e poi ancora.

Nessun suono fu associato al movimento dell’oggetto. I testimoni notarono che gli oggetti apparvero alla loro vista, per poi sparire e ricomparire in pochi secondi.

Sulla base della sua vasta esperienza, Howe sapeva che le foto erano autentiche e lei credeva ai resoconti dei testimoni. Poco dopo aver ricevuto le foto, ricevette una telefonata da una persona che gli riferì di avere informazioni segrete sui droni libellula. Egli non non disse il suo vero nome ma si presentò con il nome di Isaac..

Isaac, informatore del governo, disse a Howe che negli anni ’80 aveva lavorato a un programma segreto a Palo Alto, in California, per un’organizzazione governativa chiamata CARET (Commercial Applications Research for Extraterrestrial Technology).

Il suo compito, insieme a un gran numero di altri specialisti di computer, era di lavorare per incorporare la tecnologia appresa dagli alieni in droni fabbricati negli Stati Uniti. Isaac disse di aver visto le foto e le parti riconosciute che aveva contribuito a sviluppare utilizzando la tecnologia extraterrestre sul lato inferiore degli oggetti.

Questo, ovviamente, incuriosì Linda Howe. Aprì le comunicazioni con Isaac per scoprire ciò che sapeva e per imparare quanto più poteva sugli insoliti droni UFO che altri avevano osservato.

L’informatore Isaac, CARET e la tecnologia aliena

In quella telefonata a Howe, Isaac disse di essere un ingegnere elettronico e un informatico che aveva lavorato per alcuni anni per il Dipartimento della Difesa (DoD). Mentre era lì, fu selezionato per lavorare nel programma CARET sponsorizzato dal governo, ospitato in un grande edificio a Palo Alto, in California.

Secondo Isaac, lui e gli altri scienziati selezionati per il programma CARET lavoravano in un edificio che, dall’esterno, sembrava una normale biblioteca a due piani. Proprio come molti altri programmi governativi che si nascondono in bella vista, il vero lavoro veniva svolto nei sotterranei nell’edificio CARET.

C’erano tra 200 e 300 scienziati che lavoravano nell’edificio. La loro missione era vedere se, nell’atmosfera di Palo Alto, gli scienziati potevano accelerare l’apprendimento di un nuovo linguaggio informatico o, almeno, cercare di capire un nuovo linguaggio da usare nei droni libellula.

Ogni scienziato aveva lavorato nella propria camera con un’attività specifica assegnata. Non erano autorizzati a condividere le loro informazioni tra loro, quindi Isaac non sapeva cosa facessero gli altri. Studiò i simboli che chiamarono software autoattivante.

Provarono per 30 giorni a duplicare correttamente i simboli, ma non ci riuscirono. Ha anche lavorato su parti per i droni libellula. L’obiettivo principale del lavoro di Isaac era lavorare con la tecnologia aliena, “capire come funzionava” e inserirla, nella sua forma modificata, “in prodotti commercialmente validi”.

Non gli è mai stato detto da dove provenisse realmente la tecnologia, e sospettava che nessuno degli altri scienziati che lavoravano a questo progetto furono informati. A loro fu solo detto che si trattava di tecnologia “non umana”.

Isaac sapeva che la ragione per cui gli UFO descritti nelle foto che apparivano e scomparivano, era dovuto dal fatto che erano progettati per essere invisibili. Quando le frequenze si bloccavano, la luce attorno ai droni si sarebbe piegata giungendo l’invisibilità momentanea per schizzare via.

Isaac aveva anche affermato di essersi fatto avanti quando riconobbe i droni libellula nei reportage e nelle foto dei testimoni come la stessa tecnologia con cui lavorava nello stabilimento di Palo Alto. Un testimone che fu contattato da Isaac, disse di essere stato rassicurato che non aveva visto un drone UFO, ma l’oggetto che aveva visto era stato realizzato negli Stati Uniti.

Gli aveva anche detto che se il drone avesse funzionato correttamente, sarebbe stato invisibile e non l’avrebbe mai visto. Inoltre, affermò che i cani potevano vedere questi droni anche quando erano invisibili.

Cosa ne pensi dei Droni Libellula?

Secondo un articolo di Truthfall, non c’è stato più un drone libellula avvistato dal 2008. Che cosa significa? Il programma drone UFO Dragonfly è stato un successo? Ci sono droni invisibili con tecnologia aliena che si librano sopra di noi proprio adesso? Il governo li possiede o li gestisce o sono caduti in mani private? Se esistono ancora, sono qualcosa di cui dobbiamo preoccuparci o saranno utili per noi?

Queste domande possono solo ispirare altre domande. L’ascesa dell’intelligenza artificiale continua a catturare l’attenzione e la curiosità di scienziati, ricercatori e cercatori.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *