Addio Luna: La Luna si sta lentamente allontanando da noi

I pannelli riflettenti installati sulla Luna dalle missioni Apollo della NASA nel 1969 suggeriscono che la Luna si sta attualmente allontanando dalla Terra di 3,8 cm ogni anno.

La Luna è l’unico corpo celeste oltre alla Terra su cui l’uomo ha messo piede. Abbiamo esplorato la superficie della Luna attraverso varie missioni Apollo. Abbiamo riportato campioni di superficie e rocce e lasciato tonnellate di spazzatura lassù. Ma continuiamo ad esplorare la superficie lunare fino ad oggi. Numerosi lander, rover e satelliti studiano il satellite naturale della Terra.

E si spera che, nei prossimi anni, la missione Artemis III riporterà gli umani sulla superficie della Luna. In futuro, speriamo di costruire avamposti lunari in superficie e stazioni spaziali che fungano da porte verso l’aldilà.

Amo l’astrofotografia. Ogni volta che ne ho l’occasione, tiro fuori il telescopio o la fotocamera e scatto dozzine di immagini della sua sorprendente superficie. Guardando la Luna nel cielo notturno, non puoi fare a meno di vederne la bellezza. Mentre lo osservi, pensi a quanto significhi per la Terra. Tuttavia, non immagineresti mai che si stia lentamente allontanando dalla Terra.

Addio Luna

luna

La nostra conoscenza, tuttavia, ci dice il contrario. I pannelli riflettenti furono installati sulla Luna dalle missioni Apollo della NASA nel 1969. Secondo questi, la Luna si sta attualmente allontanando dalla Terra di 3,8 cm ogni anno.

Una collisione tra la Terra e la Luna circa 1,5 miliardi di anni fa può essere derivata dall’attuale tasso di recessione della Luna. Ma la matematica torna. È improbabile che l’attuale tasso di recessione possa essere utilizzato per stimare il tasso di recessione del passato. Sappiamo che la Luna si è formata circa 4,5 miliardi di anni fa.

Inoltre, un articolo in Conversation ha descritto come gli scienziati sono stati in grado di scoprire storie a lungo termine della nostra Luna che si allontana. Leggere i segnali negli antichi strati di roccia sulla Terra è il modo per farlo, non studiando la Luna stessa.

Ad esempio, il Parco nazionale Karijini dell’Australia occidentale contiene gole scavate in strati sedimentari di 2,5 miliardi di anni. Una formazione di ferro a bande è una formazione sedimentaria composta da strati di ferro e minerali ricchi di silice. Questi erano una volta comunemente trovati sul fondo dell’oceano. Ora trovano la loro strada verso le parti più antiche della crosta terrestre.

Cicli di Milankovitch

Il geologo australiano AF Trendall ha iniziato a esplorare l’origine di questi antichi strati rocciosi nel 1972, sollevando modelli ciclici e ricorrenti su scale diverse. I “cicli di Milankovitch“, che causano variazioni climatiche nel tempo, potrebbero spiegare questi modelli.

Mentre l’orbita terrestre e il suo asse ruotano nel corso di migliaia di anni. I cicli di Milankovitch descrivono piccoli cambiamenti periodici che incidono sulla quantità di luce solare ricevuta dalla Terra.

La forzatura climatica di Milankovitch ha provocato in passato periodi estremamente freddi e caldi, siccità e inondazioni. Le rocce sedimentarie mostrano questi cambiamenti attraverso cambiamenti ciclici.

Un ciclo di Milankovitch, la precessione climatica, influisce direttamente sulla distanza Terra-Luna. È il risultato del movimento di precessione (oscillazione) dell’asse di rotazione terrestre nel tempo che crea questo ciclo. Nella Conversation, è riportato che il ciclo attualmente dura circa 21.000 anni, sebbene la sua durata fosse più breve prima, quando la Luna era più vicina alla Terra.

I cicli di Milankovitch nei vecchi sedimenti possono essere usati per stimare il periodo di oscillazione della Terra. Possono anche dire la distanza tra la Terra e la Luna durante il tempo in cui i sedimenti sono stati depositati.

La ricerca in Sud Africa ha dimostrato che i cicli di Milankovitch potrebbero essere stati conservati in antiche formazioni di ferro a bande, ciò supporta la teoria di Trendall. Circa 2,5 miliardi di anni fa, le formazioni di ferro a bande in Australia furono probabilmente depositate nello stesso oceano delle rocce in Sud Africa. Tuttavia, le variazioni cicliche nelle rocce australiane sono meglio esposte, rendendo possibile studiarle a una risoluzione molto più elevata.

Un giorno più breve rispetto ad oggi

Inoltre, sulla base di un’analisi della formazione di ferro a bande australiana, le variazioni cicliche si ripetono a intervalli di circa 10 e 85 cm. Sulla base di questi spessori e della velocità di deposizione dei sedimenti, gli scienziati hanno determinato che queste variazioni cicliche si verificano all’incirca ogni 11.000 e 100.000 anni.

Uno studio delle rocce suggerisce che il ciclo degli 11.000 è probabilmente correlato alla precessione climatica, il cui periodo è molto più breve degli attuali 21.000. Sulla base di questo segnale di precessione, i ricercatori hanno calcolato la distanza Terra-Luna di 2,46 miliardi di anni.

Sulla base dei loro calcoli, la Luna era circa 60.000 chilometri più vicina alla Terra in quel momento (circa 1,5 volte la circonferenza terrestre). Ciò comporterebbe una giornata più breve, circa 17 ore anziché 24 ore come lo è ora. Lo studio è stato pubblicato negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

245Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Addio Luna: La Luna si sta lentamente allontanando da noi

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina