Cronaca di Akakor: Quando gli Dei vennero “dal cielo”

La Cronaca di Akakor è un insieme di storie scritte dalla tribù Ugha Mongulala che abitano la giungla amazzonica in Brasile e che contengono più di 15 mila anni di storia, dall’arrivo dei loro Dei alla loro civilizzazione fino agli anni ’70 dei nostri tempi.

Originariamente erano scritti nella lingua dei loro antichi maestri (divinità) sulla corteccia degli alberi. Le storie furono trasmesse oralmente dal principe della tribù Ugha Mongulala, Tatunca Nara, al giornalista tedesco Karl Brugger che lavorava in Brasile, il quale registrò l’intera storia su nastro e successivamente scrisse e pubblicò il libro nel 1976.

La Cronaca di Akakor

The Akakor Chronicle

La cronaca racconta la storia millenaria del Sud America dal punto di vista dell’Ugha Mongulala, la più antica civiltà della regione, rivelando molte incognite che la storia e l’archeologia non sono state in grado di spiegare con certezza fino ad oggi, come la costruzione di Tiahuanaco e Machu Picchu. Anche la posizione della città di Akakor, nell’Ugha Mongulala, non è stata trovata a causa della vastità della giungla amazzonica.

In forma cronologica, la prima cosa che la cronaca narra è l’arrivo degli Dei o degli Antichi Maestri nel 13000 a.C. dallo spazio, che selezionarono le tribù aborigene nell’area del Grande Fiume per trasmettere cultura e porre fine alla loro ferocia, insegnando loro a coltivare la terra, a rispettare le leggi della natura e le leggi che loro stessi hanno lasciato in eredità per preservare il bene comune.

Costruirono grandi città di pietra sia in superficie che nel sottosuolo con templi per il culto del Sole, piramidi per scopi spirituali e lunghi tunnel che vanno sottoterra dalle attuali aree del Perù e della Bolivia al Brasile e al Venezuela.

Tremila anni dopo il loro arrivo, gli Dei ritornano nel loro mondo; questa data è stata fissata nella cronologia della Cronaca di Akakor come l’ora zero (o l’anno zero, che corrisponde al 10.481 a.C.).

La storia dell’Ugha Mongulala riesce a muoversi per il numero di avversità che sono dovute sopravvivere per oltre 15 mila anni, sia a catastrofi naturali, guerre contro altre tribù sia contro i “Barbari bianchi”, i conquistatori, che arrivarono dall’Europa nel secolo XV e che hanno quasi raggiunto la loro estinzione.

Se fino ad oggi è rimasto del tutto sconosciuto, ciò è dovuto alle caratteristiche speciali della storia e al completo isolamento dei popoli a cui fa riferimento la storia.

Le ultime scoperte originate dall’invasione sistematica dell’Amazzonia confermano il resoconto del capo Tatunca Nara sul suo popolo, dando così credito a qualcosa che non può più essere ignorato.

Loading...

La Cronaca di Akakor è divisa in quattro parti e copre un periodo di poco più di diecimila anni della vita del popolo di Mongulala:

Il Libro del Giaguaro parla della colonizzazione della Terra da parte degli dei e del periodo fino alla catastrofe del secondo mondo.

Il Libro dell’Aquila copre il periodo tra il 6000 e il 11000 (secondo il suo calendario) e descrive l’arrivo dei Goti.

Il libro della formica racconta la lotta contro i colonizzatori spagnoli e portoghesi dopo il loro sbarco in Perù e Brasile.

Il libro del serpente acquatico descrive l’arrivo dei 2000 soldati tedeschi ad Akakor e la loro integrazione con il popolo dell’Ugha Mongulala; prevede anche una terza grande catastrofe.

Karl Brugger è nato a Monaco e ha studiato storia contemporanea nella sua città natale e a Parigi. Era un corrispondente radiofonico e televisivo indipendente fino al 1974 e da allora ha lavorato come corrispondente per la televisione tedesca a Rio de Janeiro.

Dopo aver completato gli studi di storia e sociologia contemporanei, è partito per il Sud America come giornalista. Lì sentì Akakor. Dal 1974, Brugger è stato anche corrispondente per diverse stazioni radio e televisive nella Repubblica Federale Tedesca.

Nel 1972 conobbe Tatunca Nara, figlio di un leader nativo, a Manaus. Manaus si trova alla confluenza del fiume Solimoes e del fiume Negro, cioè nella prima metà dell’Amazzonia. Tatunca Nara è il capo delle tribù Ugha Mongulala, Dhaka e Haisha.

Brugger, investigatore coscienzioso e scettico, ascoltò la storia davvero incredibile che il nativo gli raccontava. Dopo averlo verificato punto per punto, nel 1976, decise di pubblicare la cronaca che aveva registrato su nastro con il titolo “Die Chronik von Akakor” (La Cronaca di Akakor).

Alcuni paragrafi tratti da La Cronaca di Akakor relativi a Tatunca Nara:

All’inizio tutto era caos. L’uomo viveva come animali, senza ragione e senza conoscenza, senza leggi e senza coltivare la terra, senza vestirsi e senza nemmeno coprire la sua nudità. Non conoscevo i segreti della natura.

Ha vissuto in gruppi di due o tre, quando un incidente li aveva riuniti, in grotte o in fessure rocciose. Gli uomini camminavano in tutte le direzioni fino all’arrivo degli dei. Hanno portato la luce “.

Conoscevano il corso delle stelle e le leggi della natura. In verità, avevano familiarità con le leggi più profonde dell’Universo. Centotrenta famiglie degli antichi padri vennero sulla Terra e portarono la luce. ”

Hanno portato l’uomo dall’oscurità alla luce. Prima dell’arrivo degli stranieri, gli uomini vagavano come bambini che non riescono a trovare le loro case e i cui cuori non conoscono l’amore. Hanno raccolto radici, bulbi e frutti che sono cresciuti spontaneamente; vivevano in grotte e buchi nel terreno; litigarono con i vicini per il bottino cacciato.

Ma poi gli dei vennero e istituirono un nuovo ordine nel mondo. Insegnarono agli uomini a coltivare la terra e allevare animali. Insegnarono loro a tessere la stoffa e assegnarono case permanenti a famiglie e clan. Così nacquero le tribù. Questo è stato l’inizio della luce, della vita e della tribù.

Gli dei hanno chiamato gli uomini a radunarsi insieme. Hanno deliberato, riflettuto e tenuto consigli. E poi hanno preso le decisioni. E da tutte le persone hanno scelto i loro servi per vivere con loro e ai quali hanno trasmesso le loro conoscenze.

E gli dei governarono da Akakor. Regnarono sugli uomini e sulla Terra. Avevano navi più veloci del volo degli uccelli; navi che arrivavano a destinazione senza vele e senza remi, sia di notte che di giorno.

Avevano pietre magiche per osservare i luoghi più distanti, in modo da poter vedere città, fiumi, colline e laghi. Qualsiasi evento accaduto sulla Terra o nel cielo si rifletteva nelle pietre. Ma la cosa più meravigliosa di tutte erano le residenze sotterranee. E gli dei li hanno dati ai loro servitori eletti come ultimo dono ”.

Per coincidenza, La Cronaca di Akakor si inserisce in un quadro familiare ai mitologi di tutto il mondo. Gli dei vennero “dal cielo”, istruirono i primi umani, si lasciarono dietro alcuni misteriosi dispositivi e scomparvero di nuovo “in cielo”.

I disastri devastanti descritti da Tatunca Nara possono essere collegati anche nei minimi dettagli ai “Mondi in collisione” di Immanuel Velikovsky.

Come documento storico e culturale, La Cronaca di Akakor dà un’idea completa del lavoro intellettuale di uno dei popoli più antichi della Terra. La nostra conoscenza del Sud America assume nuove prospettive attraverso questo libro e le domande sembrano indicare nuove strade per la ricerca.

Ci rivela una dimensione che farà vedere anche agli scettici che l’impensabile è spesso immaginabile. Che ne pensi?

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Brugger Karl Cronica de Akakor pdf
http://www.mediafire.com/

loading...
Loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.