Avi Loeb: “I primi alieni sono già qui”

Avi Loeb, astronomo di Harvard, è convinto che non siamo soli e che ci siano già navi aliene nello spazio oggi.

avi loeb

Abraham Loeb, Avi per gli amici, è il direttore dell’Institute of Astronomy dell’Università di Harvard e sostiene non solo che non siamo soli nell’universo, ma che è più che probabile che in questo momento “un veicolo spaziale o parte di esso possa essere volando oltre l’orbita di Giove.

Lo ha persino calcolato con un sistema di equazioni complesse, come lui stesso ha spiegato al Washington Post.

È ciò che questo astronomo chiama “modestia cosmica“: l’idea che sia arrogante presumere che siamo soli nell’universo, o anche che siamo una specie particolarmente speciale, scusa la ridondanza. Quando ha messo nero su bianco questa teoria, è diventato virale e ora ci sono fino a cinque produttori cinematografici interessati a portare la sua vita al cinema.

Le idee del 57enne Loeb hanno lasciato perplessi i suoi colleghi, poiché è uno scienziato che insegna in prestigiose università della Ivy League da oltre 30 anni e ha pubblicato centinaia di articoli sulla natura dei buchi neri e delle galassie primitive tra altri argomenti, lontani da ogni sensazionalismo.

Tutto è iniziato alla fine del 2017, quando gli astronomi hawaiani hanno rilevato un oggetto interstellare molto veloce e luminoso e hanno concluso che poteva provenire solo da una stella.

Lo chiamarono Oumuamua, che in hawaiano significa esploratore. Ma Loeb e il suo collega Shmuel Bialy non erano d’accordo, pubblicando un articolo sull’Astrophysical Journal, affermando che Oumuamua “è una candela luminosa, che galleggia nello spazio interstellare come detriti di apparecchiature tecnologiche avanzate“.

La maggior parte degli scienziati crede che Oumuamua sia una roccia o un asteroide interrotto da una stella fusa centinaia di milioni di anni fa, o una cometa ghiacciata che vaga nel vuoto interstellare. Invece Loeb crede che si muova troppo velocemente per essere una roccia inerte e che si allontani dal sole come se qualcosa lo spingesse da dietro.

Immediate le reazioni dei suoi colleghi. “Un esempio scioccante di scienza sensazionalista e mal motivata“, ha scritto l’astrofisico teorico Ethan Siegel su Forbes.

L’astrofisica della North Carolina State University Katie Mack ha suggerito che Loeb stesse cercando pubblicità. “A volte scrivi un articolo su qualcosa che non ritieni affatto vero, solo allo scopo di pubblicarlo“, ha detto a The Verge.

Ma Loeb insiste e, sebbene assicuri che non si possa affermare categoricamente che Oumuamua sia di origine extraterrestre, crede anche che non si possa pensare ad altro: “Molte persone si aspettavano che una volta che ci fosse stata tutta questa pubblicità, avrei fatto marcia indietro. Se qualcuno mi mostra prove contrarie, mi tirerò immediatamente indietro“, dice lo scienziato al quotidiano americano.

Loeb è cresciuto in una cittadina agricola israeliana. Spiega che sedeva sulle colline e leggeva libri di filosofia immaginando l’universo più ampio, che lo ha portato all’università e ad iniziare il suo viaggio verso Oumuamua.

Ha iniziato la sua carriera universitaria a Princeton, nello stesso dipartimento in cui era anche Albert Einstein, e si vanta che Steven Hawking abbia cenato a casa sua una sera e che Steven Spielberg gli abbia chiesto consiglio su un film.

Non ha paura che la sua peculiare visione dell’universo gli causi problemi. “La cosa peggiore che può capitarmi è che mi sollevano dai miei compiti amministrativi, e questo mi darà ancora più tempo per concentrarmi sulla scienza” , dice Loeb, che assicura che “tutte le lauree che ho, posso restituire loro. In effetti, posso tornare alla fattoria.”

Cosa ne pensi? Condividete le teorie di Loeb? Gli alieni sono già tra noi? Guarda la seguente intervista in inglese, di cui puoi attivare i sottotitoli nel menu.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

85Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Avi Loeb: “I primi alieni sono già qui”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina